ORA COSA FARA’ DE LAURENTIIS CON ANCELOTTI (E I GIOCATORI)? – IL NAPOLI NON VA OLTRE IL PARI CON IL GENOA, IL SAN PAOLO FISCHIA (INSIGNE IL PIU’ BERSAGLIATO) – SCONCERTI: "LA SQUADRA HA PERSO LA FIDUCIA. LA CRISI TECNICA E' MOLTO EVIDENTE. QUESTO TOGLIE IMPORTANZA ANCHE ALL' ARMA DEL PECCATO: IL RITIRO" - MANCA UN RIGORE PER IL NAPOLI: BRACCIO DI LERAGER SULLA PUNIZIONE DI MERTENS…

-

Condividi questo articolo

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

lerager con il braccio lerager con il braccio

È stata un' Inter importante, nel secondo tempo anche bella, perché non era facile fare gioco in trenta metri di campo dove correvano insieme venti giocatori. E adesso è di nuovo in testa alla classifica. L' uomo della partita è stato Barella che ha trovato la prodezza unica che ormai serviva per vincere, ma molto merito generale va a De Vrij. Da quando Brozovic è diventato un grande regista viene sempre marcato a uomo, specie dalle squadre meno forti.

 

Questo ha messo in difficoltà l' Inter nelle ultime giornate e causato anche parte di quella «stanchezza» denunciata in modo spettacolare da Conte. Con Brozovic con l' avversario addosso le idee da dietro arrivano lentamente, si normalizzano, tocca alla verticalità di Barella e Vecino arrivare in area e soprattutto ai laterali mettere palloni al centro per Lukaku e Lautaro. Così il compito di ricominciare l' azione capita sempre più spesso a De Vrij, liberato proprio dal marcamento di Brozovic. Il centrocampo gli si apre per una quarantina di metri. È un gioco un po' elementare ma eseguito con insistenza da giocatori che sono ormai coscienti di poter ricevere sempre dalla partita quello che investono in fatica.

 

insigne insigne

Continuano a impressionare Lautaro e Lukaku. Il gigante è stato meno brillante, ma il cinquanta per cento della capacità di tenere basso il Verona è stato sulle sue spalle e nei suoi movimenti. È una vittoria particolare perché il Verona è una squadra complessa, riesce a moltiplicarsi, soprattutto quando non deve fare gioco. Ma è stato travolto fisicamente, chiuso negli ultimi metri, quasi fatale prendere i due gol. Non c' è stato niente oggi di un' Inter stanca. Non di grandissima qualità, ma non stanca.

 

E di grande carattere. Colpisce il ritorno del Torino in una partita da cui ha avuto molto, due rigori iniziali e un' espulsione. Ma la facilità del risultato è una risposta netta, ovvia, a chi ha parlato di lotta per non retrocedere. Non è un problema del Torino. Intanto il Napoli aggrava le sue difficoltà. La partita è quella prevista, piena di trappole mentali.

insigne insigne

C' è un gradino molto alto tra quello che il Napoli fa e quello che saprebbe fare. La crisi tecnica diventa forse ingiusta nelle dimensioni ma molto evidente. L' errore è dovunque, inutile parlare di calcio giocato.

 

Nessuno ha più fiducia nell' altro, in nessun luogo. Questo toglie importanza anche all' arma del peccato: il ritiro.

 

 

 

A SKY NESSUN DUBBIO

Da www.ilnapolista.it

Nessun dubbio a Sky sul tocco di braccio di Lerager sulla punizione di Mertens. La posizione del braccio del difensore in barriera non è corretta da regolamento.

Dal campo nessuno dei giocatori del Napoli si è accorto dell’accaduto e nessuno ha protestato, ma è un episodio lampante che non ha neanche bisogno di essere rivisto al Var

 

ancelotti de laurentiis ancelotti de laurentiis AURELIO DE LAURENTIIS CARLO ANCELOTTI A CAPRI IN BARCA AURELIO DE LAURENTIIS CARLO ANCELOTTI A CAPRI IN BARCA ancelotti de laurentiis ancelotti de laurentiis

 

ancelotti de laurentiis ancelotti de laurentiis

 

 

ancelotti de laurentiis ancelotti de laurentiis

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

VE LA RICORDATE LA REGOLETTA ''CHI DESTABILIZZA QUESTO GOVERNO, SARÀ DESTABILIZZATO''? È IL PRINCIPIO SU CUI SI FONDA IL CONTE-BIS, E RENZI NE STA AVENDO UNA BELLA CUCCHIAIATA, AMARA E INDIGESTA. ORA PERDE LA TESTA CONTRO I GIORNALISTI, MA IL SUO PROBLEMA È IL ''DEEP STATE'', E IN PARTICOLARE QUELLE SEGNALAZIONI DELL'ANTIRICICLAGGIO DI BANKITALIA CHE HANNO SVELATO I DETTAGLI DEI SUOI PRESTITI E BONIFICI. LA STESSA BANKITALIA GUIDATA DA QUEL VISCO CHE LUI VOLEVA CACCIARE IN MALO MODO - PS: PER SALVINI LE COSE NON VANNO MEGLIO. L'INCHIESTA SU GALLI E' COINVOLTO…

business

cronache

sport

cafonal

"BUONISSIMA LA PRIMA" – MATTIOLI: "I VESPRI SICILIANI’ AL COSTANZI DI ROMA RESTERANNO UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA INTERPRETATIVA DELL'OPERA DI VERDI - TRIONFO PER DANIELE GATTI: CON LUI SUL PODIO L'ORCHESTRA SI SUPERA - QUALCHE BABBIONESCA CONTESTAZIONE PER LA REGISTA VALENTINA CARRASCO SU UNA SCENA DOVE LE BALLERINE SI SCAMBIAVANO SECCHIATE D’ACQUA: NOSTALGIA DEL TUTÙ? - LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ARRIVA IN RITARDO, FA UN INGRESSO TIPO JOAN COLLINS IN UNA SERIE TIVÙ ANNI OTTANTA E VIENE IGNORATA DAI PIÙ'' - VIDEO

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute