“SE STO O NO INSIEME A UNA RAGAZZA, NON LO METTERÒ MAI SUI SOCIAL” – SINNER SECRETS: “NON HO BISOGNO DI METTERE UNA FOTO PER FAR VEDERE A TUTTI CHE SONO FIDANZATO" – "LE PRESSIONI? NON SONO LE MIE, SEMMAI QUELLE DI UN CAPOFAMIGLIA CHE DEVE PORTARE IL CIBO A CASA, DI UN MEDICO CHE SALVA VITE O DI QUALCUNO CHE NON SA SE TRA CINQUE ORE O CINQUE GIORNI GLI ENTRERÀ UN RAZZO IN CASA..." - E SULLA RESIDENZA A MONTECARLO SPIEGA CHE...

-

Condividi questo articolo


Paolo Franci per la Nazione - Estratti

 

JANNIK SINNER E MARIA BRACCINI A SAN SIRO JANNIK SINNER E MARIA BRACCINI A SAN SIRO

Niente super alberghi in luoghi esotici o yacht caraibici. No, il Natale di Jannik, guardandolo in contromano rispetto al luccicante glamour dello star system, sarà di un trasgressivo che levati. Perché lo passerà a San Candido, a casa di papà Hanspeter e mamma Siglinde.

Dormirà nella «cameretta» con il fratello Mark e indovina che cosa chiederà a Babbo Natale per essere felice? Sempre la stessa cosa, ogni anno: «La salute dei miei genitori».

 

Il Rosso è fatto così, più cerchi l’eccesso, più trovi la normalità.

Quella di un ventenne che ancora oggi si diverte a togliere il pennino dalla Bic e a mo’ di cerbottana e sparare una pallina di carta addosso agli amici di sempre per ridere insieme. Già perché i presunti amici che si avvicinano ora che è una stella, non li vuole troppo tra i piedi, anzi.

 

JANNIK SINNER MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA JANNIK SINNER MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA

Ok, qualcuno ci ha provato a scalfire il ’Normal One’ di San Candido. Il contratto con Gucci, la residenza a Montecarlo, la Davis snobbata. Già, ricordate il massacro mediatico per quel «no» nato dall’esigenza di arrivare al top nel finale di stagione e, alla fine e tra l’altro, vincerla la maledetta Davis? Ok, e Montecarlo? Il Rosso ti spiega, con calma, che se sei numero 4 al mondo, con chi è che puoi allenarti con intensità in Italia? A Montecarlo invece pullula di fenomeni, i campi sono sempre a disposizione e «io devo pensare ad allenarmi nel modo migliore, sennò non progredisco», ha spiegato di recente il ragazzo robot.

jannik sinner foto rosito gmt 29 jannik sinner foto rosito gmt 29

 

(...) Addirittura tranciante nel rapporto con i social. Pare abbia rotto con la ex Maria Braccini, modella e influencer, rea di aver pubblicato un post su Instagram che li ritraeva insieme. Perché sulla vita privata Jannik è monacale: «Se sto o no insieme a una ragazza, non lo metterò mai sui social. Non ho bisogno di mettere una foto per far vedere a tutti che sono fidanzato». E allora a che servono? «Un mezzo per lo sport che faccio». Scrocca le pay tv ’rubando’ le password ai suoi coach, una cosa che lo diverte da morire. Il cibo? Dieta ferrea. Però va matto per la pizza, al punto che per la sua festa i genitori gli hanno preparato una margherita con le candeline. Jannik è intriso di cultura del sudore, lavoro e sacrificio che il papà chef in un rifugio e la mamma cameriera gli hanno insegnato.

sinner volandri foto calabro gmt 58 sinner volandri foto calabro gmt 58

 

Possibile che non abbia eccessi? No, però ha idoli eccessivi: il rapper irriverente Eminem oppure, quando sembrava che Jannik dovesse diventare un asso dello sci, il suo eroe era il fenomeno hippie Bode Miller: «Sulla neve eravamo uguali, Bode o stravinceva o si schiantava». Dopo la vittoria del torneo di Vienna, a chi gli chiedeva quale fosse il suo segreto, rispondeva: «Fare colazione tutte le mattine con i miei genitori». In un mondo dello sport in cui si abusa del concetto di “pressione“, Jannik è andato ancor di più contromano: «La pressione non è la mia, semmai è quella di un capofamiglia che deve portare il cibo a casa, di un medico che salva vite o di qualcuno che non sa se tra cinque ore o cinque giorni gli entrerà un razzo in casa». Capito?

volandri e sinner foto rosito gmt 36 volandri e sinner foto rosito gmt 36 SINNER MARIA BRACCINI SINNER MARIA BRACCINI maria braccini maria braccini SINNER MARIA BRACCINI SINNER MARIA BRACCINI sinner volandri foto calabro gmt 56 sinner volandri foto calabro gmt 56 pietrangeli sinner e la coppa davis pietrangeli sinner e la coppa davis

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE