LA MOTO GP DIVENTA UN'AMERICANATA: “PIU’ CORSE, PIU’ SFIDE, SARA’ COME LA F1, UN GRANDE SHOW” – L'AZIENDA USA LIBERTY MEDIA COMPRA "DORNA SPORTS" PER 4,2 MILIARDI. NEL PACCHETTO OLTRE AL MOTOMONDIALE ANCHE MOTO2, MOTO3, SUPERBIKE E MOTO E. CARMELO EZPELETA RIMANE CEO - “UN PASSAGGIO EPOCALE, TUTTI NE GUADAGNERANNO: TEAM, TV E...” (DALLA PROSSIMA STAGIONE, INTANTO, CI SARA' UN ALTRO GP NEGLI STATI UNITI)

-

Condividi questo articolo


Massimo Calandri per "la Repubblica" - Estratti

 

scontro tra pecco bagnaia e marc marquez al gp del portogallo 5 scontro tra pecco bagnaia e marc marquez al gp del portogallo 5

«Sarà una MotoGp ispirata alla nuova F1. Emozioni in pista e fuori: tra sport e social, tv, influencer, musica, video, glamour, cinema.

Più corse, più sfide, sempre in diretta. Tutti immersi in uno spettacolo da impazzire, ma ancorato alla realtà. Un grande show, molto americano: vi divertirete». Dan Rossomondo viene dal New Jersey e dalla Nba: da un anno è responsabile commerciale di Dorna Sports, che ieri è stata ufficialmente comprata da Liberty Media.

Dorna detiene i diritti anche di Moto2, Moto3, MotoE, Superbike, Supersport e Superstock.

 

scontro tra pecco bagnaia e marc marquez al gp del portogallo 1 scontro tra pecco bagnaia e marc marquez al gp del portogallo 1

La compagnia Usa ha annunciato di aver rilevato per 4,2 miliardi di euro circa l’86% di quote azionarie, subentrando a Bridgepoint e al fondo canadese Cpp: Carmelo Ezpeleta, il catalano da 30 anni padre-padrone del motomondiale, si è tenuto una piccola fetta sufficiente a fargli ancora gestire formalmente il giocattolo.

 

Sette stagioni fa, il colosso americano si era preso la F1: da allora l’ha progressivamente stravolta, facendola crescere enormemente in popolarità e profitti, grazie anche alla serie televisiva Drive to Survive e all’inserimento nel calendario delle gare di Miami e Las Vegas.

 

pecco bagnaia pecco bagnaia

Con Austin, oggi sono 3 i gp a stelle e strisce di Verstappen & Co. Sulla stessa pista di Austin farà tappa tra 10 giorni la MotoGp. Ci sono buone ragioni per credere che anche la creatura di don Carmelo sarà sempre più americana. Da quest’anno in griglia c’è un team statunitense (Trackhouse). E Dan Rossomondo è arrivato in tempi non sospetti.

Greg Maffei, ceo di Liberty Media, si dice «entusiasta»: spiega che «l’obiettivo è far crescere ancora la MotoGp per la soddisfazione del pubblico, delle squadre, dei partner commerciali e dei nostri azionisti».

 

Ezpeleta parla di «passaggio epocale per il paddock e i nostri tifosi».

 

 

(...)

pecco bagnaia jorge martin pecco bagnaia jorge martin

Rafforzate le relazioni con le tv.

«Non ci limitiamo a vendere servizi. Broadcaster come l’italiana Sky fanno già un lavoro eccellente: non è semplice mettere d’accordo gli spettatori puristi con i turisti, quelli che si stanno avvicinando allo spettacolo. Noi vogliamo collaborare con loro, per un prodotto ancora migliore».

 

Gli sponsor.

«Un brand può investire anche se non direttamente legato ai motori ». Le parole business, promotion, marketing, rischiano di suonare più forte di: race, gara. «No.

La MotoGp è e rimarrà incredibilmente emozionante, con tanti campioni e una imprevedibilità che la F1 ci invidia».

 

EZPELETA EZPELETA

Grande attenzione sui mercati Usa e britannico. Dal prossimo anno ci saranno 22 gp e almeno un’altra tappa americana (Tennessee?), ma non necessariamente piloti di oltreoceano. «Uno sport internazionale non ha bisogno di eroi nazionali. La Premier League inglese è seguitissima negli Stati Uniti. È più importante che nel paddock si parli di sostenibilità, innovazione, tecnologia. Lo sport è diventato anche marketing. Restiamo sulla cresta dell’onda. E divertiamoci».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)