LA JUVE CI PROVÒ CON CONTE – IL RETROSCENA DI BIASIN: IL NEO-TECNICO DELL'INTER (IN CONTATTO CON L'AD MAROTTA FIN DA NATALE) AVREBBE RICEVUTO UNA CHIAMATA DA PARATICI NEI GIORNI SUCCESSIVI ALLA SEPARAZIONE CON ALLEGRI. GLI ANTICHI DISSAPORI CON AGNELLI NON SAREBBERO STATI UN PROBLEMA, MA L'EX CT HA OPPOSTO IL PATTO ORMAI STRETTO CON MAROTTA E L'INTER – DE LIGT A UN PASSO DALLA JUVE. E SU RABIOT…

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Biasin per “Libero quotidiano”

 

conte marotta conte marotta

Della Juve che vince lo scudetto (l' ottavo di fila), decide di cambiare allenatore, lo comunica al mondo intero, poi punta su Sarri, lo annuncia e lo presenta, sappiamo praticamente tutto, o quasi. Tra le cose ancora poco chiare rientra il seguente quesito: per sostituire Max Allegri la dirigenza bianconera aveva in mente Sarri e solo Sarri, oppure ha sondato altre possibilità? Probabile la seconda, del resto lo stesso direttore sportivo Paratici a suo tempo disse: «C' è un range di allenatori che stiamo valutando. Abbiamo le idee chiare e stiamo lavorando». Era il 4 giugno.

 

LA CHIACCHIERATA Ecco, a quanto pare "tra gli altri" rientrava anche Antonio Conte. Il neo-tecnico dell' Inter - in contatto con l' amministratore delegato Giuseppe Marotta fin da Natale e d' accordo per un futuro in nerazzurro dai primi di aprile - avrebbe ricevuto una chiamata proprio da Paratici nei giorni successivi alla separazione con Allegri; il dirigente, con l' appoggio di Nedved, avrebbe provato a convincere Conte a valutare un ritorno a Torino, ma di fronte al «corteggiamento» (gli antichi dissapori tra il tecnico e il presidente Agnelli non sarebbero stati un problema) avrebbe fatto notare di aver stretto un patto con Marotta e l' Inter. Sulla parola, per carità, ma solido e inscindibile.

marotta marotta

 

Da lì la decisione di puntare su Maurizio Sarri, indicato come validissima alternativa e sbarcato in terra piemontese dieci giorni fa. Proprio ieri l' ex tecnico di Napoli e Chelsea ha parlato per la prima volta al sito ufficiale del club bianconero: «Che campionato sarà? A livello di allenatori frizzante. C' è il ritorno di Antonio Conte in una società importante, l' avvento di Giampaolo finalmente in un club di altissimo livello. C' è Ancelotti al Napoli e l' arrivo di Fonseca da valutare con attenzione, è un ragazzo con grandi doti». E ancora: «A Sassuolo abbiamo De Zerbi, un giovane emergente di grande talento.

 

Non voglio dimenticare nessuno ma a livello di allenatori la sensazione è che sia una di quelle stagioni in cui si può innescare qualcosa di nuovo, qualche tendenza nuova».

marotta marotta

Quindi, gli obiettivi: «È un' eredità difficile, questa società ha vinto tanto. Sarà complicato ripetere i risultati di questi ultimi cinque anni, anche numericamente. Il tentativo deve essere quello di dimenticare tutte queste responsabilità, divertirsi e far divertire. E possibilmente allungare la sequenza delle vittorie e dei risultati positivi.

 

La Champions? Una Juve così straripante in Italia fa pensare a tutti che possa esser lo stesso in Europa, purtroppo oggi il nostro movimento non è questo. A livello europeo la Juve è una delle dieci società top. Poi è chiaro che si sta parlando dei massimi sistemi, alla fine quando ti alzi la mattina l' obiettivo è uno: vincere». Chiarissimo.

paratici sarri agnelli nedved paratici sarri agnelli nedved

Per dare man forte all' allenatore, la società continua a portare avanti le sue trattative sul mercato. L' accordo con il giovane fenomeno della difesa De Ligt è sempre più vicino: al giocatore andrà un ingaggio di 8 milioni con bonus definiti "facili" per arrivare ai 12 richiesti dal buon Mino Raiola. All' Ajax andranno 70 milioni più bonus.

 

DE LIGT PIù VICINO Capitolo Rabiot: la mamma/agente prende tempo («meglio dire il meno possibile...») ma il centrocampista francese arriverà a Torino a parametro zero (commissioni escluse) e guadagnerà 7 milioni. Ufficialità l' 1 luglio.

 

fabio paratici pavel nedved fabio paratici pavel nedved

Con Buffon prossimo al ritorno e in attesa di capire dove andrà Perin, Paratici spera di intavolare con la Roma uno scambio succulento: Zaniolo in Piemonte, Higuain nella Capitale. Piace anche Pellegrini, ma la Roma, almeno in questo caso, sembra intenzionata ad alzare le barricate.

antonio conte zhang antonio conte zhang BEPPE MAROTTA BEPPE MAROTTA

 

Condividi questo articolo

media e tv

DANDOLO FLASH! PERFINO LUCIANINA LITTIZZETTO DAL PIO FABIOLO FAZIO IERI SERA SI E’ INFOIATA AL COSPETTO DELLA MUTANDINA BIRICHINA RITROVATA NEI CORRIDOI RAI DI SAXA RUBRA (LA NOTIZIA E' STATA RIVELATA DAL NOSTRO DANDOLO SU DAGOSPIA) – VIDEO! LUCIANINA HA RIVOLTO UN APPELLO ALL’AD RAI FUORTES PER INDIVIDUARE L’IDENTITA’ DELLA SMUTANDATA DI "SEXY" RUBRA – IL SIPARIETTO CON CHRISTINE LAGARDE (PRESIDENTE BCE): “COSA CE NE FACCIAMO DELLE MONETINE DA 2 CENTESIMI?” - VIDEO

politica

A CHI CONVIENE ANDARE A ELEZIONI ANTICIPATE? NON ALL'ITALIA MA AI LEADER DI PARTITO SI' - SALVINI POTREBBE FERMARE IL DECLINO DELLA LEGA E PURGARE LE LISTE ELETTORALI DEI GIORGETTIANI - GIORGIA MELONI HA IL VENTO IN POPPA E MIRA A INCASSARE IL DIVIDENDO - CONTE SOGNA DI "CONTIZZARE" IL M5S PIAZZANDO IN PARLAMENTO I SUOI FEDELISSIMI E VOTARE PER LETTA SIGNIFICHEREBBE FAR AFFONDARE I RENZIANI - UGO MAGRI: "TUTTI POTREBBERO ACCONTENTARSI DI UNA SCONFITTA E, IN QUALCHE CASO LIMITE, ADDIRITTURA DESIDERARLA PER MOTIVI CHE PUBBLICAMENTE NON SI POSSONO CONFESSARE"

business

L’OPA GIUSTA AL MOMENTO GIUSTO - IL PROFESSOR CARLO ALBERTO CARNEVALE MAFFÉ: “L'OFFERTA DI KKR PER TIM È UNA PONDERATA MOSSA STRATEGICA. LASCIA INTENDERE UN DISEGNO CHE PORTERÀ A UNA PROFONDA EVOLUZIONE DELLO SCENARIO, INDUSTRIALE E ISTITUZIONALE, DELLE INFRASTRUTTURE DIGITALI DEL PAESE. NON C'ERA UN MOMENTO MIGLIORE PER UN FONDO D'INVESTIMENTO COME KKR. IL RISULTATO PIÙ PLAUSIBILE SARÀ LO SCORPORO DELLE ATTIVITÀ RETAIL E DEGLI ASSET BRASILIANI, LA CUI GOVERNANCE POTRÀ ESSERE A SUA VOLTA OGGETTO DI SCAMBIO CON VIVENDI…”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute