CRISTIANO RONALDO SARÀ A TORINO PER FARSI INTERROGARE DAI PM DELL’INCHIESTA JUVENTUS - SECONDO "LIBERO", CR7 VUOLE I 20 MILIONI DELLA FAMOSA CARTA SEGRETA CHE NON HA MAI FIRMATO E SBARCHERA’ A TORINO POCHI GIORNI PRIMA DEL PROCESSO (INIZIA IL 27 MARZO) CHE VEDRÀ SUL BANCO DEGLI IMPUTATI AGNELLI E I DIRIGENTI DELLA PASSATA GESTIONE BIANCONERA – IL PORTOGHESE CONFERMERA’ AI PM CHE LUI DI CARTE SEGRETE NON NE HA MAI FIRMATE. UN PASSAGGIO CHE INGUAIA ANCORA DI PIU’ LA JUVE…

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

agnelli ronaldo paratici agnelli ronaldo paratici

 

Cristiano Ronaldo sarà a Torino pochi giorni prima del processo Juventus. Vuole i 20 milioni della famosa carta segreta che non ha mai firmato. Lo scrive Libero.

 

Al ristorante “La Credenza” di San Maurizio Canavese, a pochi chilometri da Torino e poco distante dall’aeroporto “Sandro Pertini” di Caselle, la tavola è già imbandita per quattro persone. Cristiano Ronaldo, la gentile consorte Georgina Rodriguez, l’avvocato e il manager del campione. Prima ancora dei magistrati, l’oste del “La Credenza” saprà data e orario dell’arrivo del campione, suo vecchio e affezionato cliente. Con il suo jet privato Ronaldo atterrerà nei giorni precedenti il 27 marzo, data di inizio del processo che si celebrerà a Torino e che vedrà sul banco degli imputati gli ex top manager della Vecchia Signora.

carta di ronaldo carta di ronaldo

 

 

Il viaggio che CR7 intendere compiere ha due obiettivi: il primo e per lui più importante è quello di incassare i 20 milioni di euro che pretende dalla Juventus «secondo accordi presi “in chiaro” e non garantiti da alcuna carta segreta», hanno fatto sapere dall’entourage del calciatore. Il secondo è quello di confermare ai magistrati della procura di Torino, l’aggiunto Marco Gianoglio e i sostituti Ciro Santoriello e Mario Bendoni, che lui di carte segrete non ne ha mai firmate. Infatti, l’unico documento che lo riguarda, trovato nel corso delle perquisizioni negli studi di alcuni legali torinesi e che è nelle mani dei pm, non reca la firma di CR7, ma solo della controparte.

carta di ronaldo carta di ronaldo

 

 

 

Gianoglio, Santoriello e Bendoni vogliono ascoltare direttamente da Ronaldo se, per caso «lui è in possesso di una copia firmata da entrambe le parti». In questi mesi il campione è stato contattato più volte dalla magistratura torinese che intendeva e intende ascoltarlo come testimone, ma Ronaldo ha sempre (almeno finora) declinato l’invito. La scorsa settimana, invece, c’è stata la disponibilità per un breve colloquio che, in un primo tempo, era stato organizzato all’aeroporto Levaldigi di Cuneo, dove si sarebbero dovuti recare i magistrati per incontrare CR7 in scalo per pochi minuti. Poi il cambio di programma perché il colloquio non sarà così breve e l’ipotesi del “Sandro Pertini” sarebbe diventata la più probabile e gradita ad entrambi. Ai i magistrati, perché lo scalo si trova a pochi chilometri da Torino; a Ronaldo e al suo clan, perché nel programma potrebbe rientrare la sosta al “La Credenza” di San Maurizio Canavese dove, quando vestiva la casacca bianconera, Ronaldo e Georgina vi si recavano frequentemente.

carta di ronaldo carta di ronaldo

 

Per tornare alla “carta segreta”, però, gli inquirenti ritengono che la cosa fondamentale è che sia stata firmata dalla Juventus, titolare del riconoscimento del debito da 19 milioni nei suoi confronti (comunque garantiti dal contratto “in chiaro”).

cristino ronaldo 3 cristino ronaldo 3 cristino ronaldo 6 cristino ronaldo 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute