"MA E' UNO SCHERZO D’APRILE ANTICIPATO?" - CARL LEWIS STRONCA LA NOVITA' REGOLAMENTARE DEL SALTO IN LUNGO CHE PER LO SHOW HA SCELTO DI ELIMINARE IL SALTO NULLO (NELL'ULTIMO MONDIALE UN TERZO DELLE PROVE È RISULTATA NON VALIDA CREANDO PERDITE DI TEMPO) - "SE TOGLI IL NULLO PERDI L’ASPETTO TECNICO PIÙ DIFFICILE. E ALLORA PERCHÉ NON ALLARGARE I CANESTRI NEL BASKET?”

-

Condividi questo articolo


Emanuela Audisio per “la Repubblica” - Estratti

 

CARL LEWIS 45 CARL LEWIS 45

Tutti più free . Liberare il volo, non sprecare più nessun decollo, via quell’asse di battuta, quella take-off board che uccide i sogni. No more fouls con la take-off zone .

 

Niente più nulli. In modo da andare più lontano, rendere più veloce il viaggio, non perdere tempo.

 

L’anno scorso ai Mondiali di atletica di Budapest su 240 tentativi (lungo e triplo) ci sono stati 77 nulli. Il 32,1%. Uno spreco di energie: salti anche belli, peccato che il piede fosse andato oltre il segno. Via, sciò, eliminato. E poi schiodarsi da certe misure pare fantascienza.

 

CARL LEWIS CARL LEWIS

Nel lungo il record del mondo maschile dura da 33 anni. Quello delle donne da 36. L’americano Mike Powell nel ’91 arrivò a 8,95 metri, la sovietica Galina Cistjakova (sì c’era ancora l’Urss) a 7,52. Per non parlare del triplista britannico Jonathan Edwards: il suo 18,29 è imbattuto da 29 anni. Che fare? Ammettere ufficialmente la mediocrità degli atleti di oggi e la superiorità di quelli di ieri o cambiare format?

 

Per dire, con la nuova regola il salto indoor e d’oro di 8,34 metri di Mattia Furlani, primato nazionale, varrebbe più di 8.40. Chi comanda nell’atletica ribadisce la voglia di dare una scossa a specialità che non fanno più molta audience. La cura è uccidere il nullo, liberalizzare l’area che sarà più vasta, dalla quale l’atleta potrà saltare.

 

MIKE POWELL 44 MIKE POWELL 44

La nuova misurazione avverrà dal punto esatto del decollo e non più dall’asse. L’inglese Jon Ridgeon, ex ostacolista, chief executive di Wa (World Athletics) ha annunciato che la rivoluzione è vicina, partirà con esperimenti nei meeting minori e se tutto andrà bene potrebbe far la sua apparizione al mondiale 2026 e poi ai Giochi di Los Angeles 2028. «Ogni salto conterà, basta con gli sprechi, cercheremo anche di ridurre il tempo di attesa del risultato a 20-30 secondi».

 

Carl Lewis, uno che se ne intende: 4 ori olimpici nel lungo, dieci anni senza sconfitta, 8,87 nel ’91, terza misura migliore di sempre, ci va giù pesante: «Deve essere uno scherzo d’aprile anticipato. Se togli il nullo perdi l’aspetto tecnico più difficile. E allora perché non allargare i canestri nel basket visto che tanti tiri vanno fuori?». E magari anche le porte del calcio.

 

MIKE POWELL MIKE POWELL

Cercare nuovi approcci nello sport è sempre interessante, ma il nullo ha segnato la storia della specialità e dell’atletica. L’americano Jesse Owens a Berlino nel ’36 era a un passo dalla non qualificazione alla finale non lo avesse aiutato il “nemico tedesco” Luz Long mettendogli un fazzoletto bianco come segno. Anche Bob Beamon nel ’68, l’uomo del favoloso 8,90, stava per essere escluso causa una notte di vigilia troppo trasgressiva, per non parlare di Beppe Gentile che ai Giochi del Messico in finale nel triplo (ri)fece il record mondiale, subito superato da altri, per piombare in quattro nulli. C’è anche il nullo millimetrico di Lewis che ai Trials di Indianapolis atterrò a metri 9.14, peccato che sulla plastilina venne rintracciato il segno di un chiodo. 

 

(...)

larissa iapichino larissa iapichino

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...