PERCHÉ NICOLÒ ZANIOLO E MATTIA ZACCAGNI SONO STATI ECLUSI DALLA NAZIONALE? - NONOSTANTE I DUE GIOCATORI SIANO PROTAGONISTI DI UN OTTIMO INIZIO DI CAMPIONATO E DUE DEI PIÙ TALENTUOSI DEL GRUPPO AZZURRO, ROBERTO MANCINI HA DECISO DI CHIAMARE ESPOSITO E GABBIADINI PER SOSTITUIRE GLI INFORTUNATI PELLEGRINI E POLITANO - DIETRO ALLA SCELTA DEL "MANCIO" CI SAREBBERO DEI MOTIVI DISCIPLINARI (ANCHE SE ESPLICITAMENTE NON LO DICE NESSUNO) - TUTTA COLPA DI…

-

Condividi questo articolo


Matteo Pinci per www.repubblica.it

 

zaccagni zaniolo nazionale zaccagni zaniolo nazionale

Esplicitamente nessuno lo dice, ma è un motivo disciplinare ad aver spinto il ct a dare un turno di stop ai due attaccanti di Roma e Lazio (che non riguarda però, ovviamente, il gossip della scorsa primavera).

 

La domanda è: perché? Perché Roberto Mancini, ct della Nazionale alle prese con una cronica carenza di talento, rinunci a due dei migliori attaccati di cui disponga? Perché Nicolò Zaniolo e Mattia Zaccagni non sono a Coverciano? Definirla una scelta tecnica no, non è possibile. Perché Zaniolo è l'uomo che ha deciso l'ultima finale europea di un'italiana e Zaccagni sta giocando un ottimo campionato. Ma soprattutto perché, con l'infortunio di Politano, il ct piuttosto che chiamare loro ha ripescato Gabbiadini, assente dalla partita con la Svezia che costò il Mondiale russo nel novembre del 2017. E già prima aveva preferito Gnonto e Grifo, Cancellieri e Zerbin.

roberto mancini 2 roberto mancini 2

 

Esistesse ancora il codice etico, sarebbe il caso di chiamarlo in causa. Sì, perché è un motivo disciplinare che ha convinto Mancini a dare un turno di "squalifica" ai due attaccanti di Roma e Lazio. Esplicitamente non lo dice nessuno, ma a Coverciano lo sanno davvero tutti. Sembra quasi che i due attaccanti di Roma e Lazio siano condannati a restare legati dal destino.

 

ZANIOLO SCATENATO DURANTE I FESTEGGIAMENTI SUL BUS SCOPERTO ZANIOLO SCATENATO DURANTE I FESTEGGIAMENTI SUL BUS SCOPERTO

Basti pensare a quanto accaduto la scorsa primavera, dopo la vittoria della Roma in Conference League: il pullman scoperto, i tifosi romanisti che inventano un coro, di pessimo gusto, che mette "contro" i due giocatori oggi esclusi ("Il figlio di Zaccagni è di Zaniolo") con replica altrettanto imbarazzante della compagna del fantasista laziale, ex fiamma del romanista. Tecnicamente, l'episodio nulla c'entra con le esclusioni odierne. Ma proprio da lì i destini dei due hanno iniziato - almeno in Nazionale - a sovrapporsi.

 

Poche ore dopo quella festa, entrambi erano a Coverciano per un raduno che avrebbe potuto tenerli alla stessa tavola e sugli stessi campi per più di due settimane, con l'Italia attesa dalle partite contro Argentina, Germania (due volte), Ungheria e Inghilterra. Ma entrambi da quel ritiro andarono via subito.

ZACCAGNI ZANIOLO ZACCAGNI ZANIOLO

 

Qui la storia diverge. Zaniolo infatti aveva una microfrattura alla caviglia documentata da lastre: lo avevano valutato anche i medici azzurri e in quel caso era stato Mancini a dirgli di tornare a casa. Ma poi, successivamente, il coordinatore azzurro Oriali aveva deciso di chiamarlo quando la procura aveva aperto un procedimento contro di lui per "aver intonato un coro dal contenuto offensivo" nei confronti della Lazio (un classico vaffa). Ingenuità sufficiente a innescare il "codice etico" di Mancini.

ARTICOLI CORRELATI

zaniolo mancini 2 zaniolo mancini 2 zaniolo in nazionale 1 zaniolo in nazionale 1 zaniolo in nazionale 2 zaniolo in nazionale 2 zaniolo in nazionale 3 zaniolo in nazionale 3 zaniolo mancini 1 zaniolo mancini 1 zaccagni in nazionale 2 zaccagni in nazionale 2 zaccagni in nazionale 1 zaccagni in nazionale 1 zaccagni nazionale zaccagni nazionale

 

Condividi questo articolo

media e tv

GRANDE BORDELLO! GINEVRA, TU QUOQUE: E’ STATA CACCIATA DALLA CASA DEL GRANDE FRATELLO LA LAMBORGHINI. CON UNA STORIA DI BULLISMO ALLE SPALLE AVEVA DETTO CHE ERA GIUSTO CHE MARCO BELLAVIA VENISSE BULLIZZATO! ANCHE CIACCI ELIMINATO A FUROR DI POPOLO – IL PRIMO BACIO AL “GF VIP” E’ TRA DUE UOMINI (MA UNO DEI DUE E’ PAZZO DI ANTONELLA FIORDELISI) – ERA DAMIANO DEI MANESKIN L’UOMO ATTOVAGLIATO CON BARBARA POLITI A MILANO? IL COACH CUBANO AMAURYS PEREZ: “OGNUNO CON IL SUO SEDERE CI FA QUELLO CHE VUOLE” (NON SOLO CON QUELLO!)

politica

VAI AVANTI TU CHE A ME VIENE DA RIDERE – MENTRE PER GLI ITALIANI È IN ARRIVO UNA MAXI-STANGATA SULLE BOLLETTE DA 2.942 EURO SU BASE ANNUA A FAMIGLIA, LA MELONI PREFERISCE MANDARE DRAGHI A TRATTARE A BRUXELLES SUL GAS - LA "DRAGHETTA" GIURERÀ DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 20-21 OTTOBRE SULL'ENERGIA (L'ITALIA SARÀ RAPPRESENTATA DAL PREMIER USCENTE). AL COLLE NON DISPIACE QUESTA SOLUZIONE. MA PER LA MELONI IL PROBLEMA E’ L'ASSE GERMANIA-FRANCIA CHE TAGLIA FUORI L'ITALIA MALDESTRA

business

cronache

sport

cafonal

CAFONAL MONSTRE! – UN BOMBARDAMENTO DI ZIGOMI RIGONFI E COLATE DI BOTOX HANNO INVASO LA FESTA DI COMPLEANNO DI GIACOMO URTIS. PER FESTEGGIARE I 44 ANNI DEL CHIRURGO DEI VIP SI SONO RITROVATI LA PRINCIPESSA FAKE LULÙ SELASSIÉ, SANDROCCHIA MILO CON LE GUANCE SMALTATE CHE FACEVANO SCOPA CON QUELLE DI CARMEN RUSSO. NELLA GALLERIA DEGLI ORRORI FINISCONO PER DIRETTISSIMA LA GIACCA IN PELLE DI MASSIMO BOLDI, I CAPELLI DI GIUCAS CASELLA E… - LE PRIMAVERE SFIORITE DELLA CALDONAZZO E IL MISTERO DELLA COTONATISSIMA MARIA MONSE'

viaggi

salute