“DANI ALVES HA PRESO CON FORZA LA MIA MANO E L’HA MESSA LI’” - LA VERSIONE DELLA 23ENNE CHE HA DENUNCIATO IL TERZINO BRASILIANO EX JUVE, ARRESTATO E INCARCERATO A BARCELLONA CON L'ACCUSA DI AGGRESSIONE SESSUALE – LE TRE VERSIONI DI DANI ALVES (ANCORA IN CARCERE): PRIMA HA DETTO DI NON CONOSCERE LA RAGAZZA, POI DI AVERLA VISTA MA CHE NON SAREBBE SUCCESSO NULLA, INFINE CHE SAREBBE STATA LEI A SALTARGLI ADDOSSO – IL TERZINO NON MANGIA, NON RICORDA IL NUMERO DELLA MOGLIE (CHE LO DIFENDE) ED E’ STATO LICENZIATO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Pierfrancesco Catucci per corriere.it

 

dani alves e la moglie joana sanz 2 dani alves e la moglie joana sanz 2

Dani Alves è ancora in carcere, nel settore riservato alle persone in custodia cautelare, dopo l’arresto di venerdì mattina. Ha trascorso due notti, cercando di difendersi dall’accusa di molestia sessuale . Il gip non ha convalidato la richiesta di libertà su cauzione formulata dalla difesa perché «sussiste la possibilità di fuga», anche alla luce delle sue possibilità economiche. Alves ha infatti il doppio passaporto brasiliano e spagnolo e, in caso di trasferimento in Brasile, la Spagna non avrebbe con il Paese sudamericano un accordo di estradizione. In più, il calciatore ha anche la residenza in Messico (nonostante il Pumas lo abbia licenziato subito dopo l’arresto).

 

(...)

 

dani alves e la moglie joana sanz 1 dani alves e la moglie joana sanz 1

Le tre ricostruzioni discordanti

L’esterno avrebbe fornito tre versioni discordanti nel tentativo di ricostruire quanto accaduto la notte tra il 30 e 31 dicembre nella discoteca Sutton di Barcellona. Secondo la vittima, il giocatore l’avrebbe costretta ad entrare in un bagno situato in un privè del locale. Dani Alves conferma di essere stato lì, ma solo per poco tempo e nega l’aggressione. Il giudice istruttore, però, ritiene che il suo racconto vada in contraddizione con le prove raccolte dai Mossos, che hanno interrogato diversi testimoni, tra cui il personale di sicurezza della discoteca, raccolto diversi campioni biologici dalla toilette in cui si sarebbe consumata la violenza e visionato i filmati delle telecamere di sicurezza. Secondo il telegiornale del canale catalano TV3 Dani Alves avrebbe raccontato in una prima versione di non conoscere la ragazza, poi di averla vista ma che non sarebbe successo nulla, infine che sarebbe stata lei a saltargli addosso.

dani alves barcellona 4 dani alves barcellona 4

 

Il licenziamento dal Pumas

Immediatamente dopo l’arresto è arrivata la rescissione unilaterale del contratto da parte dei Pumas, il club di Città del Messico che lo aveva accolto a luglio. 

 

(...)

 

dani alves barcellona 8 dani alves barcellona 8 dani alves barcellona 5 dani alves barcellona 5 dani alves MESSI INIESTA dani alves MESSI INIESTA DANI ALVES XAVI BARCELLONA DANI ALVES XAVI BARCELLONA dani alves barcellona 1 dani alves barcellona 1 dani alves barcellona 7 dani alves barcellona 7 dani alves barcellona 11 dani alves barcellona 11 dani alves barcellona 9 dani alves barcellona 9

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute