“TRA TUTTI I TROFEI VINTI SCELGO LA CONFERENCE, PER LA DIMENSIONE DELLA GIOIA CHE HA PORTATO A ROMA” – MOURINHO TORNA A PARLARE ALLA VIGILIA DI ROMA-INTER - “RICORDI BRUTTI? HO PERSO UNA FINALE DI EUROPA LEAGUE AI RIGORI PERCHÉ UN ARBITRO HA DECISO CHE NON POTEVAMO VINCERE” – POI RIVELA: “AVREI VOLUTO DE ROSSI E TOTTI ALL’INTER MA…”

-

Condividi questo articolo


Estratti da repubblica.it

 

MOURINHO MOURINHO

L’esonero non sembra aver scalfito l’amore per Roma. Anzi, José Mourinho sembra volerlo rimarcare appena ne ha l’opportunità. Mettendo quei ricordi davanti anche ai trofei più importanti collezionati nel corso della sua carriera. “Ho tanti ricordi belli. E tanti brutti”, dice quando il blogger Ohm che lo intervista su youtube, gli chiede quale sia il momento a cui è più legato. “Non è il trofeo più importante che ho vinto, ma per la dimensione di gioia che ha portato dico il trofeo con la Roma. Anche se è impossibile sceglierne solo uno o due”.

 

 

Insomma, cuore di Roma. Ma non solo legato alla gioia della Conference vinta nel 2022, alla prima stagione in giallorosso: “Anche i ricordi brutti sono tanti”, ammette Mou. “Ho perso due semifinali di Champions ai rigori. Ho perso una finale di Europa League ai rigori perché un arbitro ha deciso che non potevamo vincere. Sono tanti”. E la finale di cui parla è quella persa contro il Siviglia lo scorso giugno: con la Roma, ovviamente.

 

 

mourinho mourinho

Attenzione però. Nel suo cuore c’è posto persino per l’uomo che ne ha raccolto l’eredità sulla panchina dell’Olimpico. “Avrei voluto De Rossi all’Inter e al Real Madrid, ma non è stato possibile. Avrei voluto Totti all’Inter anche già con un’età altissima ma non è stato possibile. Ci sono sempre giocatori che vorresti e non riesci ad allenare”

 

(...)

mourinho mourinho mourinho mourinho mourinho meme mourinho meme josè mourinho josè mourinho josè mourinho josè mourinho

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO