FORMULA MERCEDES – A BAKU TRIONFA BOTTAS DAVANTI A HAMILTON, SUL PODIO ANCHE VETTEL: QUARTA DOPPIETTA IN QUATTRO GARE PER LE FRECCE D’ARGENTO – IL FINLANDESE TORNA IN TESTA AL MONDIALE - LECLERC LOTTA COME UN LEONE MA CHIUDE QUINTO

-

Condividi questo articolo

Andrea Cremonesi per gazzetta.it

bottas baku 7 bottas baku 7

E quattro! La Mercedes infila la quarta doppietta in altrettante gare al termine di una gara anestetizzata come se i piloti dopo i fuochi d’artificio dei giorni precedenti si fossero calmati di colpo. Senza una Safety Car, che avrebbe consentito a Charles Leclerc di ritornare prepotentemente in gioco, e con un Sebastian Vettel che non è stato altrettanto esplosivo, alla fine l’ha spuntata Valtteri Bottas, che ha costruito la sua seconda vittoria stagionale nei primi due km di gara, quando ha tenuto duro di fronte all’attacco di Hamilton, passando al comando del primo giro.

 

SBAVATURA — Solo nel finale Lewis ha provato a rifarsi sotto ma, una sbavatura all’ultima curva, ha consentito al finlandese di difendersi senza troppi patemi, prendendosi la rivincita su quello che era accaduto l’anno scorso (perse la vittoria per una foratura) e lasciando l’Azerbaigian pure con la soddisfazione di aver scavalcato il compagno di squadra seppure per un solo punto.

 

bottas mercedes bottas mercedes

COMPLICAZIONI — In quest’ottica la situazione per la Ferrari si fa complicata. La prima parte della corsa è vissuta sul recupero di Leclerc, che malgrado montasse le gomme di mescola media, che lo avevano penalizzato nello scatto (solo 10°), saltava Ricciardo, Kvyat, Sainz, Norris, Perez, Verstappen per poi ritrovarsi al comando quando le due Mercedes e Vettel si sono fermati tra il giro 11 e il giro 13 al pit. Il monegasco è riuscito a percorrere ben 33 giri, sperando in un colpo di fortuna, che compensasse l’errore delle Q2. Ma neppure il contatto tra Ricciardo, che ha investito Kvyat in retromarcia alla curva 3 dopo un lungo, ha giocato a favore del monegasco, che a 4 giri dalla fine si è fermato per montare un treno di gomme morbide con il quale ha strappato il giro più veloce.

 

bottas bottas

CONSOLAZIONE — Magra consolazione il podio di Vettel, che nel finale più che attaccare il duo Mercedes ha dovuto guardarsi negli specchietti da Verstappen. A punti finiscono Perez, sempre incisivo qui, Sainz , Norris che regalano un sorriso agli uomini McLaren, Stroll e Raikkonen, costretto a partire dai box per irregolarità dell’ala anteriore.

bottas baku bottas baku hamilton bottas hamilton bottas

 

 

hamilton bottas vettel hamilton bottas vettel

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“TOTTI VIA? È UNA SCONFITTA DI TUTTI. LA ROMA NON È IN VENDITA" – IL VICEPRESIDENTE DELLA ROMA BALDISSONI REPLICA ALL’EX CAPITANO: "SIAMO DISPIACIUTI MA NESSUNO PUO’ DECIDERE DA SOLO. SU RANIERI È STATO ASCOLTATO. ATTORNO A FEBBRAIO GLI È STATO PROPOSTO IL RUOLO DI DIRETTORE TECNICO E…" – "DEROMANIZZAZIONE? NULLA DI PIÙ LONTANO DAL VERO" – IERI TOTTI IN CONFERENZA AVEVA DETTO: “BALDISSONI? HA CERCATO DI DIREZIONARMI NON SO DOVE, PERÒ, MI HA DIREZIONATO…PERCHÉ RIDETE?”

cafonal

viaggi

salute