GRASSO BOLLENTE SU 'SKY SPORT' E 'DAZN': “LA VERITÀ È CHE I CANALI SPORTIVI, SOPRATTUTTO QUELLI A PAGAMENTO, DANNO SOLO SPAZIO ALLE GRANDI. SE ACCENDO IL TELEVISORE PER AVERE INFORMAZIONI DEL TORO, SENTO NOMINARE TRIGORIA, CONTINASSA, MILANELLO, APPIANO GENTILE, CASTEL VOLTURNO, FORMELLO E RICONOSCO I VOLTI SKY "DEDICATI" A QUELLE SQUADRE: SEMPRE I SOLITI, SOLDATINI FEDELI. IN REALTÀ NON È SOLO LA CLASSIFICA A DETERMINARE L'ATTENZIONE E GLI SPAZI, MA…" - LO SFOGO DI MIHAJLOVIC CONTRO CARESSA - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Aldo Grasso per il “Corriere della Sera”

 

ALDO GRASSO ALDO GRASSO

Lo sfogo di Sinisa Mihajlovic dopo Bologna-Sassuolo 1-2 di mercoledì è stato molto pesante. Di mezzo c' era la rabbia per la sconfitta ma, soprattutto, quella non ancora sbollita per il modo in cui, secondo il tecnico rossoblù, Sky Sport ha trattato la vittoria 2-1 del Bologna a San Siro con l' Inter domenica scorsa: «È stata una vergogna, sembrava Inter channel», ha tuonato Sinisa.

 

mihajlovic caressa mihajlovic caressa

Proviamo a ragionare, lasciando da parte polemiche, irrisioni e apprezzamenti personali. La verità è che i canali sportivi, soprattutto quelli a pagamento, danno solo spazio alle grandi. Lo abbiamo scritto anni fa cercando di analizzare le coperture dei ritiri estivi. Juve, Napoli, Roma, Lazio, Milan, Inter hanno il cronista al seguito, una sorta di attrazione locale come il famoso cartello «Benvenuti a Twin Peaks».

 

diletta leotta 4 diletta leotta 4

Se accendo il televisore per avere informazioni del Toro, sento solo nominare Trigoria, Cantinassa, Milanello, Appiano Gentile, Castel Volturno, Formello e riconosco i volti Sky «dedicati» a quelle squadre: sempre i soliti, soldatini fedeli. Non sento quasi mai Torino, stadio Filadelfia. Per noi che tifiamo squadre non di alta classifica è una continua sofferenza, come se non esistessimo, come se fossimo considerati semplici sparring partner.

 

marco bucciantini marco bucciantini

In realtà non è solo la classifica a determinare l' attenzione e gli spazi. Per una pay-tv vale molto di più il cosiddetto bacino d' utenza, essendo facile calcolare il numero di abbonati che seguono le singole squadre. E sappiamo bene quanto ormai il calcio sia figlio della tv. È un criterio poco «sportivo», che rischia di innescare un pericolo circolo vizioso, ma business is business.

 

Una volta si diceva che gli arbitri soffrissero di un male endemico, la «sudditanza» nei confronti delle grandi squadre (di una, in particolare); adesso dello stesso male soffrono i canali sportivi? Che ne pensa Marco Bucciantini, che non è certo figlio del bacino d' utenza?

diletta leotta foto mezzelani gmt015 diletta leotta foto mezzelani gmt015

mihajlovic mihajlovic mihajlovic mihajlovic

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute