IL MONDO DEL CALCIO CONTINUA A LITIGARE. STAVOLTA SUGLI ALLENAMENTI - LOTITO VOLEVA RICOMINCIARE SUBITO, AGNELLI E MAROTTA NO. ANCHE I MEDICI SPORTIVI CONTRO IL PRESIDENTE DELLA LAZIO. POI L’ACCORDO: "SI RIPARTA TUTTI DAL 4 APRILE" (PREVALE L’UNIFORMITÀ, TRANNE CHE PER LE SEDUTE PERSONALIZZATE) - I CLUB VOTANO DOMANI

-

Condividi questo articolo

Alessandra Gozzini per gazzetta.it

Lotito Agnelli- Lotito Agnelli-

 

Ancora prima della ripresa del campionato, sono gli allenamenti a essere motivo di scontro: Lotito, presidente della Lazio, è il capitano della squadra favorevole alla ripartenza; dall’altra parte la Federazione dei medici sportivi ha ricevuto il sostegno dell’a.d. nerazzurro Marotta.

 

Per Lotito esistono le condizioni di sicurezza per tornare a scaldare i muscoli, e con lui gioca anche il Napoli: l’idea era quella di darsi appuntamento al centro sportivo già nei prossimi giorni. Per sabato era fissato anche il ritrovo del Cagliari, per lunedì 23 quello di Lazio, Napoli e Milan: per i rossoneri la ripresa era già stata posticipata di una settimana ma con l’idea di aggiornarsi in base alle condizioni sanitarie generali.

 

 

L’altro fronte segue la linea raccomandata dalla Federazione dei medici per cui "è doveroso alla luce dell’attuale situazione di emergenza sanitaria raccomandare per le società professionistiche l’interruzione degli allenamenti collettivo almeno fino al 3 aprile".

antonio conte marotta antonio conte marotta

 

Stessa posizione della Libera associazione medici italiani del calcio (Lamica) presieduta dall’ex responsabile dello staff medico della Nazionale, il professor Castellacci, che "esprime tutto il proprio dissenso sull’idea di alcuni club di iniziare gli allenamenti precocemente, addirittura prima del 3 aprile" e dall’altro invoca il principio di uniformità. Per Marotta è il percorso da seguire: tornare in campo solo all’inizio del prossimo mese.

 

Dopo due ore di riunione, e di liti, è emersa una linea che l’assemblea dei club di venerdì trasformerà in disposizione ufficiale, votata dalla maggioranza: tutti in campo solo dal 4 aprile. Data che permetterebbe alle squadre oggi in isolamento di aggiungersi alle altre.

 

casasco casasco

PERSONALIZZATI—   Decisione che privilegia il principio di equità: gli allenamenti di squadra riprenderanno per tutti nello stesso giorno, per non creare disparità di condizione. Vale per gli allenamenti di gruppo: allo stesso tempo infatti non è escluso che alcuni club ripartano con una preparazione personalizzata o in piccoli gruppetti (oggi gli atleti professionisti hanno la possibilità di allenarsi a porte chiuse rispettando la distanza di un metro). È nelle facoltà dei club, sotto la responsabilità dei rispettivi medici. La ripresa degli allenamenti era già stata motivo di scontro: il caso aveva alimentato una discussione tra lo stesso Lotito e Andrea Agnelli. Nel caso specifico il presidente bianconero rimproverava a Lotito un interesse sportivo: la Lazio avrebbe potuto tornare a lavoro mentre la Juve, avversaria per il titolo, restava costretta in quarantena.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute