A MIAMI SULLE TRIBUNE SVOLAZZAVA UN PULCINO DI RAPACE, IN CAMPO C’ERA UN RAPACE GIGANTE: JANNIK SINNER – IL TENNISTA AZZURRO SPAZZA VIA MEDVEDEV (6-1; 6-2) IN UN'ORA E 9 MINUTI. ORA AFFRONTERÀ IL VINCENTE DI ZVEREV-DIMITROV: IN CASO DI VITTORIA DEL TORNEO SARA’ NUMERO 2 DEL MONDO - IL RUSSO, IN TOTALE CONFUSIONE, IMPAZZISCE E SI SFOGA CONTRO IL SUO ALLENATORE – PAOLO BERTOLUCCI: “UN VENERDI’ DI PASSIONE PER MEDVEDEV, SINNER LO HA ANNICHILITO”

-

Condividi questo articolo


Estratti da gazzetta.it

sinner sinner

E sono cinque, su undici. Jannik Sinner batte ancora una volta Daniil Medvedev, la quinta consecutiva, e conquista la finale del Masters 1000 di Miami. Non solo, continua a correre verso il best ranking di numero 2 al mondo che raggiungerà soltanto in caso di conquista del titolo domenica contro il vincente tra Sascha Zverev e Grigor Dimitrov.
 
La ventunesima vittoria su 22 partite giocate da inizio anno vuol dire ancora record, ancora presenza nell'elite dei pochissimi che sono riusciti in questa impresa, e arriva con una prestazione impressionante, un dominio assoluto. Il simpatico Meddi sperava in una rivincita della finale Slam in Australia ma si è dovuto arrendere a un Sinner stellare, che passa 6-1 6-2 in un'ora e 9 minuti, sotto gli occhi di Serena Williams.

 

 

MEDVEDEV

Da corrieredellosport.it

Avvio shock di Medvedev in semifinale contro Sinner a Miami. Vuoi lo strapotere di Jannik, vuoi il break subìto a inizio primo set, di fatto però il russo ha iniziato male e proseguito peggio, sbagliando tutto quello che si può sbagliare, sia da fondo campo sia in avanzamento e con la volée. Il primo set è volato via: 6-1 per Sinner. Il secondo male ancora, con Medvedev che ha incassato il break e ha perso le staffe con il suo allenatore.

SINNER SINNER

 

La reazione di Medvedev contro Sinner

Il numero 4 del mondo, all'ennesimo errore e punto sprecato, si è rivolto verso il suo angolo sfogandosi e agitandosi, dicendo qualcosa. Il suo coach l'ha guardato, impassibile, quasi spiazzato dall'orrenda prestazione messa in campo dal russo, che poi ha ripreso a giocare in modo irriconoscibile.

 

INVASIONE DI CAMPO
 Non c'è solo Serena Williams a godersi la semifinale a Miami tra Sinner e Medvedev, anche un uccello, forse un piccolo falco, si è appostato sugli spalti e ha osservato la sfida. Poi ha ripreso il volo, ma non è andato via: è rimasto in zona, sorvolando il campo, di fatto invadendolo, come se continuasse ad osservare il dominio di Jannik sul russo.
 
A un certo punto, durante il servizio, ha deciso di liberarsi di nuovo in volo disturbando la battuta di Sinner: è passato davvero vicino! Per fortuna senza compromettere la concentrazione del numero 3 al mondo, che è andato dritto verso il trionfo (...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)