MA COME È EQUILIBRATA SERIE A! (PECCATO SI SIA LIVELLATA VERSO IL BASSO) - IL CAMPIONATO ITALIANO È IL PIÙ APERTO D'EUROPA, CON NAPOLI, MILAN, INTER E ATALANTA IN CINQUE PUNTI: ABBIAMO PERSO APPEAL E CAMPIONI RISPETTO AGLI ANNI 80 E 90, PERÒ QUESTA INCERTEZZA GENERA INTERESSE NEGLI SPETTATORI (NON DITELO AI TIFOSI JUVENTINI) - IL CANALE YOUTUBE DELLA SERIE A È IL PIÙ VISTO DI UNA LEGA CALCISTICA AL MONDO, CON L'80% DEI CONTATTI DALL'ESTERO…

-

Condividi questo articolo


Stefano Scacchi per “La Stampa

 

 

classifica delle prime 4 dopo 15 giornate classifica delle prime 4 dopo 15 giornate

La Serie A regina dell'equilibrio tra i grandi campionati europei. C'è un valore di ogni torneo sportivo che prescinde dalla fama planetaria dei protagonisti: l'incertezza. Una merce spendibilissima anche economicamente perché genera interesse tra gli spettatori.

 

Applicando questo filtro, il campionato italiano è davanti a tutti in questa stagione. Vituperata per tanti motivi, a partire dagli stadi inospitali, la Serie A può esibire con fierezza la sua lotta scudetto con Napoli, Milan e Inter in due punti. Con l'Atalanta quarto incomodo ad appena cinque lunghezze dal Napoli capolista.

 

inter napoli inter napoli

Solo la Premier League può vantare un simile affollamento in vetta con Chelsea, Manchester City e Liverpool in due punti. Ma il West Ham 4° è più lontano rispetto all'Atalanta.

 

inter napoli inter napoli

Gli altri principali tornei europei invece hanno graduatorie molto più definite. In Francia il Psg ha già seminato la concorrenza con un vantaggio in grado di far appisolare i tifosi delle inseguitrici: +12 sull'Olympique Marsiglia.

 

ibra esulta dopo un gol del milan ibra esulta dopo un gol del milan

In Germania domina il consueto tandem: Bayern Monaco con un punto in più del Borussia Dortmund. Molto più giù il Bayer Leverkusen. In Spagna il Real Madrid ha fatto il vuoto su Atletico e Real Sociedad.

 

L'equilibrio è sempre stato un vanto della Serie A negli anni '80 e '90, quando eravamo il campionato più avvincente del mondo con i fuoriclasse migliori. Adesso le grandi stelle sono altrove, ma il campionato ha recuperato la sua incertezza.

 

zlatan ibrahimovic foto mezzelani gmt053 zlatan ibrahimovic foto mezzelani gmt053

Il gradimento internazionale può essere misurato dai numeri del canale You Tube della Serie A, il più visto di una Lega calcistica al mondo, con l'80% dei contatti dall'estero.

 

Questa battaglia scudetto può essere una leva per recuperare terreno rispetto alla concorrenza. I club, però, temono di perdere un'arma fondamentale per attirare campioni: lo sconto fiscale del Decreto Crescita, utilizzato, ad esempio, per Ibrahimovic e De Ligt.

 

ilicic e pasalic atalanta ilicic e pasalic atalanta

Il Pd ha presentato un emendamento per abolirlo perché danneggia i giovani italiani. Bocciato dalla commissione Bilancio del Senato, tornerà nella discussione sulla Legge di Bilancio. «Un'iniziativa miope e controproducente», attacca Beppe Marotta. Potrebbe essere mantenuto solo per i campioni oltre una certa soglia di stipendio.

 

juventus atalanta 1 juventus atalanta 1

Di sicuro Napoli e Milan devono rinunciare per qualche tempo ai loro baluardi difensivi. Luciano Spalletti non avrà per almeno un mese Kalidou Koulibaly a causa di un risentimento muscolare alla gamba sinistra.

 

koulibaly koulibaly

Ancora più lungo lo stop del rossonero Simon Kjaer che oggi sarà operato in artroscopia per ridurre una lesione ai legamenti del ginocchio sinistro. Vista la delicatezza dell'infortunio, è difficile prevedere se il danese tornerà nella stagione in corso. I compagni di squadra giocheranno anche per i loro leader difensivi nel prosieguo della corsa scudetto, che rimanda al meglio della storia della Serie A.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

IL VACCINO? UN RICATTO. NON HO PAURA, L’ETA’ MEDIA DEI MORTI E’ MOLTO ALTA” - L'EX CAMPIONE DI MOTOCICLISMO MARCO MELANDRI ALLA PROTESTA NO PASS DI MILANO: "NON SONO UN NO VAX, SONO UN SOSTENITORE DELLA LIBERTA’ MA NON HO PRESO IL COVID APPOSTA, QUELLA ERA SOLO UNA BATTUTA INFELICE” – LA SITUAZIONE NEGLI OSPEDALI È CRITICA: “I DATI DIFFUSI NON SONO VERI. NON SI GUARDA ALLA REALTÀ DEI FATTI, MA A QUELLO CHE FA COMODO. DJOKOVIC? UN CAPRO ESPIATORIO” - MELANDRI PAGA L’INTERVISTA SUL COVID: UNO SPONSOR NON GLI RINNOVA IL CONTRATTO

cafonal

viaggi

salute