E MENO MALE CHE ERANO AMICI! LO SCHIAFFONE DELL’ALLENATORE DI FOOTBALL AMERICANO, BILL BELICHICK, A TRUMP: IL COACH DEI "PATRIOTS" RIFIUTA LA MEDAGLIA PRESIDENZIALE, LA PIÙ ALTA ONORIFICENZA DEGLI STATI UNITI, DOPO I TRAGICI EVENTI DI CAPITOL HILL: "PIÙ DI OGNI ALTRA COSA, SONO UN CITTADINO AMERICANO CON UN GRANDE RISPETTO PER I VALORI, LA LIBERTÀ E LA DEMOCRAZIA DELLA NOSTRA NAZIONE"

-

Condividi questo articolo

Da rainews.it

 

BILL BELICHICK BILL BELICHICK

L'allenatore dei New England Patriots Bill Belichick ha annunciato che non intende accettare la Medaglia presidenziale della libertà, la più alta onorificenza degli Stati Uniti, dicendo che "rimanere fedeli alle persone, al team e al Paese che amo vale molto di più di qualsiasi premio individuale".

 

In una breve dichiarazione accuratamente soppesata, l'allenatore sei volte vincitore del Super Bowl ha evitato di dire esplicitamente di aver rifiutato l'offerta del Presidente Donald Trump ma ha spiegato che ha preso "la decisione di non andare avanti con il premio" in conseguenza dell'assalto al Campidoglio della settimana scorsa.

 

Domenica scorsa, cioè quattro giorni dopo i disordini, un funzionario della Casa Bianca aveva annunciato che Trump avrebbe conferito a Belichick la più alta onorificenza civile della nazione all'interno di una lista di premiazioni dell'ultima ora rispetto alla scadenza del mandato presidenziale che comprendeva anche campionesse e campioni del golf del presente e del passato come Annika Sorenstam, Gary Player e, in memoria, 'Babe' Zaharias; una premiazione che già non aveva mancato di suscitare polemiche proprio perché avvenuta a poche ore dall'assalto. Belichick avrebbe dovuto ricevere la medaglia giovedì.

 

BILL BELICHICK TRUMP BILL BELICHICK TRUMP

"Sono lusingato [...] per ciò che il riconoscimento rappresenta e per l'ammirazione che ho nei confronti di chi lo ha ricevuto prima di me", ha detto l'allenatore in una dichiarazione, "Poi, sono successi i tragici eventi della scorsa settimana ed è stata presa la decisione di non andare avanti con il premio. "Più di ogni altra cosa, sono un cittadino americano con un grande rispetto per i valori, la libertà e la democrazia della nostra nazione. So di rappresentare in questo anche la mia famiglia e la squadra dei New England Patriots".

 

BILL BELICHICK TRUMP BILL BELICHICK TRUMP

Sebbene si definisca apolitico, Belichick si era già esposto politicamente in passato. L'architetto dei successi dei Patriots, scrisse nel 2016 una lettera di sostegno a Trump che il tycoon lesse in pubblico la notte prima delle elezioni durante un comizio nel New York Hampshire, una roccaforte dei tifosi della squadra. Sebbene Trump allora presentò la lettera come una esplicita adesione di Belichick al suo programma-slogan, "Make America Great Again" che gli valse la sorprendente vittoria contro Hillary Clinton, Belichick ha poi dichiarato che si trattava solo del sostegno a un amico.

 

Nel 2015 Belichick indossò una spilla con la bandiera armena alla Casa Bianca quando la squadra era ospite dell'allora presidente Barack Obama per festeggiare la sua quarta vittoria nel Super Bowl. Si trattò di un segno di solidarietà al dirigente della squadra, Berj Najarian, che è di origine armena. Il mese scorso, Belichick ha invitato il governo degli Stati Uniti ad agire contro la Turchia e l'Azerbaigian per gli "attacchi non provocati e violenti contro gli Armeni".

 

bill belichick bill belichick

All'indomani della morte di George Floyd, i giocatori dei Patriots hanno elogiato Belichick per aver consentito di aprire un forum dove poter esprimere i propri sentimenti sulla questione razziale e l'ingiustizia sociale in America. Nella sua dichiarazione Belichick ha definito quegli elogi "una delle cose più gratificanti della mia carriera professionale [...]  Continuare questo lavoro e rimanere fedeli alle persone, alla squadra e al Paese che amo vale molto di più di qualsiasi premio individuale". 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L’INFORMAZIONE È SFATTA - URBANO CAIRO SI PORTA AVANTI COL LAVORO E PRENDE LA TESSERA NUMERO UNO DEL FUTURO PARTITO DI CONTE: “LA CRISI NON CI VOLEVA E CONTE FA BENE A CERCARE I RESPONSABILI. IO ANDREI AVANTI FINO A FINE LEGISLATURA” – VI SEMBRA NORMALE CHE L’EDITORE DEL PRIMO QUOTIDIANO ITALIANO E DELL’EMITTENTE LA7 SI SCHIERI IN MANIERA COSÌ SFACCIATA VERSO IL CAZZARO CON LA POCHETTE? IMMAGINATE ORA I NOTISTI DI POLITICA DI VIA SOLFERINO E I CONDUTTORE DE LA7 QUANDO DOVRANNO SPARARE CRITICHE A CONTE…

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute