OSIMHEN E’ DEVASTANTE: 2-0 AL CAGLIARI, E’ LA SESTA VITTORIA DI FILA PER IL NAPOLI SEMPRE IN TESTA AL CAMPIONATO A PUNTEGGIO PIENO. NEL PRIMO TEMPO IL NIGERIANO HA SEGNATO DA CENTRAVANTI D’AREA SU CROSS BASSO DI ZIELINSKI. E NELLA RIPRESA SI È GUADAGNATO DI FORZA UN CALCIO DI RIGORE, MANDANDO AI MATTI GODIN. MA L’INCUBO PER SPALLETTI SI CHIAMA COPPA D’AFRICA: A GENNAIO IL NAPOLI PERDERA’ OSIMHEN, ANGUISSA E KOULIBALY

-

Condividi questo articolo


 

Massimiliano Gallo per ilnapolista.it

osimhen napoli cagliari osimhen napoli cagliari

La banalità della vittoria, per scomodare frasi che hanno segnato e descritto la storia, quella vera. Venendo al calcio, una di quelle partite che sembrano semplici e che invece nascondono insidie. Sono queste le serate che misurano il livello di crescita e maturazione di una squadra. Servono consapevolezza, intelligenza, equilibrio per portare a casa i tre punti.

 

La capacità di vincere senza dare spettacolo. Perché i campionati, gli obiettivi, non li raggiungi sfoderando sempre futbol bailado. Bisogna saper fare punti anche in serate in cui giochi contro un avversario che ovviamente si chiude e in cui anche la brillantezza può lasciare a desiderare. Il Napoli supera la prova, batte il Cagliari e resta a punteggio pieno. Sei vittorie in sei partite di campionato.

 

napoli cagliari napoli cagliari

La fotografia della partita è evidente, è il duello tra Osimhen e Godin. Ventidue anni versus trentacinque. La straripante forza atletica – che forse andrebbe anche dosata in vista del futuro – e una marcatura anni Ottanta che ha ricordato quelle di Claudio Gentile. L’uruguaiano ha provato in ogni modo di accontentare Mazzarri, ma non aveva altro mezzo che quello di arrangiarsi. Si è aggrappato, ha tirato la maglia, ma il nigeriano gli è andato via in ogni modo. Nel primo tempo, ha segnato da centravanti d’area su cross basso di Zielinski. E nella ripresa si è guadagnato di forza un calcio di rigore, mandando ai matti Godin che lo ha steso come si fa sui campetti amatoriali. Il rigore lo ha poi realizzato Insigne che ha così festeggiato le 400 presenze col Napoli.

 

 

koulibaly anguissa osimhen koulibaly anguissa osimhen

I puristi storceranno il naso, e forse anche Spalletti, ma il Napoli deve imparare a vincere anche dosando le energie. Non sempre si possono fare sfracelli. La stagione è lunga, lunghissima e noi siamo appena a settembre, pur se gli azzurri possono vantare una rosa molto profonda. Ma giovedì si tornerà in campo in Europa League contro lo Spartak Mosca e domenica ci sarà la trasferta di Firenze contro un avversario ostico.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON FATE GLI STRONZI CON I POVERI - IL GOVERNO RIFINANZIA IL REDDITO DI CITTADINANZA CON ALTRI 200 MILIONI E GIORGETTI SCAPOCCIA: “È UNA MISURA CHE NON CREA LAVORO” - MA IL GRILLINO PATUANELLI LO FULMINA: “SENZA IL REDDITO DI CITTADINANZA LA TENSIONE SOCIALE SAREBBE ESPLOSA” - A DIFFERENZA DEI LEGHISTI, DRAGHI SA CHE LA DIFFUSIONE DELLA POVERTA’ E’ UNA BOMBA SOCIALE: PARLARE DI GENTE CHE “STA SUL DIVANO” QUANDO C’E’ CHI NON SA COME METTERE IL PIATTO A TAVOLA E’ PERICOLOSISSIMO (SE LA DISPERAZIONE VA OLTRE IL LIVELLO DI GUARDIA ALTRO CHE FASCISTI IN PIAZZA…)

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

DOVE VAI IN VACANZA? A GRADO! – LO STORICO DELL'ARTE LUIGI FICACCI: "PROPRIO DOVE L’ADRIATICO SI CONCLUDE IN UNA LAGUNA SI POSSONO RINTRACCIARE I CARATTERI DELLA PIÙ ELEVATA CIVILTÀ BIZANTINA, IN UN AVORIO CONSERVATO AL BRITISH MUSEUM. E’ MOLTO PROBABILE CHE NEL VII SECOLO, QUELLA TAVOLETTA VENISSE ESEGUITA E INSERITA IN UNA CATTEDRA VESCOVILE EBURNEA, DEDICATA ALL’APOSTOLO PIETRO – E POI LA CATTEDRALE DI SANT'EUFEMIA, LA BELLISSIMA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE, IL CAMPO DEI PATRIARCHI, UN ORGANISMO URBANO CHE…" - VIDEO

salute

VALLO A SPIEGARE A QUEI TONTI DI NO VAX - MATTIA FELTRI: “L'INGHILTERRA VIAGGIA A 45-46 MILA CONTAGI AL GIORNO. LA RECRUDESCENZA HA A CHE VEDERE CON LA VARIANTE DELTA MA ANCHE AL FATTO CHE NEI VACCINATI SI RIDUCONO GLI ANTICORPI, PRESTO SUCCEDERÀ ANCHE A NOI, E LA CAMPAGNA PER LA TERZA DOSE NON È SOLLECITA QUANTO LA PRECEDENTE. È COME SE L'INGHILTERRA CI STESSE MOSTRANDO IL FUTURO: SE NON SAREMO BRAVI CON LE TERZE DOSI, E SE ILLUDENDOCI DI AVER VINTO RINUNCEREMO TROPPO FACILMENTE ALLE RESTRIZIONI, CI RICASCHEREMO DI NUOVO”