1. JUVE-NAPOLI DA IMPAZZIRE! BIANCONERI IN VANTAGGIO DI 3 GOL SUBISCONO LA RIMONTA. NEL RECUPERO UN’AUTORETE DI KOULIBALY CONDANNA LA SQUADRA DI CARLO ANCELOTTI
2. MUGHINI: "TROPPE COSE SONO CAMBIATE E TROPPE RESTANO ATTACCATE A UN FILO. FINORA NON AVEVO SPESO UNA PAROLA SULLA SQUADRA CHE È IL GRANDE AMORE DELLA MIA VITA. RESTO IN ATTESA SEPPURE SEMBRI UN SOGNO PARLARE DEL NONO SCUDETTO DI SEGUITO"
3. LA GIOIA DI LAPO ELKANN IN TOTAL WHITE – FOTO+VIDEO

Condividi questo articolo

 

 

LA VERSIONE DI MUGHINI

Giampiero Mughini per Dagospia

 

juve napoli 77 juve napoli 77

Caro Dago, tu mi lusinghi a chiedermi qualche riga dopo una partita di football talmente pazza e quale nessun altro sport potrebbe annoverare. Solo che io davvero ignoro la Juve attuale, quella Juve che per 60 minuti tritura il Napoli e che poi scompare dal campo, e ne prende uno, due, tre. Credo che siano in molti a ignorarla, a cominciare da molti suoi giocatori e dirigenti.

MUGHINI CON LA MAGLIA DELLA JUVENTUS MUGHINI CON LA MAGLIA DELLA JUVENTUS

 

Troppe cose sono cambiate e troppe restano attaccate a un filo. E’ arrivato un nuovo coach, anzi nuovissimo, ahimé stramazzato dall’influenza. Sono arrivati nuovi giocatori, nessuno dei quali per adesso vivido o necessario, Ce ne sono tre o quattro dei nostri di cui non si sa il domani, e anche se finalmente è arrivata la notizia che la Juve si tiene Dybala, quello che da solo due anni fa annientò il Barcellona.

 

Tutto è mistero, incertezza, una preparazione ancora troppo corta, uomini di gran classe che devono entrare nello spirito di casa Juve. Il Rabiot della partita contro il Parma sembrava non sapesse a che sport giocare, se a briscola in coppia o a pallanuoto.

 

juve napoli koulibaly 78 juve napoli koulibaly 78

Niente di strano. Nelle cose specie se importanti ci vuole pazienza, ostinazione, sudore, un’armonia che si conquista nel tempo, una caratura che affili con le prove le più importanti. In tutta franchezza non ha senso parlare di questa nuova Juve prima del mese di ottobre, e forse non basterà. Fino a questo preciso momento io non avevo speso una parola sulla squadra che è il grande amore della mia vita. Resto in attesa, speranzosissimo anzi più che questo e seppure sembri un sogno parlare del nono scudetto di seguito.

juve napoli danilo juve napoli danilo

 

Molto dipenderà dalla squadra milanese che annovera due giocatori fra i più importanti del mondo, Antonio Conte e Beppe Marotta. Mi fanno una paura infinita. Non credo che a una squadra governata da Conte sarebbe successo di passare da un 3-0 a un 3-3. O forse sì, da quanto è bello è imprevedibile il calcio. Evviva il torneo. Evviva il campionato.

 

JUVE NAPOLI

Filippo Conticello per gazzetta.it

juve napoli lapo elkann 17 juve napoli lapo elkann 17

 

Pazzesco big match, quello tra Juve e Napoli nella seconda giornata di campionato: a Torino finisce 4-3, i bianconeri si fanno rimontare tre gol ma sfruttano un’autorete di Koulibaly al 92’ per vincere la partita e restare a punteggio a pieno.

 

juve napoli higuain juve napoli higuain

Succede di tutto all’Allianz Stadium, dove i bianconeri sembrano dilagare e poi, nell’ultimo scorcio di gara, subiscono la reazione napoletana. Al 16’ Danilo entra al posto di De Sciglio e firma il vantaggio in contropiede 29” dopo l’ingresso in campo. Raddoppia Higuain al 19’ con un numero su Koulibaly in area, Cristiano Ronaldo firma il tris al 17’ della ripresa e pare chiudere la gara. Che invece si riapre, anche grazie ai cambi e agli aggiustamenti di Ancelotti. Uno-due azzurro tra il 62’ e il 66’: Manolas di testa fa 3-1, Lozano trova il 3-2 nell’area piccola. A quel punto la Juve sbanda, il Napoli ci crede e trova il pari con Di Lorenzo, che brucia De Ligt sugli sviluppi di una punizione e insacca il 3-3. In pieno recupero, Koulibaly combina la frittata e regala con una deviazione maldestra il definitivo 4-3 alla Juve.

juve napoli juve napoli

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute