“MA CHI CAZZO SEI? IO TI SPACCO LA FACCIA”. SINISA MIHAJLOVIC E IL PRIMO INCONTRO CON LA TIGRE ARKAN - L’AMICIZIA, IL NECROLOGIO DELLE POLEMICHE E QUELLO STRISCIONE NELLA CURVA DELLA LAZIO – SINISA SI RACCONTA IN UN LIBRO: LA MALATTIA, LA JUGOSLAVIA PIU’ FORTE DI SEMPRE, GUARDIOLA, TOTTI, IL SOSPETTO DOPING DELL’OLYMPIQUE, LA RISSA CON RIZZITELLI, LO SCAZZO TRA SIMEONE E FERNANDO COUTO E L’INSEGNAMENTO DI BERLUSCONI: “NEL CALCIO SE VINCI SEI UN BRAVO RAGAZZO, SE PERDI SEI UNA…” - VIDEO

Condividi questo articolo

 

Francesco Persili per Dagospia

mihajlovic mihajlovic

 

“Ma chi cazzo sei? Io ti spacco la faccia”. Sinisa Mihajlovic fulmina quell'uomo che lo rincorre gridando: “Ehi pezzo di merda, io ti faccio finire la carriera”. Solo che quell’uomo è Zeljko Raznatovic, meglio noto come la Tigre Arkan, capo degli ultrà della Stella Rossa e criminale di guerra serbo. Tutto era nato per un’entrata killer di "Miha" su Stojkovic.

 

La storia della loro controversa amicizia viene ricostruita nell’autobiografia che Sinisa ha scritto con Andrea Di Caro (Solferino). Dopo quel primo faccia a faccia ne seguiranno altri: “Nel periodo in cui sono stato a Belgrado, alla Stella Rossa, lo avrò visto almeno 200 giorni all’anno. Solo calcio, con lui non parlavo mai di politica”.

 

C’è un filo rosso che lega il Sinisa di ieri al Mihajlovic di oggi. È il coraggio di schierarsi e di vivere con coerenza prendendo posizioni scomode, azzardate, divisive come quando decise di fare un necrologio per Arkan. “Me lo rinfacciano da 20 anni ma non ho mai rinnegato quella scelta. Non lo feci per il militare Arkan. Lo feci per Zeljko. Possono i due piani rimanere separati? Non lo so. Allo stesso modo ripeto che lo striscione in suo onore comparso nella curva della Lazio non porta la mia firma”

sinisa mihajlovic arkan sinisa mihajlovic arkan

 

Oltre cento esponenti del mondo della politica e dell'associazionismo dell'Emilia-Romagna gli hanno inviato una lettera per chiedergli di dissociarsi dai criminali di guerra come la Tigre Arkan. Mihajlovic non ha risposto ufficialmente ma il suo pensiero emerge con chiarezza nelle pagine del libro:

 

sinisa mihajlovic cover sinisa mihajlovic cover

“Non ho mai difeso la vita violenta di Arkan e le nefandezze di cui si è macchiato guidando le sue Tigri. I suoi crimini efferati restano. Sono orribili. E li condanno. Ma Zeljko era un un mio amico e mi voleva bene. Grazie a lui ho salvato la vita di mio zio e sono potuto rientrare a Borovo per vedere la mia casa distrutta. La guerra nella ex Jugoslavia ha tanti colpevoli. In una guerra civile non esistono buoni e cattivi. Non c’è il bianco e il nero. Il colore predominante è il rosso. Del sangue degli innocenti”.

 

Cosa sia stato quel conflitto fratricida viene narrato con dolore e sofferenza. Lo zio che vuole “scannare” il padre, l’amico che si presenta a casa dei genitori di Miha e intima loro di abbandonare tutto. Il giorno dopo torna e si mette a sparare sui muri, addosso alle foto di Sinisa, prima di distruggere tutto. Qualche anno dopo, a guerra finita l’amico incontra Mihajlovic e gli spiega che quello era l’unico modo per evitare che i suoi genitori fossero uccisi.

 

bologna lazio mihajlovic 2 bologna lazio mihajlovic 2

Tra le vittime della guerra c’è anche una delle nazionali più forti della storia. Erano i brasiliani d’Europa. Geniali ma incostanti. Tra tutti i talenti, da Savicevic a Boban, da Stojkovic a Boksic, Miha sceglie Prosinecki, il compagno più forte insieme a Totti con cui ha giocato. Una volta con una finta mandò a vuoto l’avversario che si ruppe il crociato.

 

mihajlovic e la moglie mihajlovic e la moglie

Un uomo in battaglia, Sinisa. Gli hanno contestato il carattere. Ma chi ha carattere, ha un brutto carattere, Pertini dixit. “Ho sentito su di me mille giudizi, spesso superficiali”. Lo hanno definito “rambesco” (un complimento) e gli hanno dato del fascista: “L’accusa più stupida. Io che sono nato sotto Tito! Nazionalista semmai, ma non fascista. Non ero il guerrafondaio e machista che molti si divertivano a dipingere anni fa e non sono l’eroe che ora a molti piace raccontare dopo la mia lotta alla malattia”.

 

Mihajlovic ha deciso di raccontare direttamente dal letto d'ospedale la partita più importante della sua vita contro la leucemia. La diagnosi, la telefonata alla moglie, le parole di Walter Sabatini (“Resta il nostro allenatore. Preferisco lui al 20-30% che qualsiasi altro tecnico”). E poi il ricovero con la falsa identità di Cgikjltfr Drnovsk, 69enne senza fissa dimora (“Trovavo ironico che il senza fissa dimora lo avessero affibbiato a me, che in ogni stadio ero accolto dal coro di zingaro di merda”). Il ritorno in panchina e alla vita.

 

bologna per mihajlovic bologna per mihajlovic

In ospedale ha avuto il modo di finire di leggere “Open”. Agassi odiava il tennis con tutte le sue forze? Sinisa invece ama il calcio da morire. E’ un uomo d’amore, per usare una categoria cara a Luciano De Crescenzo, e d’onore. E’ uno di quelli che rispetta la parola data, le promesse, i valori con cui è cresciuto. Una rarità in un mondo di quaquaraquà. Non fa sconti ai ragazzotti che con mezza partita si sentono già arrivati.  "Tanta forma, poca sostanza. Più che calciatori li definisco 'calciattori'. Sono quelli che dopo uno scatto, se perdono il pallone, invece di rientrare, si aggiustano i capelli".

 

Lui fa parte di un’altra generazione. Quella di chi sa che fatica e divertimento possono andare insieme. “Mi hanno fatto godere ogni tiro, ogni partita, ogni campionato e ognuna delle milioni di volte in cui ho preparato un calcio da fermo. Oggi un difensore centrale come ero io non esiste”.

 

mihajlovic mihajlovic

Nella stagione in cui vinse lo scudetto con la Lazio realizzò 13 reti. Guardiola gli confessò: “Purtroppo abbiamo giocato nello stesso periodo, altrimenti da tecnico, ti avrei preso subito. Saresti stato perfetto per il mio gioco”

 

Tantissimi gli aneddoti da spogliatoio. La finale di Coppa Campioni contro l’Olympique Marsiglia e il sospetto che qualcuno dei rivali avesse fatto ricorso all’aiuto dei farmaci (“Un difensore alla fine dei supplementari era a terra e gli usciva bava bianca dalla bocca”), la rissa con Rizzitelli a Trigoria, quella volta che Giannini perse 4 milioni in una sfida a biliardo, le battute di Boskov a cui consigliò di far esordire un certo Francesco Totti: “A distanza di quasi 30 anni aspetto ancora che Francesco mi offra una cena”.

mihajlovic e le figlie mihajlovic e le figlie

 

Ai tempi della Lazio, invece, resta epico lo scazzo tra Simeone e Fernando Couto. “Uno aveva preso delle forbici, l’altro un coltello. Se non li avessimo separati, si sarebbero ammazzati”. E Berlusconi? Uno straordinario presidente, probabilmente il migliore di ogni tempo. Non era convinto quando decisi di lanciare Donnarumma. Ma un insegnamento calcistico me lo ha lasciato: “Caro Sinisa, nel calcio se vinci sei un bravo ragazzo, se perdi sei una testa di cazzo…”

 

mihajlovic totti foto mezzelani gmt99 mihajlovic totti foto mezzelani gmt99

 

 

mihajlovic mihajlovic

 

 

sinisa mihajlovic sinisa mihajlovic mihajlovic totti foto mezzelani gmt98 mihajlovic totti foto mezzelani gmt98 mihajlovic mihajlovic mihajlovic moglie mihajlovic moglie MIHAJLOVIC MIHAJLOVIC mihajlovic minum foto mezzelani gmt97 mihajlovic minum foto mezzelani gmt97 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt3 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt3 le figlie di mihajlovic a verissimo le figlie di mihajlovic a verissimo mihajlovic mihajlovic sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 004 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 004 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 006 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 006 ARIANNA E SINISA MIHAJLOVIC ARIANNA E SINISA MIHAJLOVIC bologna lazio mihajlovic 7 bologna lazio mihajlovic 7 sinisa mihajlovic e la moglie arianna 8 sinisa mihajlovic e la moglie arianna 8 bologna lazio mihajlovic bologna lazio mihajlovic mancini mihajlovic gravina mancini mihajlovic gravina sinisa mihajlovic e la moglie arianna sinisa mihajlovic e la moglie arianna mihajlovic mihajlovic mihajlovic mihajlovic sinisa mihajlovic 6 sinisa mihajlovic 6 pioli mihajlovic pioli mihajlovic salvini mihajlovic salvini mihajlovic sinisa mihajlovic 1 sinisa mihajlovic 1 sinisa mihajlovic 2 sinisa mihajlovic 2 sinisa mihajlovic 3 sinisa mihajlovic 3 sinisa mihajlovic 4 sinisa mihajlovic 4 sinisa mihajlovic 7 sinisa mihajlovic 7 mihajlovic gasperini mihajlovic gasperini sinisa mihajlovic sinisa mihajlovic SINISA MIHAJLOVIC SINISA MIHAJLOVIC VIKTORIJA MIHAJLOVIC VIKTORIJA MIHAJLOVIC victorija mihajlovic victorija mihajlovic mihajlovic mihajlovic mihajlovic mihajlovic mihajlovic mihajlovic bonolis mihajlovic bonolis mihajlovic IBRAHIMOVIC E MIHAJLOVIC IBRAHIMOVIC E MIHAJLOVIC PAOLO BONOLIS E SINISA MIHAJLOVIC PAOLO BONOLIS E SINISA MIHAJLOVIC sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 001 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 001 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 003 sinisa mihajlovic foto mezzelani gmt 003 mihajlovic mihajlovic

 

Condividi questo articolo

media e tv

SLURP! LILLI-BOTOX IN SOCCORSO DI CONTE: “È  GENTILE, EDUCATO E AFFABILE". POI LE SI ALLUNGA IL NASINO: "NON CHIEDE MAI LE DOMANDE PRIMA" (INFATTI LA DOMANDA SU DRAGHI, CON SGRADEVOLE BATTUTA A SEGUIRE, ERA STRA-PREPARATA) - DA PINOCCHIA A CROCEROSSINA: "LA TOSSE? AVEVA LE CORDE VOCALI IRRITATE, CERTO NON METTEREBBE A RISCHIO LA SALUTE DI ALTRI" - INFINE SI SCIOGLIE COME UN LECCA-LECCA: "L’HO TROVATO MOLTO DETERMINATO, UN PO’ STANCO, MA È NORMALE PER UN UOMO CHE HA MESSO AL CENTRO DELLA SUA VITA IL LAVORO” (SLURP. SLURP!)

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute