JUVENTUS SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI: LA RABBIA DI HIGUAIN DOPO LA SOSTITUZIONE (ERA GIÀ CAPITATO A DYBALA E CR7) – IL PIPITA, ANCORA UNA VOLTA HA FATTO POSTO A DYBALA USCENDO SCURO IN VOLTO. NON AVREBBE SALUTATO SARRI, DIRIGENDOSI SUBITO VERSO LA PANCHINA. USCENDO L’ARGENTINO NON HA PROFERITO PAROLA

-

Condividi questo articolo

Salvatore Riggio per corriere.it

 

higuain sarri higuain sarri

Continuano i momenti di tensione in casa Juventus al momento delle sostituzioni. Per ultimo, Gonzalo Higuain. L’argentino, ancora una volta (era già successo nel match contro la Fiorentina del 2 febbraio vinto 3-0 dai bianconeri), ha fatto posto a Dybala uscendo scuro in volto. Non avrebbe salutato Maurizio Sarri, dirigendosi subito verso la panchina. Uscendo l’argentino non ha proferito parola. Non è il primo caso in questa stagione. Ci sono già precedenti illustri, segnale del nervosismo che aleggia nello spogliatoio della Juventus. Vediamo gli altri episodi.

higuain higuain

 

 

Cristiano Ronaldo

La più famosa «ribellione» di questa stagione riguarda proprio Cristiano Ronaldo in Juventus-Milan del 10 novembre. Arrabbiatissimo, il fuoriclasse era andato direttamente nello spogliatoio lasciando lo stadio prima che finisse la gara. Raramente nella sua carriera il portoghese è stato sostituito, ma Maurizio Sarri lo aveva fatto per la seconda volta in quattro giorni. Perché prima della gara con i rossoneri in campionato, Cristiano Ronaldo era stato sostituito nella partita di Champions a Mosca contro la Lokomotiv dell’ex interista Joao Mario.

cr7 sarri cr7 sarri

 

Paulo Dybala

Qualche mese dopo, rispetto al caso legato a Cristiano Ronaldo, anche Dybala aveva avuto da ridire sul cambio. Era il 12 gennaio 2020 e in Roma-Juventus (poi finita 1-2 per i bianconeri) Maurizio Sarri aveva deciso di richiamarlo in panchina dopo 69’ per fare entrare Higuain. Ma il numero 10 si era lamentato protestando con la mano davanti alla bocca. «Dybala si lamenta?

 

Un po’ è normale che un giocatore non sia contento, è normale non valuti che stiamo cambiando atteggiamento tattico. Se ogni volta che i giocatori che si comportano così venissero scuoiati dalla stampa però probabilmente non lo rifarebbero. Se invece gli si dà sempre ragione...», aveva detto il tecnico in conferenza.

dybala sarri dybala sarri dybala sarri dybala sarri dybala sarri dybala sarri cristiano ronaldo sarri 1 cristiano ronaldo sarri 1 MAURIZIO SARRI MAURIZIO SARRI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

VOLANO GLI STRACCI TRA GOVERNO E REGIONI SUL DIFFONDERSI DEL CONTAGIO DA CORONAVIRUS. J’ACCUSE DI CONTE: "IL FOCOLAIO PERCHÉ UN OSPEDALE NON HA SEGUITO I PROTOCOLLI. PRONTI A INTERVENIRE SUI POTERI DEI GOVERNATORI. NON È POSSIBILE CHE TUTTE LE REGIONI VADANO IN ORDINE SPARSO”. IL PRESIDENTE DELLA LOMBARDIA FONTANA AL CONTRATTACCO: "PAROLE IN LIBERTA’, LE SUE IDEE IRRICEVIBILI E OFFENSIVE". DALLA LEGA: "IL PREMIER DICE COSE DA FASCISTA". SOSPESO IL PAGAMENTO DELLE TASSE NELLE ZONE ROSSE

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute