PARI SPETTACOLO TRA ROMA E INTER: GODE SOLO IL MILAN – CONTE, SOTTO ACCUSA PER I CAMBI, SCIVOLA A MENO TRE – MANCINI ACCIUFFA NEL FINALE I NERAZZURRI CHE SPRECANO DOPO LA RIMONTA UNA VITTORIA PESANTISSIMA - BIASIN ACCUSA L’EX CT: “PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA PRESSIONE AVVERSARIA METTI GAGLIARDINI E KOLAROV E SCEGLI DI CHIUDERTI NELLA TUA AREA. IO, FRANCAMENTE, NON CAPISCO…” - MASSIMO DONATI SU “DAZN” VEDENDO ENTRARE PERISIC AL POSTO DI LAUTARO AVEVA EVIDENZIATO CHE L’INTER RISCHIAVA DI “ABBASSARSI” TROPPO - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

 

ROMA INTER ROMA INTER

L'Inter si butta e via e spreca una vittoria pesantissima dopo aver rimontato una bella Roma. Decidono i gol di Pellegrini, Skriniar, Hakimi e Mancini, che fa 2-2 nei minuti finali. E' il sesto pareggio consecutivo tra le due squadre. Il Milan va così a +3 sull'Inter e +6 sulla Roma.

 

L'Inter crea tre palle gol in due minuti con Lautaro, Lukaku (miracoloso Lopez) e lo stesso belga che viene murato da Smalling, ma passa al 17' la Roma con un destro di Pellegrini deviato nell'angolino da Bastoni. vane le proteste nerazzurre per un supposto fallo di Veretout su Barella a inizio azione.

 

ROMA INTER ROMA INTER

Conte perde Darmian (dentro Young), i suoi vanno vicini al pareggio nel finale di tempo, ma Vidal manda fuori il destro e Lautaro (cui poi viene annullato un gol per fuorigioco) colpisce male di testa da buona posizione. L'Inter riparte a tutta, Lopez fa un altro miracolo, stavolta su Lautaro, ma non può nulla sul colpo di testa di Skriniar che al 57' fa 1-1. I nerazzurri non mollano la presa e al 63' la ribaltano con un grandissimo sinistro nel sette di Hakimi. La Roma si scuote a metà tempo ma fatica a rendersi davvero pericolosa. Nell'assalto finale però Handanovic para su Mancini, che poco dopo si rifà trovando l'angolino di testa per il 2-2 definitivo.

ANTONIO CONTE ANTONIO CONTE antonio conte antonio conte

ROMA INTER MAROTTA ROMA INTER MAROTTA ROMA INTER ROMA INTER

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute