MA AL MILAN, PER USCIRE DALLA CRISI, SERVE UNO COME ZANIOLO CHE NEGLI ULTIMI DUE ANNI IN CAMPIONATO HA REALIZZATO SOLO TRE RETI? IL "DIAVOLO" PREPARA L’AFFONDO PER IL ROMANISTA MA I FRIEDKIN NON SONO DISPOSTI A FARE SCONTI: SERVONO ALMENO 30 MILIONI DI EURO – AL POSTO DI NICOLO’, L’OBIETTIVO GIALLOROSSO È ZIYECH DEL CHELSEA. UN'OPERAZIONE NON FACILE. SERVONO SOLDI, E TANTI….

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marco Pasotto per gazzetta.it

 

zaniolo milan zaniolo milan

Paolo Maldini e Frederic Massara sono rimasti entrambi sul vago, ma la (netta) sensazione è che da qui al 31 gennaio si preannunciano giorni caldi sul mercato per il Milan. Al netto delle dichiarazioni di circostanza che peraltro, oltre a essere doverose, non rappresentano una reale chiusura all’ipotesi di rinforzi dell’ultimo momento. Dice il d.t.: “Non ci sposteremo dalle nostre idee degli ultimi anni. Non vi aspettate acquisti tipo squadre inglesi o alcune squadre italiane. Non siamo il Milan degli Anni 90 che prende campioni già fatti, noi abbiamo necessità di una strategia che ci ha portato a sanare i conti, e da qui non ci scosteremo”.

 

 

(…)

zaniolo zaniolo

 

 

APERTURA—   Zaniolo, nella fattispecie, avrebbe un costo elevato per essere gennaio, ma non un costo elevato in assoluto considerando la proporzione fra investimento e qualità. Quanto meno per ciò che intenderebbe spendere il Milan. Ovvero non oltre i 25 milioni, con diritto di riscatto legato alla qualificazione in Champions. Una formula che per i parametri di RedBird – ovvero gli stessi che aveva Elliott – è già da considerare una grande apertura per essere il mercato invernale.

 

La Roma peraltro non ci sente, né sulla cifra né sul diritto che vorrebbe trasformare in obbligo. Il rischio di ritrovarsi col cerino in mano a giugno però potrebbe anche indurre a più miti consigli il club giallorosso entro la fine del mese. Nel mentre, il Milan proverà probabilmente ad accelerare anche perché l’arrivo di un talento come Zaniolo potrebbe avere un effetto scossa. Per il gruppo ma anche in termini pratici, là davanti in quei territori sulla destra dove Messias e Saelemaekers si esibiscono con fortune alterne. Una porzione di campo dove occorre alzare il livello di qualità. Tant’è vero che sul radar rossonero è rimasto a lungo Ziyech, guarda caso adesso nel mirino della Roma stessa in caso di addio con Zaniolo.

zaniolo mourinho zaniolo mourinho zaniolo zaniolo

 

zaniolo in nazionale 3 zaniolo in nazionale 3 zaniolo mancini 1 zaniolo mancini 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...