JAVI MARTINEZ SEGNA AI SUPPLEMENTARI, IL BAYERN SI PRENDE ANCHE LA SUPERCOPPA EUROPEA E TUTTO IL RESTO E’... NEUER: IL PORTIERONE SALVA I TEDESCHI PRIMA DEI SUPPLEMENTARI. I BAVARESI CONQUISTANO LA SECONDA SUPERCOPPA DELLA LORO STORIA. ANCORA DECISIVO, COME NEL 2013, JAVI MARTINEZ. E DIRE CHE, A 32 ANNI, IN BAVIERA È CONSIDERATO UN ESUBERO CON UN CARTELLINO INFERIORE AI 10 MILIONI... - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Stefano Cantalupi per gazzetta.it

 

BAYERN 1 BAYERN 1

Ancora Bayern. E con merito, anche di fronte a un Siviglia che incarna il concetto di resilienza meglio di qualunque altra squadra. I 20mila spettatori della Puskas Arena di Budapest (già una notizia di per sé, di questi tempi) applaudono i bavaresi, che conquistano la seconda Supercoppa della loro storia: sono i campioni d'Europa a prevalere 2-1 sui detentori dell'Europa League, dopo 120 minuti di battaglia.

 

AVVIO ANDALUSO

Bayern e Siviglia hanno mantenuto l'impianto vincente della stagione scorsa (e ci mancherebbe altro, visti i risultati ottenuti e il contesto incerto in cui si muove il calcio post-lockdown), ma qualche differenza significativa c'è, rispetto a qualche settimana fa.

 

Nel Bayern pesa un vuoto: Thiago Alcantara, partito per Liverpool. Nel Siviglia una presenza, o meglio un ritorno, quello di Ivan Rakitic. Non è un caso che sia il croato a spaccare la partita con l'episodio che porta all'1-0: inserimento, spallata scomposta di Alaba, rigore trasformato da Ocampos.

BAYERN 2 BAYERN 2

 

REAZIONE BAVARESE

È il premio all'avvio di gara del Siviglia, per nulla in soggezione di fronte alla squadra che ha tritato ogni rivale da quando è tornata in campo a maggio. Il Bayern, però, è campione d'Europa anche per la velocità con cui sa reagire agli scossoni.

 

Dallo svantaggio fino alla mezz'ora aumenta la pressione e si procura occasioni in serie, più o meno "pulite": le migliori capitano a Müller e Pavard, Bounou vede sfilare il pallone non lontano dal palo alla sua destra. Al 34', però, le prove generali finiscono e va in scena il gol del pareggio: Lewandowski lavora alla grande un lancio di Müller e fa sponda, di prima, per Goretzka, che ha tutta la porta libera per l'1-1.

 

MONUMENTO NEUER

  La ripresa si apre con due gol non concessi al Bayern: Lewa duetta con Müller a tre metri dalla porta e segna dopo essere partito in fuorigioco, poi è un suo fallo sullo stacco a rendere inutile il tiro vincente di Sané.

 

JAVI MARTINEZ JAVI MARTINEZ

Il Siviglia si rintana, vacilla ma non cade. Resiste a un altro paio di fiammate accese sempre da Lewandowski e Müller, due eterni fenomeni che sembrano immuni all'invecchiamento.

 

E anche se non c'è più Banega (che ormai gioca in Arabia Saudita) prepara il colpo-beffa, la zampata in contropiede che metterebbe k.o. il Bayern proprio nel finale. Metterebbe, ma non lo mette: i bavaresi in porta hanno Neuer, che compie il solito miracolo uno-contro-uno e nega il gol a En-Nesyri, dopo un altro erroraccio di Alaba. E allora supplementari.

 

ANCORA JAVI MARTINEZ

NEUER NEUER

Tra le varie sostituzioni del match, quella tra Lucas Hernandez e Javi Martinez al 99' sembra la meno significativa. Invece si rivela decisiva, perché cinque minuti più tardi la testa del basco impatta perfettamente il pallone mal respinto da Bounou e lo trasforma nel gol-partita.

 

Non è una novità: a Praga, nella Supercoppa 2013, fu proprio Javi a far centro contro il Chelsea e portare il Bayern ai rigori della vittoria. E dire che, a 32 anni, in Baviera è considerato un esubero con un cartellino inferiore ai 10 milioni... la dice lunga sulla potenza di questo Bayern, incontrastato re d'Europa.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute