“I PRIMI GIORNI A CASA SONO STATI UN INFERNO, ORA SONO PRONTO A TORNARE IN PISTA” - FERDINANDO MEZZELANI, FOTOREPORTER DEL CONI E COLLABORATORE DI DAGOSPIA RACCONTA L’INCIDENTE IN CUI HA PERSO UNA GAMBA – "ALLENO ANCHE LA MENTE, L’OTTIMISMO E’ LA CHIAVE DI TUTTO. LA MIA AGENDA È FITTA COME QUELLA DI MATTARELLA (RIDE). OGNI GIORNATA È SCANDITA DA APPUNTAMENTI: LA FISIOTERAPIA, IL MEDICO E VIA DICENDO. PENSO SEMPRE A…”

-

Condividi questo articolo


Valeria Arnaldi per www.ilmessaggero.it  - Estratti

 

IL FOTOGRAFO FERDINANDO MEZZELANI IL FOTOGRAFO FERDINANDO MEZZELANI

Era una giornata calda il 10 luglio scorso, quando Ferdinando Mezzelani, fotografo dell’Italia alle Olimpiadi, 60 anni - sue le foto più note della Roma negli ultimi trent’anni - a Roma è stato vittima di un grave incidente (uno scontro in moto contro un bus) e, grazie alla prontezza del capitano Francesca Antonini, ortopedico, che si trovava sul posto, non ha perso la vita, ma ha dovuto comunque subire l’amputazione della gamba sinistra.

 

Ricoverato all’ospedale San Camillo e poi al San Raffaele, dopo il primo intervento ne ha dovuto subire un altro a ottobre. A metà dicembre ha lasciato l’ospedale con una protesi provvisoria.

 

Conosciamo incidenti e riprese di campioni, ma come è stato tornare a casa e riprendere la vita di tutti i giorni?

IL FOTOGRAFO FERDINANDO MEZZELANI IL FOTOGRAFO FERDINANDO MEZZELANI

«Non semplice. L’ospedale è una realtà accogliente, pensata per persone che, come te, hanno problemi e tutto è fatto su misura di ciò che ti serve. A casa, per quanto tu possa pensare di aver previsto ogni esigenza, non riesci mai a farlo. I primi giorni sono stati un inferno».

 

Quali, i problemi principali?

«Perfino la polvere. Una casa pulita non lo è mai come un ospedale. Poi ci sono i sanitari, che dovrebbero essere più alti e occorre tempo per fare i lavori. La mia, inoltre, è un’abitazione con scale, mio cognato Zeno ha fatto costruire un corrimano, di grande aiuto, specie all’inizio. Ora faccio le scale normalmente: è basilare, perché se non riesco a fare cose come questa, non posso pensare di tornare al mio lavoro».

 

Ha affrontato la situazione con grande ottimismo da subito.

«L’ottimismo è la chiave di tutto, la testa vince su qualsiasi cosa. La forza d’animo è necessaria per quando sei solo. Gli amici, ovviamente, sono stati fondamentali. Ho ricevuto alcune telefonate bellissime, che sono state un’esplosione di energia».

 

(...)

 

In che modo si “allena” la mente?

ferdinando mezzelani dopo l'incidente in ospedale ferdinando mezzelani dopo l'incidente in ospedale

«Prima di tutto, devi accettare quello che ti è successo, anche se fa male. Si deve essere felici di essere vivi. Ed è necessario farsi aiutare, non si può fare tutto da soli, occorre rivolgersi agli amici. Confrontarsi con gli altri è fondamentale. Non si deve provare imbarazzo. L’allenamento, anche emotivo, deve essere costante. A dirla tutta, il sogno ora sarebbe fare una vacanza, senza telefono».

 

Intanto, fa i conti con la protesi.

«Quella provvisoria ha sempre una gestione difficile, ma la definitiva che risolverà tutti i problemi arriverà a breve e per questo devo ringraziare il dottor Francesco Mattogno dell’ITOP, nonché Daniele e Gianluca, i miei protesisti».

 

Si prepara a tornare al lavoro?

«Sì, vedo finalmente il rientro vicino, sarà graduale, ma da un paio di settimane ho ripreso le macchine fotografiche in mano e presto andrò a fotografare tanti amici che fanno sport e che mi sono stati vicini. La mia salvezza, in tutto questo tempo, è stato non avere fretta. Però mi sono già attrezzato: ho fatto fare alcuni abiti e camicie su misura».

capitano francesca antonini capitano francesca antonini

 

 

Le macchine fotografiche le sono mancate molto?

«Ci ho pensato ogni giorno, tornare a usarle significava tornare ad essere me stesso. Non ho mai smesso, però, di fare foto, ho usato il cellulare. I primi scatti con la macchina li ho fatti in casa, non era importante il soggetto, contava solo il rumore dell’otturatore o, nelle macchine di nuova generazione, non sentire nulla ma riavere in mano gli obiettivi. Avevo bisogno di riprendere le cose della mia vita».

 

Adesso, cosa ama fare in casa?

«Dormire senza l’inquinamento acustico dell’ospedale e cucinare pasta al dente. In realtà, da quando ho avuto l’incidente, la mia agenda è fitta come quella di Mattarella (ride). Ogni giornata è scandita da appuntamenti: la fisioterapia, il medico e via dicendo. Penso sempre a Francesca Antonini, capitano e ortopedico dell’Esercito del Policlinico Militare Celio. Il mio angelo. Mi ha salvato la vita, permettendomi di essere qui, ora, a raccontare la mia storia».

IL FOTOGRAFO FERDINANDO MEZZELANI IL FOTOGRAFO FERDINANDO MEZZELANI francesca antonini 2 francesca antonini 2

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTO LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO