“ZANIOLO? MI DISPIACE CHE A 'TIKI' TAKA ABBIATE PARLATO DELLE CAGATE DI UN RAGAZZINO” - IACCHETTI CRITICA IL PROGRAMMA E CHIAMBRETTI SI INCAZZA: “NON AMO LE RAMANZINE DA PARTE DI CHI VEDE 10 MINUTI DI TRASMISSIONE. LA CAGATA NON L’ABBIAMO FATTA NOI MA…” – “PIERINO” FURIOSO ANCHE PER LE CRITICHE DI ENRICO VANZINA (“PARLATE SEMPRE DELLE STESSE COSE”) – "SE INFILO IL GOSSIP C’E’ UN MOTIVO. NON DEVO SPIEGARE IL PROGRAMMA, BISOGNA GUARDARLO”

-

Condividi questo articolo

Massimo Falcioni per tvblog.it

 

iacchetti chiambretti iacchetti chiambretti

Accesa polemica a Tiki Taka tra Piero Chiambretti ed Enzo Iacchetti. Tutta colpa di Nicolò Zaniolo e del gossip legato al talento della Roma a cui il programma di Italia 1 lunedì sera ha dedicato ampio spazio. Ad accendere la scintilla è stato proprio il volto di Striscia la notizia, chiamato in causa in un primo momento per discutere di Inter e poi messo in panchina per diversi minuti per occuparsi delle vicende sentimentali del centrocampista giallorosso.

 

CHIAMBRETTI IACCHETTI 1 CHIAMBRETTI IACCHETTI 1

Un’attesa che ha evidentemente innervosito Iacchetti, che aveva più volte espresso la volontà di andare a cena. E così, una volta richiamato in causa, non ha lesinato critiche all’impostazione del programma: “Mi dispiace che nella vostra trasmissione che è piena di gente che sa di calcio abbiate parlato delle cagate di un ragazzino. Vorrei venire li per imparare, perché mi piace come parlano Mughini e Zazzaroni”.

 

Chiambretti ha prima abbozzato con un sorriso (“quando parla così vorrei sposarmelo, è bravissimo”) salvo poi cambiare radicalmente umore al rientro da un servizio dedicato ai ‘bad boy’ del calcio accolto non positivamente da Giampiero Mughini.

 

ENZO IACCHETTI ENZO IACCHETTI

“Posso dire rispondendo a tutti che la cagata non l’abbiamo fatta noi ma evidentemente l’hanno fatta i calciatori e che se io metto in onda una cosa del genere c’è un motivo? Posso dirlo? Perché mi sono un po’ innervosito, io che non mi innervosisco mai non amo le ramanzine da parte di chi dall’esterno vede dieci minuti e valuta un lavoro. Questo pezzo è direttamente legato a un atteggiamento di comportamenti che i calciatori hanno”.

 

 

Iacchetti a quel punto ha provato a gettare acqua sul fuoco (“non parlo male della tua trasmissione, ho fatto una battuta”), senza però riuscire a calmare Chiambretti, irritato pure da una precedente osservazione di Enrico Vanzina.

 

chiambretti chiambretti

“Vanzina dice che diciamo le stesse cose, ma anche il calcio è sempre lo stesso. Enzo giustamente dice che abbiamo sbagliato a mettere il gossip, ma io spiego che invece il calcio è sempre più gossip di quello che dovrebbe essere. Il gossip mi fa impressione, ma questo programma parla di calcio e Zaniolo è un calciatore e io parlo di Zaniolo. Non è una polemica, ma una precisazione da parte dell’autore del programma che non ha mai fatto programmi di gossip e se lo infilo c’è un motivo. Non devo spiegare il programma, bisogna guardarlo”.

 

enrico vanzina foto di bacco enrico vanzina foto di bacco

Da sottolineare inoltre come alle spalle di Iacchetti fosse esposto un orologio da parete con le lancette posizionate alle 10 e 40, orario in cui si stava effettuando la registrazione. Abbandonati quindi definitivamente i principi di diretta al contrario promossi nelle prime settimane di programma.

chiambretti chiambretti herrera paternostro chiambretti prove tecniche di trasmissione herrera paternostro chiambretti prove tecniche di trasmissione chiambretti chiambretti ENZO IACCHETTI ENZO IACCHETTI

 

iacchetti iacchetti iacchetti corvaglia iacchetti corvaglia iacchetti iacchetti ENZO IACCHETTI ENZO IACCHETTI enzo iacchetti enzo iacchetti ENZO IACCHETTI ENZO IACCHETTI greggio iacchetti striscia greggio iacchetti striscia chiambretti chiambretti

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

L’INTER IN CRISI DI IDENTITA’ – AL POSTO DI “FOOTBALL CLUB INTERNAZIONALE” NASCE “L'INTER MILANO”: I TIFOSI DELLA BENEAMATA IN ALLARME PER IL POSSIBILE CAMBIO DI NOME – LA SVOLTA DI SUNING PER ESSERE PIU’ RICONOSCIBILE SUI MERCATI ESTERI E LEGARE IL NOME A QUELLO DELLA SQUADRA – VANNI (REPUBBLICA) FA CHIAREZZA: “IL NOME DEL CLUB NON CAMBIA. “INTER MILANO” SARÀ LA CAMPAGNA DI LANCIO DEL NUOVO LOGO. ERA PREVISTO A MARZO MA, VISTO IL MOMENTO, POTREBBE SLITTARE PIÙ AVANTI“...

cafonal

viaggi

salute