PERCHE’ GRAVINA INVECE DI PARLARE DI “VALORIZZAZIONE DEI VIVAI” NON IMPONE ALLE SQUADRE DI SERIE A UNA QUOTA FISSA DI ITALIANI IN CAMPO O NELLE ROSE? L’OPERAZIONE, AVALLATA DA MANCINI, PER RENDERE AZZURRO JOAO PEDRO PROSEGUE. CARESSA: "LA LEGA DEVE FARE UN PATTO TRA GENTILUOMINI PER LIMITARE GLI STRANIERI NEL CAMPIONATO ITALIANO. CI SONO TROPPI STRANIERI IN ITALIA SCARSI"

-

Condividi questo articolo


CARESSA

Da fcinter1908.it

gabriele gravina e roberto mancini gabriele gravina e roberto mancini

 

(…) Non abbiamo attaccanti e dobbiamo chiederci perché. Perché i club italiani fanno arrivare in Italia i giocatori stranieri e non è tanto il numero, ma la qualità, spesso sono di bassa qualità. La Lega deve fare un patto tra gentiluomini per limitare gli stranieri nel campionato italiano. Ci sono troppi stranieri in Italia scarsi, che non valgono i giocatori di Serie C.  

 

 

JOAO PEDRO

Andrea Santoni per il "Corriere dello Sport"

 

mancini gravina 2 mancini gravina 2

Sono giorni chiave per capire l’immediato futuro della Nazionale, attesa venerdì dal sorteggio per il play off premondiale di marzo. E in questo senso anche per veder concretizzata l’ipotesi avanzata giovedì scorso dal ds del Cagliari, Capozucca, ovvero quella di Joao Pedro attaccante azzurro, attraverso l’intrecciarsi di tre interessi (società-giocatore-Figc), destinato a produrre un risultato comune utile.

 

Certo, la nuova posizione di Joao Pedro non gli garantirà alcuna convocazione automatica tra quattro mesi. Le sue chance saranno le stesse di Pavoletti, Caputo, Kean (lasciando da parte Balotelli...), già in passato nel giro di Mancini, e legittimati a riproporsi in chiave Qatar, come alternative a Immobile e Belotti, fin qui senza eredi. Ma andiamo con ordine.

 

JOAO PEDRO 29 JOAO PEDRO 29

AL LAVORO . Merita ricordare innanzitutto che la doppia cittadinanza da sola non garantisce automaticamente la possibilità di giocare con due nazionali. In questo momento infatti Joao Pedro è convocabile solo dal Brasile (dunque extracomunitario), sua unica patria calcistica per affiliazione Fifa. E il passo fondamentale per diventare azzurrabile, come da normativa in materia, sarà quella di compilare una lettera-questionario autografata indirizzata alla Federcalcio mondiale in cui dovrà manifestare la sua volontà di rinunciare a questo vincolo per essere associato alla Figc, spiegandone i motivi (anche personali).

 

JOAO PEDRO 19 JOAO PEDRO 19

Stesso iter hanno seguito negli ultimi anni Jorginho, Emerson Palmieri e prima di loro Thiago Motta e Amauri (esempio poco fortunato: una sola presenza, agosto 2010, dopo il cambio di federazione, compiuto a 30 anni). Un passaggio che ogni calciatore che ha i requisiti anagrafico-calcistici, può effettuare una sola volta in carriera, senza poter tornare indietro. Sul piano formale Joao Pedro non dovrebbe avere ostacoli. In Federazione si sta lavorando in questo momento alla verifica degli aspetti burocratici. In particolare alla conferma che l’attaccante cagliaritano abbia solo una decina di presenze nel Brasile U17.

 

mancini gravina mancini gravina

Avesse giocato anche un solo minuto nel Brasile A il discorso non si porrebbe. Ancora non è il momento di contatti diretti. Ma l’interesse esiste, avallato “silenziosamente” da Mancini, mentre il presidente Gravina è stato, per ruolo, più prudente. Nessuno vuol dare l’idea di un’Italia campione d’Europa, costretta a cercare di garantirsi il Mondiale attraverso mosse forzate. Per questo per esempio una pista analoga per rendere azzurrabile il romanista Ibañez (nel mirino di Tite) è stata abbandonata. Ora toccherà a Joao Pedro fare il passo decisivo. Il suo interesse?

joao pedro 12 joao pedro 12

 

Cercare di entrare, trentenne, in una delle nazionali più forti del mondo, lui che ha sì segnato 81 gol in 246 partite in rossoblù ma a livello internazionale, in una ventina di presenze tra Europa e Sudamerica, vanta una sola rete, col Peñarol (preliminari di Coppa Libertadores), ormai 10 anni fa.

 

Il Cagliari per parte propria si troverebbe un giocatore divenuto comunitario, dunque con un valore di mercato maggiorato (all’estero) mentre Mancini, costretto a pescare in un lago piccolo i propri attaccanti, data la marea di punte straniere del nostro campionato, avrebbe un’opportunità in più. E visto quel che ci aspetta a marzo niente deve essere lasciato al caso (soprattutto dopo la recente emergenza infortunati).

 

joao pedro 9 joao pedro 9

STAGE RINFORZATO Anche per questo Mancini e la Federazione stanno preparando uno stage il 28-29-30 gennaio (in concomitanza con la sosta del campionato per le qualificazioni sudamericane): l’idea è quella di una convocazione allargata, buona eventualmente anche per Joao Pedro, possibilmente con un’amichevole conclusiva contro Fiorentina o Bologna.

 

DIFFIDATI Intanto venerdì, oltre a conoscere le avversarie del girone del play off, l’Italia saprà se la Fifa provvederà a cancellare le 107 diffide che gravano sulle 12 squadre in lizza. Ben dieci sono quelle azzurre (13 la Turchia, 6 il Portogallo), quasi tutte di pesantissime: Bernardeschi, Pellegrini, Pessina, Barella, Toloi, Chiellini, Chiesa, Insigne, Tonali e Donnarumma. Ottimisticamente 50% di possibilità che venga modificata una regolamentazione simile in questa fase della manifestazione.

vialli gravina mancini vialli gravina mancini joao pedro 11 joao pedro 11

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“NON SONO CONTRARIO, SONO SOLO ATTENDISTA. LA FRETTA BISOGNA AVERLA SULLE TERZE DOSI” - IL MICROBIOLOGO ANDREA CRISANTI NON È CONVINTO DALLA VACCINAZIONE DEI BAMBINI: “L’AUTORIZZAZIONE È BASATA SU UNO STUDIO CHE HA COINVOLTO CIRCA DUEMILA BAMBINI. UNA CASISTICA LIMITATA. CON QUESTI NUMERI SI DOVREBBE PARLARE AL MASSIMO DI STUDIO PRELIMINARE” - POI PER UNA VOLTA SEMBRA QUASI OTTIMISTA: “LA VARIANTE OMICRON? SE SI SCOPRISSE CHE SIA RESPONSABILE DI SINTOMI LIEVI SAREBBE LA PROVA CHE L’EPIDEMIA È FINITA”