COSI E’ SE VI PAIRE: “GIOCO, PERDO, INCASSO” - IL NICHILISMO TENNISTICO SECONDO BENOIT PAIRE. SI ISCRIVE AI TORNEI SAPENDO DI NON VOLER ANDARE PIU’ IN LA’ DEL PRIMO TURNO E PER UNA MULTA CHE ARRIVA OGNI TANTO, SUONA MOLTO PIÙ SPESSO IL REGISTRATORE DI CASSA A PREMIARE LA MANCANZA DI RISPETTO NEI CONFRONTI DI COLLEGHI E SPETTATORI - A MONTECARLO TRIONFA TSITSIPAS: E’ IL PRIMO MASTERS 1000 IN CARRIERA PER "L’APOLLO" GRECO...

-

Condividi questo articolo


Marco Lombardo per il Giornale

 

benoit paire benoit paire

Forse per far paura alle critiche il Barbablù delle racchette si è fatto crescere ancor di più il pelo intorno al mento. Ma Benoit Paire è in fondo la terza via nella guerra non più strisciante tra chi sta con gli organizzatori dei tornei e chi invece vorrebbe mettere in mano tutto il bottino ai giocatori: lui, semplicemente, se ne frega.

 

Chiamiamolo nichilismo tennistico, in un momento in cui le bolle dello sport hanno alzato l'insofferenza contro le prigioni, seppur dorate, dei tornei. Ma soprattutto si chiama «tanking», ovvero l'abitudine di iscriversi sapendo di non voler andare più in là del primo turno. A volte per scommessa (illegale), spesso solo per stupida furbizia.

 

BENOIT PAIRE BENOIT PAIRE

Basta fare come Benoit, insomma: magari anche fingere di impegnarsi per arrivare al terzo set e poi sparare gli ultimi due punti in piccionaia, possibilmente con doppio fallo annesso. La sportività? Non alloggia sicuramente negli hotel dei Barbablù, visto tra l'altro che con i loro mezzucci possono rovinare un sacco di colleghi alla disperata ricerca di un posto al sole. Per dire: a perdere al primo turno di uno Slam si guadagna di più che vincere, facendo una fatica del diavolo ai confini del mondo, sei tornei Challenger.

 

E per ogni posto che occupa il Paire di turno c'è un plotone di volenterosi tennisti che restano fuori dal tabellone e quindi da un (grande, per loro) bottino che basterebbe per salvare una stagione. E sfamare la famiglia. Ma tant' è: nel circuito i professionisti del mestiere - quelli che si potrebbero considerare il tennisti-travet - si conoscono, eppure la partita è impari.

 

tsitsipas tsitsipas

Nessuno per dire riesce a fermare gente come Bernard Tomic o Kei Nishikori, specialisti nel far comparire qua e là qualche dolorino improvviso. Oppure uno come Nick Kyrgios, capace di appoggiarsi a fondo campo e mettersi per qualche game in modalità blackout. E per una multa che arriva ogni tanto, suona molto più spesso il registratore di cassa a premiare la mancanza di rispetto nei confronti di colleghi e spettatori. Perché arrivare alla prova provata è spesso un esercizio complicato. A meno che però non ti trovi davanti uno come Benoit, che te lo dice candidamente pure in faccia e con l'aria un po' schifata. Che dire: da perfetto Barbablù, lui è davvero una favola.

benoit paire benoit paire paire paire BENOIT PAIRE BENOIT PAIRE

 

paire paire paire sinner paire sinner

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute