“MARADONA SCELSE NAPOLI PERCHÉ CAPÌ CHE LA CITTÀ L'AVREBBE AMATO” - CORRADO FERLAINO: “AVEVA DECISO DI ANDAR VIA DA BARCELLONA E VOLLE VENIRE DA NOI. LE SETTIMANE DELLA TRATTATIVE SONO STATE RACCONTATE NEL DETTAGLIO MA È SU QUELL'ATTRAZIONE CHE AVVERTIVA CHE BISOGNA SOFFERMARSI. JORGE CYSTERPILLER, IL SUO MANAGER, MI PORTÒ A CASA DI MARADONA. CI FURONO LUNGHI SILENZI E…”

-

Condividi questo articolo

Andrea D'Amico per “la Stampa”

 

DIEGO MARADONA E CORRADO FERLAINO DIEGO MARADONA E CORRADO FERLAINO

Sette anni e due scudetti. E la Coppa Uefa e la Coppa Italia e la Supercoppa e quell' amore frastagliato, e Barcellona e Marsiglia. «Ma lui è stato la mia vita e quella di Napoli».

 

E cos'altro ancora, ingegnere?

«La notte del secondo scudetto, su quella nave, a Castel dell' Ovo, mentre godevano lo spettacolo dei fuochi a mare. E le visite private, rimaste un segreto, che mi faceva, nei primi anni, fino a quando non arrivò Tapie che cercò di portarmelo via».

CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA

 

Ma la prima volta, fu un incontro surreale.

«Jorge Cysterpiller, il suo manager, mi portò a casa di Maradona a Barcellona. Ci furono lunghi silenzi: lo sentivamo che stavamo per realizzare il colpo del Secolo, bastava vederlo giocare. E poi era sufficiente averlo di fronte, leggergli negli occhi quel desiderio sfrenato di mostrare chi fosse. Per questo dico: non si alimentino dualismi o paragoni: non c'è stato un altro Diego e mai ne nascerà uno che gli somigli».

DIEGO MARADONA E CORRADO FERLAINO DIEGO MARADONA E CORRADO FERLAINO

 

Lui e Napoli.

«Diego aveva deciso di andar via da Barcellona e volle venire da noi. Le settimane della trattative sono state raccontate nel dettaglio ma è su quell' attrazione che avvertiva, così quasi al buio, verso un'avventura che gli sembrava magica che bisogna soffermarsi. Lui ci scelse perché sapeva che sarebbe stato amato, era consapevole dell' esistenza di un filo invisibile che collegava Buenos Aires e l' Argentina a Napoli».

CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA

 

Riusciste a rivoluzionare il calcio.

«L'addio di Maradona non è un lutto ma è una disgrazia per Napoli, nei suoi sentimenti, e più in generale per chi ama il calcio».

CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA ferlaino maradona ferlaino maradona CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA CORRADO FERLAINO E DIEGO MARADONA

 

ferlaino maradona ferlaino maradona DIEGO MARADONA E CORRADO FERLAINO DIEGO MARADONA E CORRADO FERLAINO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute