LA ROMA IN VENDITA AL FONDO PIF DELL'ARABIA SAUDITA? I FRIEDKIN CHIEDONO UN MILIARDO DI EURO – COME DAGO DIXIT, PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL CLUB GIALLOROSSO E I SAUDITI - SECONDO IL QUOTIDIANO LA REPUBBLICA, IL NEGOZIATO PER IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ DEL CLUB GIALLOROSSO AL FONDO PIF SAREBBE GIÀ AVVIATO. L'OFFERTA SAREBBE DI 900 MILIONI SUBITO E ALTRI 300 SE DOVESSE ARRIVARE IL VIA LIBERA DAL COMUNE DI ROMA PER IL NUOVO STADIO…

-

Condividi questo articolo


Da repubblica.it - Estratti

 

FRIEDKIN FRIEDKIN

La Roma in vendita? Sì, almeno stando alle indiscrezioni del quotidiano La Repubblica secondo cui la trattativa per il passaggio di proprietà del club giallorosso sarebbe già avviata. Una trattativa che vedrebbe protagonisti da una parte i Friedkin, gli attuali proprietari, e dall'altro il fondo PIF, la vera e propria cassaforte dell'Arabia Saudita. Secondo Repubblica, martedì il capo dei legali della Roma si trovava a Riad, mentre nei giorni scorsi sarebbe stato avvistato nella capitale Eric Williamson, braccio destro di Dan Friedkin che è solito recarsi in Italia solo per questioni di particolare importanza.

 

bin salman bin salman

La richiesta dei Friedkin per cedere la proprietà della Roma sarebbe di circa un miliardo di euro, mentre l'offerta del fondo PIF sarebbe complessivamente di circa un miliardo e 200 milioni: 900 milioni verrebbero versati subito, gli altri 300 solo nel caso in cui dovesse arrivare il via libera del Comune di Roma per la costruzione del nuovo stadio...

 

(...)

striscione contro friedkin striscione contro friedkin DAN FRIEDKIN DAN FRIEDKIN de rossi dan ryan friedkin de rossi dan ryan friedkin DAN FRIEDKIN DAN FRIEDKIN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…