SERIE A E COVID: LA SITUAZIONE E’ GRAVINA MA NON SERIA - IL PIANO B DEL PRESIDENTE DELLA FIGC: PLAYOFF E PLAYOUT. MA (PER ORA) IL CALCIO NON PENSA AD UNO STOP - L'ORIENTAMENTO DEI CLUB È QUELLO DI SEGUIRE COSA ACCADE IN EUROPA DOVE CI SI FERMA IN CASI ESTREMI...

-

Condividi questo articolo

GUGLIELMO BUCCHERI per la Stampa

 

Gabriele Gravina Foto Mezzelani GMT24 Gabriele Gravina Foto Mezzelani GMT24

Il calcio, al netto delle posizioni del momento, si sforza di guardare oltre con il bicchiere mezzo pieno in mano.

 

Tradotto: l'idea dei club è quella di evitare il più possibile brusche frenate, ma di allinearsi all'indirizzo dato dall'Uefa e già metabolizzato da realtà come quella spagnola o inglese.

 

Ci si ferma dando vita al rinvio solo se le positività sono in numero tale da impedire di mettere a referto tredici o quattordici giocatori della prima squadra, altrimenti si va avanti. In Europa funziona così e così la pensano i vertici del nostro pallone: una norma che regoli la materia non c'è e non è volontà comune pensarla.

 

Giovanni Malagò e Gabriele Gravina Foto Mezzelani GMT45 Giovanni Malagò e Gabriele Gravina Foto Mezzelani GMT45

Piuttosto è meglio stare attenti a non creare quella giurisprudenza che proprio il caso di Genova può contribuire a creare: se, oggi, il giro di tamponi dovesse non confermare le undici positività fra i giocatori rossoblù, ma limitare i danni si aprirebbe la delicata questione su cosa fare in vista di Genoa-Torino per dare vita ad un precedente che deve avere un peso specifico in futuro senza creare strappi. Strada innovativa Il calcio si interroga ed aspetta. La Figc osserva e condivide: da via Allegri la sintonia con l'Uefa è totale.

 

Ma, allo stesso tempo, il numero uno del nostro pallone Gabriele Gravina tiene in vita la soluzione per uscire da un'eventuale corto circuito nel modo più indolore: il cambio del format del campionato con l'introduzione dei playoff e dei playout.

 

gravina spadafora dal pino gravina spadafora dal pino

L'idea piace a Gravina da tempo e non per forza collegata alla particolare situazione che stiamo vivendo dallo scorso febbraio: virare verso una soluzione del tutto inedita per la serie A sarebbe, però, la soluzione estrema ed applicabile già in questa stagione qualora i rinvii diventassero inevitabili.

 

infantino conte gravina infantino conte gravina

Il pallone guarda avanti in attesa di leggere l'esito degli esami a cui si sono sottoposti o si sottoporranno i giocatori del Genoa e del Napoli. Il duello fra i rossoblù ed il Toro verrà rinviato solo se il quadro dei contagiati rimanesse come lo conosciamo, altrimenti palla alla Lega. E sulla sfida dell'Allianz Stadium peserà il verdetto dei tamponi in agenda, a Napoli, anche entro le 48 ore prima della partita.

 

L'anno scorso al solo sentire pronunciare la parola playoff e playout i club provarono un senso di incertezza: capitasse di nuovo vorrebbe dire che la rivoluzione è compiuta.

 

francesca brienza premia il presidente gravina foto di bacco francesca brienza premia il presidente gravina foto di bacco gravina club sky gravina club sky

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

CHI CONTROLLA I MALATI SE SI AMMALANO I CONTROLLORI? - A TREVISO FOCOLAIO TRA CHI FA I TAMPONI: 9 POSITIVI TRA MEDICINA LEGALE E PROGRAMMI DI SCREENING - COME HA FATTO IL COVID A ENTRARE NEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE? L'IPOTESI È CHE L'OPERATORE SIA STATO CONTAGIATO IN AMBITO FAMILIARE. E CHE POI ABBIA DIFFUSO IL VIRUS, IN MODO INCONSAPEVOLE, NEGLI SPAZI COMUNI DELLA MADONNINA, COME L'ATRIO, LA ZONA DELLE MACCHINETTE DEL CAFFÈ E COSÌ VIA. QUESTO SPIEGHEREBBE L'ANDAMENTO APPARENTEMENTE PUNTIFORME DEI CONTAGI