"COSA VOGLIONO FARE I FRIEDKIN? VOGLIONO AIUTARE MOURINHO E LA ROMA A RAGGIUNGERE IL QUARTO POSTO?" - ZAZZARONI INCALZA LA PROPRIETA' GIALLOROSSA: "È QUESTO È IL MOMENTO DELLA VERITÀ, IN CUI MOURINHO PUÒ TORNARE A CONSIDERARE L’IDEA DI RESTARE UN ALTRO ANNO RINUNCIANDO A PARTIRE A GIUGNO PERCHÉ STUFO DI “MANGIARE MERDA”. È QUESTO IL MOMENTO IN CUI PINTO, INVECE DI RIPETERE CHE LA SQUADRA È DA CHAMPIONS, E NON È COSÌ, DEVE GARANTIRE AL TECNICO UN APPORTO DI QUALITÀ, LIBERANDOSI SENZA OBBLIGHI DI SHOMURODOV, VIÑA E KARSDORP; DIVERSO È IL DISCORSO PER ZANIOLO…"

-

Condividi questo articolo


Ivan Zazzaroni per il Corriere dello Sport

 

DAN FRIEDKIN MOURINHO DAN FRIEDKIN MOURINHO

È questo il momento in cui la Roma deve fare la Roma; questo il momento in cui i Friedkin devono fare i Friedkin presentandosi in sede per chiedere a Pinto «cosa serve ancora?», «come possiamo dare una mano a Mourinho?».

 

È questo il momento in cui Pinto, invece di ripetere che la squadra è da Champions, e non è così (di livello internazionale sono soltanto l’allenatore, Dybala, Pellegrini e Matic), deve garantire al tecnico un apporto di qualità, tollerato dall’Uefa, magari liberandosi senza obblighi di Shomu, Viña e Karsdorp; diverso è il discorso per Zaniolo.

 

Da tempo i primi tre non hanno alcuno spazio, ma solo bisogno di ritrovare altrove sé stessi, minuti di gioco e valore. Anche per il bene finanziario della stessa Roma. Al contrario Nico è in grado di risultare ancora importante, se da qui al 31 non troverà un club disposto a mettere soldi per il suo cartellino. E se cambierà atteggiamento.  

pinto mourinho pinto mourinho

 

 

 Il cinismo fa parte anche del calcio e la Roma, così come la Lazio e l’Atalanta, grazie alla superpenalizzazione della Juve, si ritrova all’improvviso nella condizione di poter seriamente puntare al posto Champions. Senza quel -15 ad Allegri le tre candidate avrebbero avuto pochissime possibilità di riuscita.  

 

È questo è il momento della verità, in cui Mourinho può tornare a considerare l’idea di restare un altro anno rinunciando a partire a giugno perché stufo di allenare “bambini” e “mangiare merda”. Di Roma è innamorato, della tifoseria è pazzo, alla squadra è visceralmente legato, ma di alcune cose che succedono in società ne ha piene le scatole. Non lo dice per rispetto, dovere e perché in carriera non ha mai attaccato pubblicamente chi lo pagava. Lui resta a lungo in silenzio, sopporta, lavora con l’energia e l’applicazione di sempre, ogni tanto una battuta, un post di alleggerimento, all’occorrenza mostra la faccia di merda e quando meno te l’aspetti saluta e se ne va. Rimpianto.  

pinto mourinho pinto mourinho

 

Nella Roma c’è qualcuno che da anni si sente più furbo degli altri, si ciba di simpatie, antipatie, odio e veleni, pensa che il nemico che s’è dato (e non lo è) non sappia, non abbia orecchie. Per quel tale verrà presto il momento della verità e saranno uccelli senza zucchero (la minaccia del cinese). La Roma davanti a tutto, sempre. Le simpatie personali non fanno punti. Né armonia. Spaccano. 

 

Senza Mou & Dybala (lui pratica un altro sport), che ormai sono la stessa cosa, questa Roma non sarebbe dov’è. Grande stima per tutto il gruppo, da Smalling a Abraham, passando per Mancini, Cristante, El Sha e i bambini. Loro, oltre alla testa e alle gambe, ci mettono sempre il cuore.  

 

Per la Roma e per José. 

FRIEDKIN MOURINHO FRIEDKIN MOURINHO

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute