COSA VOGLIONO FARE DELLA ROMA, ORMAI ABBONATA AL SESTO POSTO, QUEI PERACOTTARI DEI FRIEDKIN? DALL’ACQUISTO DELL’EVERTON AI TAGLI DEL PERSONALE, DAL PROGETTO STADIO BLOCCATO A UN MERCATO FUMOSO, I TIFOSI, CHE HANNO SOTTOSCRITTO PIU’ DI 35MILA ABBONAMENTI A SCATOLA CHIUSA, SI INTERROGANO SULLA STRATEGIA DEI TEXANI DI CUI NESSUNO CONOSCE LA VOCE: VOGLIONO RILANCIARE O VENDERE? – COME MAI NON E’ STATO ANCORA UFFICIALIZZATO IL RINNOVO DI DE ROSSI?

-

Condividi questo articolo


Gianluca Lengua Fernando M. Magliaro per "Il Messaggero" - Estratti

 

de rossi dan ryan friedkin de rossi dan ryan friedkin

Da una parte ci sono più di 35mila abbonamenti già sottoscritti e l'obiettivo di superare quota 40mila è alla portata.

 

Dall'altra ci sono le chat e i messaggi dei tifosi preoccupati: i silenzi della società, l'acquisto dell'Everton con la stampa britannica, l'Independent, che parla di un'iniezione di capitali da parte dei Friedkin di 200 milioni di sterline, la chiusura della sede dell'Eur e lo spostamento, fra mille difficoltà, di tutto il personale a Trigoria.

 

E molti tagli al personale che, forse era divenuto negli anni sovrabbondante ma che comunque sono tanti e dolorosi. Insomma, al di là delle reiterate e formali dichiarazioni - mai dei proprietari in prima persona - dei vertici societari sulla volontà del Gruppo Friedkin di voler rimanere, è difficile ignorare le costanti voci sulla cessione del pacchetto azionario e su un impegno non esattamente intenso sul fronte stadio di Pietralata.

dan friedkin dan friedkin

 

L'ultima in ordine di tempo è l'acquisizione dell'Everton, squadra di Liverpool che milita in Premier League, vinta 9 volte, l'ultima nel lontano 1986-1987.

Da settimane rimbalzano le voci su questa operazione per la quale, secondo i media britannici, i Friedkin hanno già sborsato 200 milioni di sterline per ripianare un prestito e immettere capitali liquidi nelle casse del club per coprire i costi correnti.

 

Un'operazione molto simile a quanto fatto a Roma, al momento dell'avvicendamento con il precedente proprietario, James Pallotta. In totale l'operazione costerà al gruppo Friedkin 650 milioni di euro. Denaro che in parte servirà a coprire l'enorme debito che ha contratto il club inglese.

 

UN DIRIGENTE DELLA ROMA PASSA UN PACCHETTO A RYAN FRIEDKIN IN TRIBUNA A BERGAMO UN DIRIGENTE DELLA ROMA PASSA UN PACCHETTO A RYAN FRIEDKIN IN TRIBUNA A BERGAMO

(...)

 C'è poi il capitolo ristrutturazione aziendale. Dal loro arrivo, i Friedkin hanno cambiato molte posizioni di vertice, spesso con decisioni repentine e sorprendenti. Ma hanno iniziato anche un'opera di sfoltimento dei ranghi dei dipendenti e di razionalizzazione delle sedi. Addio agli uffici dell'Eur, di viale Tolstoj. Si torna a Trigoria. Tutti. Con non pochi problemi pratici, come la ristrutturazione della sala stampa interna ridotta per far spazio a una sessantina di persone provenienti dagli uffici chiusi. Ci sono inoltre 100 componenti dello staff delle giovanili (compresi preparatori, magazzinieri e medici) in scadenza di contratto e che sono rimasti fino all'ultimo in attesa di un rinnovo.

 

FRIEDKIN FRIEDKIN

(...) Sarebbe ancora in ballo il contratto del Chief Football Operating Officer del Club Maurizio Lombardo, braccio destro di Lina Souloukou che nelle ultime settimane è stata anche lei impegnata a gestire alcuni aspetti dell'acquisizione dell'Everton. Tutto fatto, invece, per il contratto di Daniele De Rossi, ma dopo le dichiarazioni rilasciate da Dan e Ryan Friedkin lo scorso 18 aprile per anticipare il rinnovo, non è stato ancora ufficializzato l'accordo.

DAN FRIEDKIN DAN FRIEDKIN striscione contro friedkin striscione contro friedkin DAN FRIEDKIN DAN FRIEDKIN friedkin friedkin friedkin friedkin lina souloukou ryan friedkin foto mezzelani gmt127 lina souloukou ryan friedkin foto mezzelani gmt127

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?