CI MANCAVA SOLO LA CROCIFISSIONE FEMMINISTA DI DIEGO – NON ERA UN SANTO, MA PARLARE DI “MORALE PENOSA”, “MACHO INTEGRALISTA” E “CONVINTO PATRIARCATO” NON E’ UN FILINO ESAGERATO? TANTO PIU’ CHE LE CONFESSIONI NON LO ASSOLVONO, LE SUE DONNE SÌ, TUTTE. NONOSTANTE LE CAUSE E I FIGLI RICONOSCIUTI IN RITARDO - NEL CALCIO VIGE IL MACHISMO PURE SENZA MARADONA. ANCHE SE DUE DONNE, FRAPPART E GAMA, PROVANO A RIBALTARE GLI SCHEMI…

-

Condividi questo articolo

Giulia Zonca per “la Stampa”

 

CALIFANO MARADONA CLAUDIA CALIFANO MARADONA CLAUDIA

Voltare le spalle al mito perché ha dato il cattivo esempio ci sta, ma Maradona ha visto il mondo che gli si girava contro mentre era ancora vivo. La legittima protesta della calciatrice che si rifiuta di dedicargli un minuto di silenzio non può buttarlo giù da un piedistallo che non ha mai retto.

Lui si è tuffato da solo in un abisso ributtante da cui emerge limpido il suo calcio.

 

La 24enne Paula, orgogliosa numero 6 del Viajes Interrìas, terza categoria spagnola, contesta il tributo: «Va contro la mia coscienza femminista». Un po' il concetto espresso da Laura Pausini: «Fa più notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile, piuttosto che l'addio a tante donne maltrattate».

 

maradona claudia villafane maradona claudia villafane

Maradona è figlio di un convinto patriarcato, macho integralista, di quelli che amano la mamma e la moglie, da tradire in ogni modo con la convinzione di non toglierle nulla. Dopo i Mondiali vinti ha presentato fiero la sua stanza: foto di Claudia, futura sposa, e poster di una modella nuda a gambe larghe: «L'ho guardata per un mese».

 

Era tutto lì, il lunatico che divide il genere femminile tra madonne e prostitute e pensa che basti pagare per avere ragione. Il dio del calcio che usa la protezione della camorra per andare a mignotte senza lasciare tracce. Impronte ovunque. Il tossicomane che a Cuba pensa di disintossicarsi dalla droga mentre posa con ragazzine minorenni senza vestiti addosso. La sua morale è penosa e tutto lo schifo che ha fatto lo ha raccontato lui, per spiegare una vita di pressioni che solo il pallone azzerava.

 

maradona claudia maradona claudia

Le confessioni non lo assolvono, le sue donne sì, tutte. Nonostante le cause e i figli riconosciuti in ritardo. Claudia, incontrata a 16 anni, sposata in un luna park e sempre considerata un punto fermo: «Ero innamorato, ma non ero un santo». Frase che vale per tutte le relazioni.

 

Per Cristiana Sinagra, madre di Diego jr, abbracciato solo dopo i 18 anni. Lei conserva «ricordi meravigliosi» e rifiuta i giudizi. Verónica Ojeda, insegnante di educazione fisica, 20 anni meno di lui, nata nello stesso quartiere, abbandonata quando era incinta e protetta a distanza, con toni da padrino, nel messaggio al nuovo compagno: «Prenditi cura di lei».

 

Rocho Oliva, calciatrice che lui ha fatto quasi impazzire, trent'anni più giovane e in coda, in lacrime, davanti alla Casa Rosada per salutarlo. Considerarle vittime non sarebbe giusto, hanno fatto le loro scelte, come la ragazza che gli ha dato le spalle in campo.

maradona rocio maradona rocio

 

Non c'è nulla nella vita urticante di Maradona che pretenda il disprezzo per il suo talento, per il modo unico in cui l'ha usato. Non è Tyson che ha perso il diritto a essere ricordato campione. La maggioranza non avrebbe mai voluto conoscerlo e l’avrebbe guardato giocare in eterno.

 

maradona veronica ojeda maradona veronica ojeda

Il calcio impara a prendere le distanze dal suo machismo: sceglie Stephanie Frappart per arbitrare Juventus-Dinamo Kiev, prima donna a dirigere una partita di Champions. Sceglie Sara Gama come vice presidente dell'assocalciatori e fino a lei in quel ruolo c'erano stati solo uomini. Volta di continuo le spalle a Maradona senza bisogno di cancellarlo.

ROCIO OLIVA E DIEGO MARADONA ROCIO OLIVA E DIEGO MARADONA maradona veronica ojeda maradona veronica ojeda veronica ojeda veronica ojeda diego maradona e veronica ojeda diego maradona e veronica ojeda veronica ojeda diego maradona veronica ojeda diego maradona veronica ojeda veronica ojeda maradona claudia e le figlie maradona claudia e le figlie veronica ojeda diego maradona veronica ojeda diego maradona veronica ojeda diego maradona veronica ojeda diego maradona veronica ojeda veronica ojeda veronica ojeda. veronica ojeda. MARADONA ROCIO MARADONA ROCIO ROCIO OLIVA E DIEGO MARADONA ROCIO OLIVA E DIEGO MARADONA maradona rocio maradona rocio maradona rocio maradona rocio DIEGO MARADONA CON CLAUDIA DALMA E GIANNINA DIEGO MARADONA CON CLAUDIA DALMA E GIANNINA maradona rocio maradona rocio Maradona - Claudia Villafane Maradona - Claudia Villafane DIEGO ARMANDO MARADONA E CLAUDIA DIEGO ARMANDO MARADONA E CLAUDIA diego armando maradona e la moglie claudia al compleanno di massimo casanova a milano 2003 diego armando maradona e la moglie claudia al compleanno di massimo casanova a milano 2003 matrimonio di diego armando maradona con claudia villafane matrimonio di diego armando maradona con claudia villafane diego armando maradona con la moglie claudia a saint tropez nel 1998 diego armando maradona con la moglie claudia a saint tropez nel 1998 diego armando maradona e la moglie claudia a l'avana nel 2000 diego armando maradona e la moglie claudia a l'avana nel 2000 diego armando maradona con claudia villafane a una festa diego armando maradona con claudia villafane a una festa diego armando maradona e la moglie claudia in uruguay nel 1999 diego armando maradona e la moglie claudia in uruguay nel 1999 diego armando maradona bacia la moglie claudia hotel las praderas 2000 diego armando maradona bacia la moglie claudia hotel las praderas 2000 diego armando maradona e la moglie claudia il giorno del matrimonio al luna park stadium diego armando maradona e la moglie claudia il giorno del matrimonio al luna park stadium diego armando maradona con claudia villafane e un'altra donna a st tropez nel 1998 diego armando maradona con claudia villafane e un'altra donna a st tropez nel 1998 diego armando maradona con la moglie claudia a una festa diego armando maradona con la moglie claudia a una festa

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAMNATIO D'URSO! - ENNESIMA SPIA DELLA GUERRA TRA I DUE "PARTITI" MEDIASET: DE FILIPPI-SIGNORINI VS D'URSO - SU "CHI", COSTANZO LODA I PALINSESTI POMERIDIANI DI RAIUNO E CANALE5 CHE HANNO "SALVATO I POMERIGGI DEGLI ITALIANI IN LOCKDOWN" - UNA LUNGA LISTA DI ELOGI IN CUI NON TROVA NEANCHE UNO SPAZIETTO "BARBARIE" D'URSO, CHE TRONEGGIA OGNI GIORNO SUL  BISCIONE - CHISSA' SE DOPO AVERLO LETTO, IN PREDA A UN TRAVASO DI BILE, BARBARELLA SI E' AGGRAPPATA AL TELEFONO PER SFOGARSI CON I VERTICI MEDIASET…

politica

business

cronache

sport

MA NON E’ CHE MORATTI VUOLE RIPRENDERSI L’INTER? –  DIETRO "LA CORDATA DEI VIP" (DA COTTARELLI A BONOLIS, DA VALENTINO ROSSI A FIORELLO) CHE VORREBBE RIPORTARE IN AUGE IL PROGETTO "INTERSPAC", PER AFFIANCARE COME SOCI DI MINORANZA GLI ZHANG, C’È ANCHE L’EX PATRON? L'ASSIST DELL’EX PRESIDENTE RAI ZACCARIA ("CI PIACEREBBE AVERE CON NOI TRONCHETTI E MORATTI") VIENE RACCOLTO DAL PRESIDENTE DEL TRIPLETE: “UN'OPERAZIONE COMPLICATA MA ROMANTICA. SONO INTERISTA, QUINDI…”

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute