“HO FATTO FATICA A VEDERE LA FINALE DEL ROLAND GARROS ALCARAZ-ZVEREV. MA ORA SO DOVE DEVO MIGLIORARE”. JANNIK SINNER SI GODE IL PRIMO GIORNO DA N.1 DEL MONDO: “IL SEGRETO? I PICCOLI PASSI, MA ORA CHE HO SCALATO UNA MONTAGNA NON VEDO L’ORA SI SCALARNE UN’ALTRA - MI PREPARERO' PER WIMBLEDON. E POI LE OLIMPIADI, CHE PER ME SONO SPECIALI. SOGNO L’ORO…” - L'OMAGGIO A FEDERER

-

Condividi questo articolo


Paolo Rossi per repubblica.it - Estratti

 

 

sinner alcaraz sinner alcaraz

10 giugno 2024, primo giorno speciale per il primo italiano numero uno del mondo del tennis: Jannik Sinner. E’ il ventinovesimo della storia.

 

Jannik, e dei precedenti ventotto chi le piaceva di più, per stile/tennis/comportamento?

“Beh, penso che ogni numero uno è speciale. Ma se devo prenderne uno scelgo Roger, Federer. Sono cresciuto guardandolo, è sempre stato uno stiloso, in campo e fuori. Prendo lui”.

 

 

E invece dei grandi sportivi italiani della nostra storia?

“Alberto Tomba, essendo io anche un ex sciatore. Ma mi sono ispirato anche a Valentino Rossi. Sono loro due che mi vengono in mente, e non solo per me stesso. C’è un altro motivo”.

 

Ah, e qual è?

sinner alcaraz sinner alcaraz

“Hanno fatto crescere il loro sport, che è anche il nostro obiettivo, no? Avere in Italia sempre più giocatori e far diventare il tennis sempre più importante. Speriamo di averne tanti nei primi cinquanta della classifica, com’è adesso”.

 

 

Intanto ha realizzato il sogno di essere numero uno. E quindi: adesso che si fa?

“Vabbè, il fatto è che quando mi facevano la domanda da bambino cosa avrei dovuto rispondere? Ho detto di sognare il numero uno, perché sei ragazzino, ma lo dici perché è un pensiero, non perché ci pensi veramente”.

 

Ah e allora a cosa pensava?

JANNIK SINNER PROIETTATO SULLA MOLE DI TORINO JANNIK SINNER PROIETTATO SULLA MOLE DI TORINO

“Io ho sempre pensato una cosa alla volta: volevo il primo punto per entrare nella classifica Atp, poi mi immaginavo di entrare nei primi cento e così via. Mi sono sempre dato un piccolo obiettivo, per fare un passo avanti. E questa è stata la chiave, secondo me, di dove siamo oggi”.

 

E il sogno prossimo?

“Vedere quanto restare lì. E poi il presente: giocare Halle, vedere cosa farò a Wimbledon. E sogno di vincere le Olimpiadi, che per me sono speciali e visto che la prossima volta si giocherà al Roland Garros sarà per questa occasione”.

 

 

Ha visto la finale tra Alcaraz e Zverev?

"Sì, ho visto la finale e ho fatto fatica a vederla. Volevo esserci io, ma purtroppo non sono riuscito ad arrivare dove avrei voluto essere. Ma lo accetto, ora so dove devo migliorare, grande lezione per me”.

 

JANNIK SINNER - ROLAND GARROS JANNIK SINNER - ROLAND GARROS

Però essere numero uno la fa diventare il volto del tennis mondiale, ed è anche una grande responsabilità.

“Essere il numero uno non cambia nulla, c'è sempre stata la responsabilità, ora è solo di un altro tipo. Io il peso della pressione l’ho sempre avuto, sin da giovane. Una pressione che ho dovuto gestire, e per questo cerco di avere intorno le persone oneste con me. L’onestà mi ha fatto accettare i momenti difficili, accettare le cose che non andavano. Ora siamo sopra la montagna, ma ce n'è un'altra da scalare, già la vediamo”.

SINNER 16 SINNER 16

 

Questa è la ricetta? La soluzione?

“Sono il ragazzo cui piace giocare a tennis e che è diventato uno al mondo. Non vedo l'ora di scendere in campo”.

 

(...)

jannik sinner a 17 anni jannik sinner a 17 anni SINNER 16 SINNER 16 SINNER 16 SINNER 16 sinner roland garros sinner roland garros sinner alcaraz sinner alcaraz

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?