IL RUGGITO DI TEMPESTI, IL BUFFON DELLA PALLANUOTO: “A 40 ANNI MI SENTO UN LEONE. LA SESTA OLIMPIADE? CI AVREI PROVATO ANCHE SE FOSSE SLITTATA DI 2 ANNI. NON MOLLO, SONO IN GIOCO E VOGLIO PROVARCI. FINCHÉ SARÒ IN FORMA, SARÒ PRONTO PER IL SETTEBELLO" (LA NAZIONALE ALLENATA DA SANDRO CAMPAGNA E' LA SELEZIONE ITALIANA PIU’ TITOLATA TRA LE DISCIPLINE OLIMPICHE A SQUADRA)

-

Condividi questo articolo

Claudio Mangini  per “il Secolo XIX”

 

TEMPESTI TEMPESTI

È abituato a volare, lo dice anche e il soprannome - l' Airone - e, all' occorrenza, a remare controcorrente. Lui, Stefano Tempesti, 40 anni, 5 Olimpiadi disputate e un palmares di medaglie a cinque cerchi, mondiali, europee e scudetti che è un forziere di trionfi, 4 anni fa subì il distacco della retina a due mesi dai Giochi di Rio. Sotto i ferri, giorni d' immobilità totale, poi riprese a inseguire quel traguardo, fu convocato e diede il suo contributo per il bronzo che Campagna ha definito «una delle medaglie più belle della storia della nazionale italiana di pallanuoto». Dopo 4 anni Tempesti vola e rema ancora, stavolta fra lui e il sogno della 6ª Olimpiade c' è qualcosa che va oltre lo sport: l' emergenza globale.

 

Dov' eravamo rimasti prima di questo incubo con cui convivere?

«Quando si poteva parlare di sport? A un momento straordinario dell' Ortigia. Siamo volati in finale di Euro Cup, in campionato andavamo fortissimo. E io mi sentivo, e mi sento ancora, un leone. Ma sembrano pensieri lontani».

 

A cosa pensa oggi?

TEMPESTI TEMPESTI

«Innanzitutto alla salute: famiglia, mia, amici, tutti. Sarebbe bello riprendere a pensare a emozioni e obiettivi quotidiani, ma non vorrei che la voglia di correre portasse a sbattere. Ci sono altre priorità».

 

Come si allena?

«Come tutti i miei colleghi, ci arrangiamo. Mangio regolare, lavoro a secco mentre il nostro elemento è l' acqua».

 

Quando questa brutta storia sarà alle spalle, il vostro Stefano Tempesti a Rio 2016 obiettivo principale?

«La coppa. La finale scudetto sarebbe una grande soddisfazione, bellissimo giocarla contro quella che è la sicura finalista, la Pro Recco. Gli voglio bene, Recco è casa mia.

Ma vincere un trofeo continentale sarebbe il massimo».

 

Crede che si riuscirà a terminare la stagione di club?

«Comandano le Olimpiadi. Con lo spostamento al 2021 appena deciso, penso si potrà ter minare la stagione di club in estate, e sarebbe molto bello».

 

Ha scelto l' Ortigia e la vita da trasfertista, con la famiglia lontana, per inseguire i Giochi con il Settebello?

TEMPESTI TEMPESTI

«Vero. Era il mio pensiero, lo è ancora».

 

Anche ora che l' Olimpiade slitta di dodici mesi?

«Anche se fosse slittata di 2 anni. Non mollo, sono in gioco e voglio provarci. Finché sarò in forma, sarò pronto per il Settebello. Campagna mi ha visto giocare diverse volte quest' anno. Non c' è bisogno che io gli dica niente e viceversa: è una questione di rispetto».

 

Lopez Pinedo, portiere della Spagna, vicino ai 40 anni; Nagy, Ungheria, ai 36; lei, quasi 41: tutti al top...

«Non molliamo. Lopez Pinedo e Nagy giocano in nazionale e cercheranno un' ultima gioia al massimo livello, io spero di poter fare come loro».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute