“NON CHIEDIAMO TROPPO ALLA NAZIONALE DI MANCINI. NON SIAMO I PIÙ FORTI” – ARRIGO SACCHI SQUARCIA IL VELO DI SQUINTERNATO CONFORMISMO E PREMATURO TRIONFALISMO DEI GIORNALONI ITALIANI: “ABBIAMO SEMPRE LA MEMORIA CORTA. QUANTE VOLTE ABBIAMO VINTO L'EUROPEO? SOLO NEL 1968. E GLI ULTIMI RISULTATI? ABBIAMO SALTATO IL MONDIALE. E I CLUB? NON VINCONO DA 11 ANNI. PERCHÉ ALLORA LA NAZIONALE DOVREBBE VINCERE?”

-

Condividi questo articolo


Fabio Licari e Guglielmo Longhi per “la Gazzetta dello Sport”

 

Dove può arrivare l' Italia?

mancini sacchi mancini sacchi

«Spero vada il più avanti possibile, ma ci sono squadre sulla carta più qualificate.

Abbiamo sempre la memoria corta: quante volte abbiamo vinto l' Europeo? Solo nel 1968. E gli ultimi risultati? Abbiamo saltato il Mondiale. E i club? Non vincono da undici anni Perché allora la Nazionale dovrebbe vincere? Non chiediamole più di quello che può. Quando una squadra dà tutto quello che ha, ha già vinto».

 

Chi sarà l' uomo decisivo?

«Decisiva sarà la squadra.Ancora oggi c' è qualcuno che pensa che il calcio sia uno sport individuale, ma 1×1 fa 1, mentre 1 × 10 fa 10. Per esperienza e talento ci sono squadre più forti, ma il calcio è uno sport di squadra, di sinergie e collaborazione.

 

sacchi mancini 2 sacchi mancini 2

Andremo avanti giocando da squadra. Oggi non è possibile avere giocatori che non siano polivalenti: tutti attaccano e tutti difendono, in spazi strettissimi. Poi dipende dall' atteggiamento: se si va in vantaggio e si arretra...».

 

Che giudizio dà su Mancini?

«Sta facendo un lavoro enorme. Anche dal punto di vista storico. All' Euro 2016 con Conte siamo usciti, ma con dignità. Chiediamogli la dignità. La sua impresa è coraggiosa e innovatrice.

 

Entusiasmo, modestia e intelligenza sono le nostre armi. Abbiamo fatto squadra due volte grazie agli effetti del pubblico ludibrio nel 1982 e nel 2006. Cerchiamo di migliorare anche culturalmente. Dopo il Mondiale 94 scrissi solo "grazie a tutti", perché siamo andati oltre le nostre possibilità».

roberto mancini ct roberto mancini ct sacchi berlusconi 18 sacchi berlusconi 18

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CINEMA DEI GIUSTI - DOVE VA IL PUBBLICO? PERCHÉ FUNZIONA UN FILM COME “ME CONTRO TE” COI DUE YOUTUBBER SICILIANI, FINORA IL MASSIMO INCASSO ITALIANO CON 4,8 MILIONI DI EURO, MENTRE IL PUBBLICO NON HA AMATO “COME UN GATTO IN TANGENZIALE – RITORNO A COCCIA DI MORTO”? GLI SPETTATORI SONO COSÌ VOLUBILI? DI CERTO, NON SONO GLI STESSI DI DUE ANNI FA - DA UNA PARTE SIAMO DIVENTATI ESTREMAMENTE ESIGENTI. E ABBIAMO COL CINEMA UN RAPPORTO FATTO DI SCELTE RAPIDISSIME. DOPO DIECI, VENTI MINUTI SAPPIAMO SE UN FILM CI PIACE O NO. E CAMBIAMO, PERCHÉ CI SARANNO ALTRI CENTO FILM PRONTI A ATTENDERCI. E POI…

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

DOVE VAI IN VACANZA? A GRADO! – LO STORICO DELL'ARTE LUIGI FICACCI: "PROPRIO DOVE L’ADRIATICO SI CONCLUDE IN UNA LAGUNA SI POSSONO RINTRACCIARE I CARATTERI DELLA PIÙ ELEVATA CIVILTÀ BIZANTINA, IN UN AVORIO CONSERVATO AL BRITISH MUSEUM. E’ MOLTO PROBABILE CHE NEL VII SECOLO, QUELLA TAVOLETTA VENISSE ESEGUITA E INSERITA IN UNA CATTEDRA VESCOVILE EBURNEA, DEDICATA ALL’APOSTOLO PIETRO – E POI LA CATTEDRALE DI SANT'EUFEMIA, LA BELLISSIMA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE, IL CAMPO DEI PATRIARCHI, UN ORGANISMO URBANO CHE…" - VIDEO

salute