SORPASSO INTER: IL CAMPIONATO S’ACCENDE – SCONCERTI: "LA JUVE STA VIVENDO UN’ANNATA PRESUNTUOSA E NEL FARLO HO TROVATO L’AVVERSARIO PEGGIORE: ‘IL GESUITA’ ANTONIO CONTE, SOFISTA DEMONIACO CHE TRASFORMA TUTTO IN ENERGIA E SOLERZIA – E SABATO C'È LAZIO-JUVENTUS, UNA GRANDE PARTITA TUTTA A FAVORE DELL'INTER. MA SE I BIANCOCELESTI VINCONO, BISOGNA AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

antonio conte antonio conte

C' è qualcosa di epocale nel sorpasso dell' Inter, almeno nelle piccole epoche del calcio. È stata ripresa e superata la squadra che da otto anni e mezzo domina. Ed è stata ripresa quando ormai era nell' aria un profumo di sufficienza. Era la Juve migliore ma non quella attesa, faceva troppe volte fatica, non trovava bellezza, si permetteva errori che nessuno ha mai commesso a questi livelli.

 

Per esempio, il portiere è unico, si cambia quando sta male o commette troppi errori. Permettersi anche solo il lusso di far giocare Buffon per farlo entrare in un record è qualcosa di velleitario che non rispetta nemmeno Buffon e di certo non rispetta il calcio.

antonio conte antonio conte

 

Nell' anno della presunzione la Juve ha avuto la sfortuna di trovare un ottimo avversario allenato da Conte. Era la peggior cosa capitabile perché Conte è il gesuita dell' eresia sufficiente, vive per punire chi si ferma, chi si accontenta. Il premio è sempre in fondo a un sacrificio costante.

 

Guardando la sua Inter viene da pensare a un altro calcio, non più fatto di schemi ma di insistenza, di oscurità, di espiazione. Ma funziona.

 

Baratta il senso di colpa col piacere, sono la stessa cosa, si liberano l' uno con l' altro. Conte è un sofista demoniaco che trasforma tutto in energia e solerzia, a mani giunte.

 

lautaro 3 lautaro 3

Contro questo avversario che quasi prescinde dagli uomini che ha, la Juve non era che destinata a subire.

 

lukaku lautaro lukaku lautaro

La Juve ha un calcio imperiale ma bizantino. L' Inter è monacale, di quelle fedi sottili dove il peccato è sempre presente ma è come un equivoco, bastano tre preghiere per redimersi e nel frattempo esisti, resisti. Non so come andrà a finire, ma era tempo di avere un campionato equilibrato. La prima differenza vera è tecnica: la coppia di attaccanti della Juve ha segnato 10 gol (più Higuain o Dybala, dipende chi si esclude). Quella dell' Inter 18.

antonio conte antonio conte

 

Una fa molto meno di un gol a partita, l' altra molto di più. È però in questo pertugio che si infila la Lazio con i 23 gol di Immobile e Correa.

 

Abbiamo un attaccante da 40 gol a stagione e non è Ronaldo. Uno che segna come pochi in Europa. Sabato c' è Lazio-Juventus, una grande partita tutta a favore dell' Inter. Sono anni che la Lazio si è sempre fermata alle porte della cucina, come non avesse il coraggio di gridare la sua fame. Se però batte la Juve, stavolta bisogna aggiungere un posto a tavola.

lukaku lautaro lukaku lautaro lukaku lautaro lukaku lautaro inter lukaku lautaro inter lukaku lautaro inter lukaku lautaro inter lukaku lautaro

ANTONIO CONTE ANTONIO CONTE antonio conte antonio conte antonio conte zhang antonio conte zhang antonio conte marotta antonio conte marotta

 

Condividi questo articolo

media e tv

FINCHÉ C’È NAPOLI C’È SPERANZA - PERÒ È BELLO SAPERE CHE, DI QUESTI TEMPI CUPI E SPIETATI E RISENTITI, C’È UNA CITTÀ DOVE LA CREATIVITÀ ARTISTICA È VIVISSIMA, IL MIGLIOR VACCINO PER LA NOSTRA IMMAGINAZIONE FERITA DA MESI DI AFFANNI - VINCENZO DE LUCA HA SBORSATO 15 MILIONI E IL TEATRO SAN CARLO HA APPARECCHIATO IN PIAZZA DEL PLEBISCITO E ALLA REGGIA DI CASERTA UN SONTUOSO TRITTICO DI ALLESTIMENTI LIRICO (TOSCA E AIDA) E SINFONICI (LA NONA DI BEETHOVEN) CON LE UGOLE BACIATE DA DIO DI ANNA NETREBKO E DI JONAS KAUFMANN - VIDEO TOP

politica

business

cronache

sport

ANCHE CON LA CANICOLA, JOHN ELKANN SUDA FREDDO: I SUOI GUAI ARRIVANO DALLO SPORT - IN CASA JUVENTUS, ANCHE CON LA VITTORIA DELLA CHAMPIONS, NON C’È FUTURO PER SARRI - ARIA DI ADDIO ANCHE PER FABIO PARATICI (APPRODA ALLA ROMA AL POSTO DI PETRACHI?) E PER IL VICEPRESIDENTE PAVEL NEDVED (NON E' APPREZZATA LA SUA VIVACITÀ SENTIMENTALE) - FUORI I NEMICI PARATICI E NEDVED, MAX ALLEGRI POTREBBE TORNARE A TORINO. MA LO VOGLIONO ANCHE MANCHESTER UNITED E INTER (SUNING E MAROTTA SONO STUFI DELLE CONTINUE ROTTURE DI CAZZO DI CONTE). “ANDONIO” SOGNA LA PANCHINA DELLA NAZIONALE -  ALTRO SUDORE GELIDO PER JOHN ELKANN SI CHIAMA FERRARI..

cafonal

viaggi

salute