“LA FERRARI NON RISPONDE COME VORREI” – LA MERCEDES DOMINA E VETTEL GIA’ SI LAMENTA DELLA ROSSA – I DUBBI DI LECLERC SULLA STRATEGIA DEL TEAM NEI SUOI CONFRONTI - IL PRESIDENTE DEL CAVALLINO ELKANN SPARGE OTTIMISMO: “LA MERCEDES È ANCHE PIÙ FORTUNATA, IL GIRO VELOCE OGGI L'ABBIAMO FATTO NOI. IL CAMPIONATO È ANCORA LUNGO” (CIAO CORE)

-

Condividi questo articolo

Paolo Rossi per la Repubblica

 

vettel vettel

Processo? Ma quale processo, ma che siete matti? Le posizioni Ferrari sono più o meno queste, dopo il 4- 0 della Mercedes realizzato a Baku. Quattro gran premi, e quattro doppiette tedesche in questo 2019: non è mai successo in F1, la Williams 1992 si fermò a tre ( ieri ha vinto Bottas su Hamilton, terzo Vettel e quinto Leclerc). Va riconosciuto che la Ferrari ha subito una certa dose di sfortuna, ça va sans dire: avremmo potuto scrivere pagine di cronaca e storia diverse se in Bahrain un cortocircuito non avesse afflosciato Leclerc in fuga per la vittoria e se sabato lo stesso monegasco non avesse fatto da solo corto circuito sbattendo contro un muretto, giusto prima di «una potenziale pole position che avrebbe cambiato l' inerzia di questo gran premio dell' Azerbaigian» il pilota dixit.

leclerc leclerc

 

vettel 3 vettel 3

Respinte le accuse, restano i dati numerici: - 35, per Vettel da Bottas, e in mezzo c' è Hamilton, - 74 nella classifica costruttori. «Ci sono altri diciassette gran premi » ripete Mattia Binotto, il principal e anche responsabile tecnico della Scuderia. E la sua aria sorniona non aiuta a capire se è solo una difesa d' ufficio oppure lui ha un suo piano strategico, delle trappole già pronte nel prosieguo della stagione. Per il momento rintuzza e respinge i dubbi, e magari le prove, che lo avrebbero condotto in tribunale. Ad esempio, a caldo nell' immediato post gara, Charles Leclerc aveva manifestato qualche dubbio sulla strategia del team nei suoi confronti: «Fermarmi prima ai box? Non lo so, l' unico pensiero è che ho perso tanti secondi con Hamilton, Bottas e anche Vettel che poi sono passati. Ci sarà una ragione dietro, ma devo guardare e capire».

 

vettel vettel

Ecco, parole che potevano spargere qualche veleno. « Ma no, ne abbiamo parlato insieme e, per quanto avremmo potuto anticipare il pit stop, il risultato finale sarebbe stato sempre uguale. Non sarebbe cambiato, credetemi » ha risposta a domanda Binotto, con Leclerc che ha annuito senza voler aggiungere null' altro. Allora viene da pensare che la situazione sia disperata e che agli appassionati, di motori e di Ferrari, tocchi assistere a un monologo Mercedes. « No, guardiamo le cose buone: eravamo veloci, il passo c' era » continua Leclerc. Eppure le immagini mostrano un Vettel in difficoltà, quasi in una sorta di combattimento con la macchina, cosa peraltro confermata dal pilota: « Non sto guidando al mio meglio perché la macchina non risponde come vorrei. È un feeling che senti o non senti, qualsiasi pilota può confermarvelo».

leclerc leclerc

 

Chissà, forse ha ragione John Elkann, il presidente Ferrari piombato a Baku nel weekend con la famiglia, che bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno: «La Mercedes è più forte e più fortunata, eppure il giro veloce oggi l' abbiamo fatto noi. Ho visto che lo spirito in Ferrari è molto buono, c' è tanta voglia di vincere e il campionato è ancora molto lungo » . Un' opinione ovviamente condivisa da Binotto, che vede «in ogni gran premio un' occasione in più da sfruttare».

 

Il problema, allora, è un altro e risale ad ancor prima dell' inizio del Mondiale: ai test invernali. Forse sono stati quelli a ingenerare delle aspettative al momento disattese: forse bisognerebbe abolirli.

john elkann john elkann leclerc leclerc leclerc 5 leclerc 5 leclerc leclerc elkann marchionne elkann marchionne john elkann john elkann vettel vettel

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

SOGNATE UNA CARRIERA DA INFLUENCER? SCORDATEVELA! FRA QUALCHE ANNO ANCHE CHIARA FERRAGNI VERRÀ SOSTITUITA DA UN INFLUENCER VIRTUALE CHE DIVENTERÀ L'AMBASCIATORE IDEALE DI UN MARCHIO: I VANTAGGI SONO QUELLI DI NON DOVERGLI FARE UN CONTRATTO, POSSONO LAVORARE 24 ORE AL GIORNO E ZERO PRETESE – GIA' CALVIN KLEIN SI È AFFIDATA AL PRODOTTO DI LABORATORIO MIQUELA SOUSA E BALMAIN HA COSTRUITO DA ZERO LE SUE MODELLE VIRTUALI – MA CI SONO DEGLI SVANTAGGI CHE LASCIANO ANCORA SPERANZA ALL’UOMO… (VIDEO)

sport

cafonal

viaggi

salute