PALERMO HA UN GRANDE PROBLEMA: IL TRAFFICO? NO, GLI SPOGLIATOI DEL BARBERA - BONUCCI CHIEDE SCUSA PER COME GLI AZZURRI HANNO LASCIATO GLI SPOGLIATOI DELLO STADIO DOPO ITALIA-MACEDONIA MA PRECISA: “NON C’ERA SOLO ROBA NOSTRA. BANANE E CANNOLI NON LI ABBIAMO MANGIATI NOI” – LA FIGC CONFERMA LA RICOSTRUZIONE DEL DIFENSORE. IL SOSPETTO E’ CHE SIA STATA UNA PICCOLA VENDETTA DI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Alessandro Bocci per corriere.it

 

gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 4 gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 4

Non è stata una bella figura. Un’altra sconfitta dopo quella, crudele, sul campo. La Nazionale chiede scusa per come ha lasciato lo spogliatoio di Palermo dopo la partita con la Macedonia. «Chiediamo scusa, è stato un grosso errore», racconta Leonardo Bonucci, vice capitano dopo Chiellini e capitano del futuro visto che a fine stagione Giorgio lascerà la maglia azzurra presente alla conferenza stampa in cui Roberto Mancini ha annunciato che resta come ct.

 

Ma gli azzurri e la Federazione si sentono anche vittime di una specie di agguato. La storia è presto raccontata: compare un video, che fa in fretta il giro dei social, in cui vengono documentate le indecenti condizioni dello spogliatoio azzurro allo stadio Barbera. Uno spettacolo imbarazzante: «Abbiamo colpevolmente sottovalutato la questione», la voce ufficiale della Figc. La fretta di prendere il charter per rientrare a Firenze e la rabbia per la sconfitta non possono giustificare la maleducazione.

leonardo bonucci 1 leonardo bonucci 1

 

La Figc ha chiamato il Palermo calcio per scusarsi «perché non è nostra abitudine lasciare lo spogliatoio in condizioni simili». Ma qualcosa non torna, così fanno notare gli azzurri:

 

«C’è un grosso punto interrogativo», racconta Bonucci, che la mette anche sull’ironia: «La prossima volta chiederemo più attrezzature per buttare la roba anche perché nel filmato c’erano cose che non ci appartenevano». La stessa osservazione che fanno in Figc. Nelle immagini ci sono bucce di banane sparse nello stanzone e cannoli spiaccicati in terra. «E nessuno ha mangiato né banane, né cannoli», la puntualizzazione. Il sospetto è che il filmato sia una piccola vendetta organizzata da chi aveva chiesto ai magazzinieri un esoso numero di magliette e felpe e invece ne ha ricevute solo tre o quattro.

 

Resta la figuraccia perché l’Italia rappresenta il Paese e le scuse sono il minimo sindacale: «La prossima volta faremo più attenzione», dice Bonucci. Speriamo sia davvero così.

gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 1 gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 1 gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 2 gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 2 spogliatoio italia spogliatoio italia spogliatoio italia spogliatoio italia spogliatoio italia spogliatoio italia gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 3 gli spogliatoi lasciati dagli azzurri a palermo 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SALVINI-MELONI. DUELLO IN AUTOSTRADA – IL LEADER DELLA LEGA ANNUNCIA: ‘’STO LAVORANDO A UN'INTERA REVISIONE DEL SISTEMA DELLE CONCESSIONI ENTRO IL 2024" – DAGOREPORT: IL NOCCIOLO DELLA RIFORMA: I PEDAGGI ANDREBBERO DIRETTAMENTE NELLE CASSE DELLO STATO. I CONCESSIONARI SI TRASFORMEREBBERO IN SEMPLICI GESTORI DELLA RETE, PAGATI DALLO STATO PER EROGARE I SERVIZI DI VIABILITÀ E PER EFFETTUARE LA MANUTENZIONE – DIVERSA E CONTRARIA L’IDEA DELLA MELONA: MAXI FUSIONE TRA AUTOSTRADE PER L’ITALIA – OGGI CONTROLLATA DA CDP INSIEME AI FONDI BLACKSTONE E MACQUARIE – E LA FAMIGLIA GAVIO…

FLASH! – QUELLA IMMAGINIFICA TESTA DI FAZIO, INTERVISTANDO (SI FA PER DIRE) LA FRIGNANTE FERRAGNI, SI E’ BEN GUARDATO DAL CITARE DAGOSPIA, CHE HA RIVELATO LA ROTTURA MATRIMONIALE DEI FERRAGNEZ, DA UNA PARTE. DALL’ALTRA, CON LA SCUSA DI MOSTRARE LE COPERTINE DEI SETTIMANALI DEDICATE ALLA FINE DELLA PREMIATA DITTA PANDORO & MALEFICENZA, FABIOSTRAZIO, AGITANDO IL SUO INQUIETANTE DOPPIOMENTO, SI E’ SPARATO UNA TONANTE MARCHETTA IN GLORIA DI “OGGI”, RIVISTA CON CUI COLLABORA… - VIDEO

COME TI SMONTO IL MUSEO DI BRERA – IL NEODIRETTORE DEL PIÙ IMPORTANTE MUSEO MILANESE, ANGELO CRESPI, È UN TIPINO BEN DOTATO DI ENTRAMBE LE CARATTERISTICHE CHE IL GOVERNO MELONI RICHIEDE AI SUOI FUNZIONARI: È MOLTO FEDELE (A LA RUSSA) MA SOPRATTUTTO È MOLTO INCOMPETENTE – L’INIZIO È DEI PIÙ PROMETTENTI: LICENZIATI I PROFESSIONISTI CHE DA ANNI LAVORANO PER I 'CRIMINI ARCHITETTONICI' DI PALAZZO CITTERIO – NON SODDISFATTO, CRESPI HA PENSATO BENE DI 'LICENZIARE' ANCHE ALESSANDRA QUARTO, NON PROPRIO UNA QUALSIASI…