“TI SEI SCHIERATO CON GRAVINA, DILLO CHE STAI CON LORO, NON TE LO PERDONO” – LA SCENATA DI LOTITO CONTRO GALLIANI ALLA FINE DELLA PROIEZIONE DEL FILM SU ENNIO DORIS: GASPARRI PROVA INUTILMENTE A FAR DA MEDIATORE TRA I DUE SENATORI DI FORZA ITALIA E A CALMARE IL PATRON LAZIALE – I TESTIMONI: “GALLIANI È STATO UN SIGNORE MENTRE LOTITO ERA UNA FURIA…”

-

Condividi questo articolo


Estratti dell’articolo di Matteo Pinci per repubblica.it

LOTITO E GALLIANI LOTITO E GALLIANI

 

Una scenata di gelosia, dentro un cinema, davanti a decine di persone. E con arbitro nientemeno che Maurizio Gasparri. Martedì sera, mentre gli amanti del calcio di tutto il mondo si sintonizzavano sulle partite di Champions League, Claudio Lotito decideva di dare spettacolo.

 

Scagliandosi contro uno stupefatto Adriano Galliani, colpevole a suo dire di averlo “tradito” assumendo nell’audizione sul calcio in Senato una posizione vicina al suo arci nemico, Gabriele Gravina, il presidente della Federcalcio con cui ha in corso un braccio di ferro diventato bellicoso da anni.

 

GALLIANI LOTITO GALLIANI LOTITO

Lo scenario è quasi istituzionale: la presentazione del film “C’è anche domani” sulla vita di Ennio Doris, organizzata da Francesco de’ Micheli e da Maurizio Gasparri. Tra gli invitati, Galliani e Gravina. Che, secondo chi era presente, hanno seguito la proiezione assieme. Prima, Galliani ha parlato di Berlusconi, emozionandosi nel raccontare il rapporto con lui e con Ennio Doris, due figure a cui la sua vita è strettamente legata. Prima del termine della proiezione, Gravina ha lasciato la sala (notato da più persone). Appena si sono accese le luci, però, nemmeno il tempo degli applausi in sala si è palesato anche Lotito, sin lì assente. Il sentore di Forza Italia e presidente della Lazio non è comparso per caso.

gravina a le iene gravina a le iene

 

 

Sembrava quasi avere una missione, Lotito. E appena ha visto Galliani, suo collega in Senato, dove entrambi siedono tra le fila di Forza Italia, lo raggiunge e lo ha incalzato: “Ti sei schierato con Gravina, dillo che stai con loro”. Toni agitatissimi, volto trasfigurato. Galliani, restando calmo, ha cercato di lasciare la sala, chiedendo all’inatteso oppositore di lasciarlo andare per evitare di partecipare a sceneggiate. Ma Lotito continuava a frapporsi tra lui e l’uscita: “Anche in commissione oggi lo hai difeso, io non te lo perdono”.

 

A tentare di calmare il presidente laziale anche Maurizio Gasparri. Inutile: “Galliani è stato un signore”, racconta chi era lì, mentre “Lotito era una furia"

gravina gravina de laurentis galliani lotito foto mezzelani gmt de laurentis galliani lotito foto mezzelani gmt

 

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA