"SONO VITTIMA DI AGGRESSIONI E ANGHERIE" - IL PENSIONATO PICCHIATO A MORTE A MANDURIA AVVISÒ LA POLIZIA UN MESE PRIMA – L’UOMO NON MANGIAVA DA UNA SETTIMANA. NON USCIVA NEPPURE PER FARE LA SPESA, NEL TIMORE DI INCONTRARE I SUOI AGUZZINI: "HO MOLTA PAURA DI RITORSIONI DA PARTE DI QUESTA GENTE VIOLENTA" - AVEVA RIFERITO DI AVER SUBITO UNA RAPINA E UN'IRRUZIONE IN CASA: "IMPUGNAVANO DELLE MAZZE..." - 8 RAGAZZI SI TROVANO IN CARCERE, TRA CUI 6 MINORENNI. ALTRI 6 SONO INDAGATI - VIDEO

-

Condividi questo articolo

https://tv.iltempo.it/video-news-by-vista/2019/04/30/video/anziano-pestato-a-morte-a-manduria-le-immagini-choc-dei-ragazzi-coi-bastoni-e-le-urla-della-vittima-1144570/

antonio stano antonio stano

 

Valeria D’Autilia per “la Stampa”

 

Più di un mese prima di morire, ai poliziotti, Antonio Stano aveva già detto di essere «da giorni costantemente oggetto di vessazioni, angherie, percosse ed aggressioni ad opera di alcuni giovani ignoti». Era il 14 marzo scorso. Una pattuglia, allertata dai vicini di casa, aveva raggiunto l' abitazione del pensionato di Manduria in tarda serata e raccolto la sua dichiarazione.

 

Una testimonianza importante, nelle mani delle procure ordinaria e minorile che indagano sul decesso dell' uomo, oggetto di violenze durate anni. Con l' accusa di tortura, otto ragazzi si trovano in carcere, tra cui sei minorenni. Altri sei sono indagati e gli inquirenti sono sulle tracce di altre persone, a vario titolo, coinvolte.

antonio cosimo stano baby branco antonio cosimo stano baby branco

 

 

«Mi picchiano con delle mazze» Sempre nelle carte dell' inchiesta, spunta un altro intervento degli agenti, datato 5 aprile. Nella denuncia, spiegava di essere vittima «da sempre di scherno e aggressioni». Ma ormai si era già lasciato andare. Non mangiava da una settimana, viveva nel terrore. Non usciva neppure per fare la spesa, nel timore di incontrare i suoi aguzzini. «Mi mancano le forze e ho molta paura di ritorsioni da parte di questa gente violenta».

 

Aveva inoltre riferito di aver subito una rapina e un' irruzione in casa. «Impugnavano delle mazze con le quali mi hanno ripetutamente percosso sulle mani, sui fianchi, sul ventre e sulle ginocchia». Poi aveva confidato che i vicini di casa erano preoccupati per le sue condizioni di salute e per le sevizie subite. Tutto scritto nel verbale di denuncia redatto dal locale commissariato. Anche i residenti della zona avevano fatto mettere, nero su bianco, le loro dichiarazioni, in cui spiegavano quello che accadeva e il timore anche per la loro incolumità.

aggressione ad antonio stano a manduria 1 aggressione ad antonio stano a manduria 1

 

Poi, lo scorso 23 aprile il decesso in ospedale di Stano, dopo oltre due settimane di agonia e due interventi chirurgici. I giudici che hanno confermato il carcere per la baby gang hanno parlato di un «disegno criminoso avente come obiettivo l' aggressione fisica, la derisione e la vessazione». Intanto altre persone risultano «in corso di identificazione».

antonio cosimo stano baby branco antonio cosimo stano baby branco

 

Alcune appaiono nei video, proprio quelli che hanno permesso di risalire agli autori. I gruppi di ragazzi filmavano e condividevano su WhatsApp i loro raid che avvenivano soprattutto nelle ore serali. E mentre si attende l' esito dell' autopsia per fare piena luce sul decesso dell' uomo, le indagini sono ancora in corso. Il cerchio non è chiuso.

aggressione ad antonio stano a manduria aggressione ad antonio stano a manduria antonio cosimo stano baby branco antonio cosimo stano baby branco antonio cosimo stano antonio cosimo stano

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute