“NUMERO 1? PROCEDIAMO PER GRADI. L’OBIETTIVO PRINCIPALE È IL ROLAND GARROS” – JANNIK SINNER ALLA PROVA DELLA TERRA ROSSA: “È UNA SUPERFICIE SEMPRE PARTICOLARE, LO SCORSO ANNO NON ERO IN UNA BUONA FORMA MA QUEST’ANNO CI ARRIVO IN MODO DIVERSO” – “EL PAIS” SOTTOLINEA COME IL DUO CAHILL-VAGNOZZI GLI ABBIA PORTATO UN VANTAGGIO COMPENSANDO IL DEFICIT FISICO CON ORE EXTRA IN PALESTRA…

-

Condividi questo articolo


jannik sinner jannik sinner

Da ilnapolista.it

 

Con il torneo vinto a Miami, Jannik Sinner scavalca Alcaraz e si porta alla posizione numero due del ranking mondiale. Davanti a lui solo Djokovic. Impossibile non pensare di attaccare la vetta. Sinner lo farà già settimana prossima a Monte Carlo, sulla terra rossa. Il tennista italiano ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport:

 

«Sapete che cosa ho proprio voglia di fare? Un bel giro in macchina sulle strade di Monaco. Quando sono in macchina mi rilasso, rifletto, mi scarico. Ecco, sì. Mi metterò al volante».

 

Che macchina guida?

«Una Audi RS6… Ma me la sono fatta un po’ modificare (sorride come un bambino che parla del suo giocattolo preferito, ndr)».

 

Sinner: «Per quanto sia fortunato a fare questa vita e questo lavoro, resto una persona normale»

jannik sinner jannik sinner

 

Quando gioca lei, l’Italia si incolla al televisore. Come quando c’è la Nazionale di calcio. Che effetto le fa?

«Mi fa stare bene. Perché ormai ovunque vada sento le persone vicine. E spero che non sia soltanto per le partite che vinco ma anche per la persona che sono. Arrivo da una famiglia normale, i miei lavorano ancora, insomma per quanto sia fortunato a fare questa vita e questo lavoro, resto una persona normale».

 

Il sogno di diventare numero uno del mondo non è lontano. Potrebbe avvenire già a Monte Carlo, altrimenti a Parigi. Tra poche settimane potrebbe concretizzarsi questo sogno.

jannik sinner jannik sinner

«Procediamo per gradi. La terra è sempre particolare, lo scorso anno non ero in una buona forma ma quest’anno ci arrivo in modo completamente diverso, sono curioso di vedere come andrà. L’obiettivo principale è il Roland Garros e naturalmente Roma, un torneo speciale dove potrò sentire ancora di più il calore del tifo».

 

Sinner fa parte della vecchia scuola nordica: è sinonimo di silenzio, lavoro, regolarità e crescita (El Paìs)

Da ieri sera Sinner è il numero due del mondo. Nessun italiano c’era riuscito prima. In finale a Miami batte in due set Grigor Dimitrov (6-3, 6-1, in 1 ora e 13 minuti), scalvava Alcaraz nel ranking mondiale e adesso punta la vetta. Chiunque ormai pensa che è solo questione di tempo. Le redazioni di tutta Europa sono stupefatte dalla solidità mentale e di risultati dell’italiano. In questo 2024 ha perso solo contro Alcaraz. El Pais lo ricorda e commenta la vittoria di ieri sera.

 

jannik sinner jannik sinner

“La fame, la tensione, le variabili e le buone basi sono tutte nel suo tennis, e il suo piano è sensato oltre che ambizioso. Il duo Cahill-Vagnozzi gli ha portato un vantaggio dalla panchina e ha compensato il deficit fisico con ore extra in palestra. Sinner ha il tocco dei grandi tennisti, di quelli che segnano l’epoca. La sua grande proposta di tennis è accompagnata da una stabilità emotiva sorprendente alla sua età. Ad oggi, non è mai stato estremo, sempre sobrio e prudente, a suo agio in quella terra di mezzo dove i successi non sono mai esagerati o le sconfitte non sono mai tragedie. Fermo in ogni circostanza, consuma gli avversari e colpisce da entrambe le angolazioni: è bravo sia di dritto che di rovescio“.

 

jannik sinner jannik sinner

Praticamente una macchina da guerra. “Non ci sono lacune in un tennista sobrio, sia dentro che fuori dal campo. Non è noto per i suoi eccessi, ma per il suo buon umore e il riconoscimento dei suoi rivali. Ora che il tennis sta andando avanti, trova in lui un magnifico stendardo, molto più vicino alla vecchia scuola nordica che ai profili vulcanici. Sinner è sinonimo di silenzio e buon lavoro, regolarità ed evoluzione, perché da quando è arrivato nel tennis d’élite, nel 2020, non ha mai smesso di migliorare“.

jannik sinner jannik sinner jannik sinner jannik sinner

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."