PURE ‘STI INGLESI HANNO ROTTO IL CA…LCIO – STASERA LA NAZIONALE DI SOUTHGATE AFFRONTA IN SEMIFINALE L’OLANDA MA LA PREMIER LEAGUE, STROMBAZZATO COME IL CAMPIONATO PIU’ RICCO DEL MONDO, E’ IN CRISI CON UN ROSSO DA 816 MILIONI. I CLUB, PER SOPRAVVIVERE, STUDIANO PLUSVALENZE E ARTIFICI CONTABILI ALL’ITALIANA – IL CASO CITY (ACCUSATO DI RIPETUTE VIOLAZIONI DELLE REGOLE DEL FINANCIAL FAIR-PLAY INGLESE), IL LEICESTER A RISCHIO PENALIZZAZIONE E LE DIFFICOLTA’ DEL CHELSEA CHE NON HA ANCORA TROVATO L'EQUILIBRIO DEI CONTI...

-

Condividi questo articolo


Enrico Currò per “la Repubblica” - Estratti

 

manchester city vince la premier league 8 manchester city vince la premier league 8

Se stasera Olanda-Inghilterra finisse ai rigori, non ci sarebbe da stupirsi, visto l’andazzo di quest’Europeo. Fissarsi sulla borraccia del portiere Pickford, subito immortalata dal web con le istruzioni che gli hanno permesso di parare il rigore decisivo dello svizzero Akanji, significa però guardare il dito e non la luna.

 

La terza semifinale di Southgate (una al Mondiale e due agli Europei) non può nascondere infatti la sottaciuta crisi finanziaria in atto nel calcio inglese. Pickford è innanzitutto il portiere dell’Everton, club penalizzato insieme al Nottingham Forest per la violazione delle regole sulla sostenibilità (...)

 

mansour bin zayed mansour bin zayed

Adesso corre un po’ ai ripari, ma ha perso la fama di bengodi nonostante i 4 miliardi di euro di diritti tv all’anno. Se i due assi nella manica di Southgate, Bellingham e Kane, giocano nel Real Madrid e nel Bayern Monaco, solo 10 loro compagni appartengono ai 5 club più ricchi del calcio inglese e senza apparenti problemi finanziari: Manchester City (accusato però di ripetute violazioni delle regole del Financial fair-play inglese), Manchester United, Arsenal, Tottenham e Liverpool.

 

A fronte di ricavi complessivi per quasi 7 miliardi, nell’ultima stagione i bilanci hanno fatto registrare un deficit per 816 milioni totali, soprattutto per gli stipendi d’oro. Nelle serie inferiori la situazione è ancora più delicata: lo dimostrano i fallimenti di Bury e Macclesfield Town.

 

Oggi è al centro dell’attenzione il caso del Leicester, appena risalito in Premier ma subito a rischio penalizzazione.

 

VAR IN PREMIER LEAGUE VAR IN PREMIER LEAGUE

Le regole introdotte nel 2013 prevedevano che un club non potesse perdere in tre anni più di 105 milioni di sterline (122,6 milioni di euro). Ma le attuali conseguenze, con le concrete penalizzazioni in classifica, stanno spingendo la maggioranza dei club a chiederne una revisione meno punitiva proprio nel momento in cui il nuovo Ffp dell’Uefa rende più complicate le acrobazie di finanza creativa e il governo britannico ha studiato l’introduzione di un organismo — l’Ifr, Regolatore indipendente del Football — che vigili sulle operazioni di calciomercato e sui passaggi di proprietà. 

 

(...)

 

guardiola mansour guardiola mansour

Eppure la tentazione dei club è di arrangiarsi un po’ all’italiana, nell’accezione deteriore: con plusvalenze e alchimie finanziarie, tipo quella messa in atto dal Chelsea, che dopo l’era dell’oligarca russo Abramovic non ha trovato l’equilibrio dei conti con lo statunitense Boehly. La vendita di due hotel di proprietà del club a una società riconducibile a Boehly stesso è stata per il momento stoppata dalla commissione indipendente della Premier.

 

Anche la Brexit ha complicato le cose: per entrare da stranieri nel territorio britannico, bisogna avere giocato un numero minimo di partite nei campionati più importanti, il che rende più difficile l’ingaggio dei giovani, accentua la tendenza a cercare i più esperti (e più costosi) e alimenta la scelta delle multiproprietà, per lo più americane: parcheggiare i potenziali talenti nei club satellite degli altri campionati, per poterli poi trasferire in Premier League, quando hanno acquisito il curriculum richiesto.

 

todd boehly 3 todd boehly 3

Nella stagione dell’imprevisto flop nelle coppe europee, che ha parzialmente smitizzato il campionato inglese, tocca dunque ai Three Lions rimetterne a posto l’immagine. E non c’è niente di meglio di quel titolo europeo che tre anni fa l’Italia di Mancini si prese a Wembley.

todd boehly 1 todd boehly 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)