“SE E’ L’ULTIMA VOLTA, MI SONO DIVERTITO” - L’ULTIMA PARTITA DI RAFA NADAL AL ROLAND GARROS È EPICA DELL’AGONISMO - IL MAIORCHINO ESCE AL PRIMO TURNO CONTRO ZVEREV DOPO 3 SET DI PURA BATTAGLIA. ERA QUESTA LA FIRMA CHE NADAL VOLEVA LASCIARE SUL SUO CAMPO. UN SEGNO INDELEBILE, UNA LAPIDE SPORTIVA – “NON SO COSA RISERVA IL FUTURO, MA SPERO DI CHIUDERE BENE AI GIOCHI OLIMPICI” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Mario Piccirillo per ilnapolista.it

 

NADAL AL ROLAND GARROS 2024 NADAL AL ROLAND GARROS 2024

Settecentoventidue giorni dopo, e poi forse mai più. Mai più uno Slam a Parigi con Nadal. Spegne le luci del Roland Garros, chiude a chiave, due mandate, e se ne va. Tornerà per le Olimpiadi, e infila una serie di “se” nelle interviste come a togliersi d’impaccio.

 

Ma in dissolvenza scompare, mentre tutt’attorno si compone il palco dell’addio. Il primo turno, l’ultimo, che differenza fa. E’ un addio. Annunciato con imbarazzo già al momento del sorteggio: linea numero 34 del tabellone, Zverev. Il giocatore più in forma d’un circuito convalescente: tutti acciaccati tranne lui, tra i top. La sconfitta inevitabile andava solo masticata, assaporata. Il gusto dell’ignoto, quel che serve per dire basta, quando davvero non ce n’è più. Ci sono tutti, al Philippe Chatrier: Djokovic, Alcaraz, Swiatek. A testimoniare un passaggio di stato della storia. Seguiranno altri tornei, qualche partita, ma non più il suo torneo.

 

zverev nadal zverev nadal

Nadal-Zverev, dunque. Ecco come doveva finire. Con una trama che il tennis aveva lasciato interrotta, sfilacciata, il 3 giugno 2022. Stesso campo. Era una semifinale, quella. Il tedesco era a 125 punti dal diventare numero 1 del mondo. Dopo 3 ore e 26 minuti Zverev lascia una caviglia piantata su una zolla, in scivolata. Il crac, l’urlo disperato come quello di un animale ferito. Il silenzio. Partita finita. In un istante. Nadal scorta l’avversario negli spogliatoi in sedia a rotelle, prima che quello torni a salutare il pubblico in stampelle, e in lacrime. Rafa andrà a vincere il 14esimo Roland Garros, contro Ruud. Sascha resterà fuori dal campo per 7 mesi.

 

 

NADAL AL ROLAND GARROS 2024 NADAL AL ROLAND GARROS 2024

Quella crepa si rimpone oggi, 27 maggio 2024. L’ultima partita di Nadal a casa sua. 14 titoli, e 25.004.250 euro dopo. Una vita in un torneo: 116 partite, solo 4 sconfitte: due contro Djokovic, una con Söderling, una con Zverev. Il Bois de Boulogne trasuda lentamente il tempo passato. In un distillato d’emozioni a lento rilascio.

 

Più che una partita, una forzatura: Nadal avrebbe potuto lasciarsi battere dagli infortuni molti mesi orsono, Zverev il 31 maggio dovrebbe comparire al processo per le accuse di violenza domestica e abusi mosse nei suoi confronti dall’ex fidanzata e madre di sua figlia Brenda Patea. E no: Zverev-Nadal non è mai stato un primo turno di nulla. Figurarsi degli Open di Francia.

 

E invece eccoli lì. Uno, contratto per il peso della sopportazione: favorito a Parigi contro Nadal, è blasfemia. L’altro aggrappato a tutto l’agonismo letterario della sua stessa leggenda. Chi prevedeva una passerella un po’ indelicata s’è trovato di fronte una partita vera. D’attacco e dolorosa difesa. Fine resa mai.

NADAL AL ROLAND GARROS 2024 NADAL AL ROLAND GARROS 2024

 

 

Zverev ha portato a casa il primo set: 6-3. Poi Nadal ha alzato il suo livello attuale – a tratti umano – ed è andato a battere per il secondo set, sul 5-4, prima di arrendersi al tie-break. A quel punto, con la prospettiva di dover costruire da sottozero le fondamenta d’un miracolo, Nadal ha fatto la cosa che l’ha reso il più grande agonista di sempre: impegnarsi, ancora, di più. Un punto dopo l’altro, come se il tennis potesse ridursi davvero solo a questo.

 

rafael nadal foto gmt457 rafael nadal foto gmt457

Primo game del terzo set da “vecchio” Nadal, poi il break, 2-0. Con lo stadio inebetito, a negare l’evidenza, il futuro, tutto. E a godersi i successivi giochi, uno sull’altro nell’accumulo delle urla dei due, sempre più sofferenti. Sotto d’un break, ancora sul 3-4, con la gente che urla “Rafa!”. Una lotta, era questa la firma che Nadal voleva lasciare sul suo campo. Un segno indelebile, una lapide sportiva. Nadal vince pur perdendo. Gli è lieve la terra rossa di Parigi.

rafael nadal foto gmt458 rafael nadal foto gmt458 rafael nadal foto gmt456 rafael nadal foto gmt456 rafael nadal foto gmt455 rafael nadal foto gmt455 rafael nadal foto gmt454 rafael nadal foto gmt454 rafael nadal foto gmt459 rafael nadal foto gmt459

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?