DALLI A “CICCIOBELLO” THOHIR - L’INTERISTA IACCHETTI: ‘’NON MI PIACE. NON PARLA ITALIANO E MI HA TOLTO PURE LA TESSERA PER LO STADIO’’ - MAZZARRI PARLA DI “RAZZISMO”, IL NUMERO 1 DELLA LEGA BERETTA: “COSÌ SCORAGGIAMO GLI INVESTITORI STRANIERI”

Dopo Ferrero e la Christillin anche il comico Iacchetti al veleno contro Thohir: “Non spende? Forse ha finito i soldi” - Solo battute ironiche? Mazzarri è convinto che certe frasi siano “assurdità o anche peggio: si potrebbe anche parlare di razzismo” - Beretta preoccupato: “Basta pregiudizi”...

Condividi questo articolo

Andrea Sorrentino per “la Repubblica

 

THOHIR THOHIR

È straniero, anzi asiatico, e neppure cinese o giapponese ma addirittura indonesiano. Non parla italiano ma un inglese con forte accento dell’Indocina, a nessuno a Hollywood verrebbe in mente di ingaggiarlo come controfigura di Brad Pitt, non ha amicizie con i nostri poteri forti, anzi da quasi un anno ha sostituito alla guida dell’Inter un esponente di una delle famiglie più in vista di Milano, dunque d’Italia. Ergo, dalli a Erick Thohir. Le battutine striscianti dei mesi scorsi sono sfociate nell’ufficialità delle ultime clamorose uscite.

 

C’è stato «er filippino » di Massimo Ferrero, che poi si è scusato con l’Inter (anche per lettera) ma ieri con una precisazione ha riaggiornato quel vecchio detto veneto del tacòn e del buso: «Mica lo sapevo che era indonesiano e non filippino: l’ho appreso dalla tv».

 

iacchetti enzo iacchetti enzo

Oppure «piccolotto cicciottello indonesiano» e «Cicciobello a mandorla», nella definizione di Evelina Christillin. Insomma: si avverte nell’aria un certo qual disprezzo di sottofondo nei confronti del presidente dell’Inter, qualcosa che secondo molti si avvicina al razzismo, anche se poi tutti dicono di no, al massimo sono battute ironiche.

 

mazzarri mazzarri

Ne è convinto invece Walter Mazzarri, che mercoledì notte alla Rai l’ha proprio detto: «Non capisco questi attacchi al nostro presidente. Lui è arrivato in Italia e come qualsiasi grande capo d’azienda ha iniziato un progetto, valutando il personale a sua disposizione e compiendo scelte. Certe frasi sono assurdità, per non dire di peggio. Si potrebbe anche parlare di razzismo: lo è, quando ci si riferisce alla provenienza di una persona. Forse siamo proprio noi a dire idiozie e a istigare il pubblico, però non ci facciamo caso e così si finisce col non affrontare realmente il problema».

maurizio beretta maurizio beretta

 

Come tutte le cose che Mazzarri fa e dice, anche questa gli è sgorgata dal petto, d’istinto e di visceri, e insomma l’ha detta. Più meditata l’uscita del presidente della Lega di serie A, Maurizio Beretta, che ha affidato all’Ansa il suo pensiero: «Basta pregiudizi. Thohir merita rispetto, come persona e come imprenditore internazionale. Uno come lui è un valore per il calcio italiano».

 

Beretta si confessa preoccupato per un aspetto molto più prosaico del razzismo: «Viene spesso portato a esempio il modello dell’Inghilterra dove la presenza di investitori esteri ha contribuito a rafforzare la Premier League. Sarebbe un grave errore se si creasse un clima tale da scoraggiare potenziali investitori interessati al nostro calcio, e non solo ».

Evelina Christillin Evelina Christillin

 

Thohir ha apprezzato l’intervento di Beretta e gli ha fatto arrivare un ringraziamento, ma la vicenda è ben lontana dalla chiusura. Ieri è intervenuto pure il comico e tifoso interista Enzo Iacchetti, a “Un giorno da pecora” di Radiodue: «Thohir non spende? Forse ha finito i soldi. Non mi piace perché non parla italiano: almeno impari a dire buongiorno e buonasera». Poi un’osservazione che forse spiega tutto: «Thohir non piace più a nessuno. A me ha tolto pure la tessera per andare allo stadio. Magari adesso manderà in tribuna qualche vip indonesiano». E allora avanti il prossimo, tanto la cosa non finisce mica qui.

Massimo Ferrero Massimo Ferrero

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute