LA FACCIA SPORCA SI RIPULISCE CON I PETRODOLLARI - L'ARABIA SAUDITA AGGIUNGE KARIM BENZEMA ALLA COLLEZIONE DI FIGURINE DA ESPORRE IN VETRINA - IL FRANCESE È VICINISSIMO A FIRMARE IL MAXI CONTRATTO DA 200 MILIONI A STAGIONE CON L'AL-ITTIHAD - DOPO CRISTIANO RONALDO, E IN ATTESA DI LIONEL MESSI, MOHAMMED BIN SALMAN VUOLE SFRUTTARE IL "SOFT POWER" DEL CALCIO PER DARE UNA RINFRESCATA ALL'IMMAGINE DEL PAESE E FAR DIMENTICARE LE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Enrico Currò per “la Repubblica”

 

karim benzema 3 karim benzema 3

Fuori dalle rotte eurocentriche del calcio, sta per nascere il campionato più politico del mondo: la Saudi Pro League. […] un formidabile veicolo di politica estera grazie alla più fastosa parata di campioni strapagati mai vista: Cristiano Ronaldo e Benzema già assoldati, Messi è scopertamente corteggiato dal principe ereditario Mohammed bin Salman, e fanno 13 Palloni d'Oro in tre. Collezione utile a sostenere la candidatura saudita per l'organizzazione del Mondiale 2030 e a lucidare l'immagine internazionale di un Paese avvolto dalle opacità sul rispetto dei diritti umani.

 

bin salman messi cr7 ronaldo bin salman messi cr7 ronaldo

Lo scorso dicembre, dopo il Mondiale in Qatar che ha dimostrato la dirompente forza politica del pallone […] il principe-premier ha rotto gli indugi. […] Bin Salman […] Intende fare aperta concorrenza alle grandi leghe europee - inglese, spagnola, tedesca, italiana e francese - aggiungendo al campione portoghese altri calciatori dello stesso livello: ha appena strappato al Real Madrid il centravanti francese Benzema, convinto da uno stipendio quasi analogo a quello di CR7 e sistemato all'Al Ittihad di Gedda.

 

lionel messi 5 lionel messi 5

Ora l'obiettivo dichiaratissimo è il più alto possibile: Leo Messi[…] deve dare entro 48 ore la risposta all'offerta più munifica di sempre: 500 milioni a stagione per vestire la maglia dell'Al Hilal di Gedda e rifiutare l'alternativa romantica del ritorno al Barcellona.

 

Come ulteriore tentazione, viene prospettata al fuoriclasse argentino la creazione a Gedda di un'enclave di amici ex barcellonisti, un clan completato dalle mogli, dalle compagne e dai parenti: gli ex blaugrana Busquets, Alba, Suarez e Iniesta, l'italiano Verratti compagno di squadra di Leo a Parigi, lo spagnolo Ramos a sua volta reduce dall'esperienza parigina.

 

mohammad bin salman mohammad bin salman

Il principe è ormai in pratica il procuratore più potente del mondo, con l'argomento assai persuasivo di un portafogli dal valore illimitato. È lui a condurre in prima persona le trattative, parlando direttamente con i calciatori […]

 

Ma ci vuole altro per scoraggiare l'impresario, il cui progetto non è affatto nascosto: 10-12 grandi colpi di mercato, per fabbricare il campionato di Stato, in cui ogni club e almeno 4-5 città del torneo allargato a 18 squadre (Riad ne ha 4, Gedda 2, Damman, La Mecca e Buraidah 1) avrebbero un famoso capitano e magari un allenatore non meno celebre: anche il portiere della nazionale italiana Donnarumma e l'allenatore della Roma Mourinho sono stati contattati.

cristino ronaldo 10 cristino ronaldo 10

 

Il progetto saudita sul calcio si iscrive nel Saudi Vision 2030, per ridurre la dipendenza dal petrolio e dare dell'Arabia, con l'apertura ai diritti civili e delle donne, un'immagine nuova. La costruzione già iniziata di Neom, la città ideale sul mar Rosso, e l'organizzazione dei Giochi olimpici invernali asiatici del 2029 erano finora gli obiettivi più avveniristici. […]

 

il principe saudita bin Salman […] dopo aver visto il Marocco in semifinale e il successo dell'Arabia Saudita nella partita d'esordio con l'Argentina, ha spinto sull'acceleratore: si è preso le Supercoppe italiana e spagnola, il Mondiale per club a 32 squadre, mentre esisteva già la Superlega di golf in opposizione a quella americana. Poi ha avallato le trattative per l'acquisto di altri club stranieri: il fondo sovrano Pif è sbarcato tempo fa in Premier acquistando il Newcastle, ora ci sono voci sull'Inter.

 

Mohammed bin Salman Mohammed bin Salman

Se negli anni Settanta e Ottanta era stata una meteora la Nasl americana dei Cosmos di Pelé, Chinaglia e Beckenbauer e se la Super League cinese si è rivelata un'effimera passione del premier Xi Jinping, ora la Saudi Pro League diventa il più grande strumento del principe-premier nella gara per il Mondiale 2030: la candidatura saudita è per ora congiunta con Egitto (ma potrebbe sfilarsi) e Grecia e sfida quella di Spagna-Portogallo-Ucraina. La Fifa deciderà nel terzo trimestre del 2024. […]

karim benzema 2 karim benzema 2 lionel messi 4 lionel messi 4 lionel messi 3 lionel messi 3 cristiano ronaldo cristiano ronaldo cristiano ronaldo cristiano ronaldo cristiano ronaldo karim benzema 2 cristiano ronaldo karim benzema 2 CRISTIANO RONALDO CON GLI ABITI TRADIZIONALI SAUDITI CRISTIANO RONALDO CON GLI ABITI TRADIZIONALI SAUDITI KARIM BENZEMA ZINEDINE ZIDANE PALLONE D ORO KARIM BENZEMA ZINEDINE ZIDANE PALLONE D ORO KARIM BENZEMA KARIM BENZEMA KARIM BENZEMA ZINEDINE ZIDANE PALLONE D ORO KARIM BENZEMA ZINEDINE ZIDANE PALLONE D ORO KARIM BENZEMA KARIM BENZEMA cristiano ronaldo karim benzema 1 cristiano ronaldo karim benzema 1

 

KARIM BENZEMA KARIM BENZEMA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"