LE ULTIME DALLA SMUTANDATA TRIGORIA! SFILANO I DIRIGENTI DAVANTI AL PROCURATORE FEDERALE: IERI VITO SCALA, PROSSIMAMENTE ANCHE LA CEO LINA SOULOUKOU. SI INDAGA SUI TESSERATI CHE RICEVETTERO IL VIDEO HOT – I RISCHI PER IL CLUB – COME DAGO DIXIT, FRIEDKIN URLA AL “COMPLOTTONE” PER IL SEXGATE E STA SVOLGENDO UNA INDAGINE PARALLELA: I DIPENDENTI DELLA ROMA STANNO SFILANDO UNO AD UNO DA UN NOTO PENALISTA ROMANO. MA A TRIGORIA C'È CHI PARLA DI “INQUISIZIONE” E TEME NUOVI LICENZIAMENTI

-

Condividi questo articolo


Alessia Marani per il Messaggero - Estratti

 

as roma trigoria as roma trigoria

Il procuratore federale Giuseppe Chinè è intenzionato a chiudere in fretta la vicenda attorno al Sexy gate della Roma. Per questo ieri pomeriggio ha ascoltato il dirigente Vito Scala, ex braccio destro di Francesco Totti, e si appresta in queste ore a convocare anche la Ceo, Lina Souloukou, prima di stringere il cerchio definitivamente sul caso ascoltando il giovane calciatore della Primavera che ha materialmente rubato il video hard dal telefonino della dipendente licenziata (con il fidanzato) in seguito alla diffusione delle immagini.

 

Procedere speditamente per dare delle risposte certe ma senza tralasciare alcun aspetto in quella che negli uffici della Figc di via Campania definiscono come una situazione comunque «complessa».

 

video hot dipendente as roma licenziata - trigoria video hot dipendente as roma licenziata - trigoria

E con conseguenze imprevedibili. Obiettivo della giustizia sportiva è, infatti, di capire se e quali tesserati abbiano violato il codice di comportamento etico che si basa sui principi di lealtà e correttezza. Se così fosse, dirigenti, atleti (anche i calciatori della prima squadra poiché il video ha avuto una diffusione virale) e lo stesso Club rischiano sanzioni pecuniarie, squalifiche e penalizzazioni. Le domande a Vito Scala, manager giallorosso tuttofare e punto di riferimento per gli spogliatoi, accompagnato da Antonio Conte, avvocato della Roma, sono state incalzanti in quasi un'ora di colloquio, intramezzato dalle operazioni di verbalizzazione.

 

 

lina souloukou foto di bacco (1) lina souloukou foto di bacco (1)

I quesiti si sono focalizzati sulla cronologia degli eventi e sull'incontro avuto a settembre con la coppia a cui lui stesso, insieme con un altro dirigente, ora ex, Tiago Pinto, ha rivelato dell'esistenza del video e della confessione del baby-calciatore che avrebbe sottratto la clip dopo essersi fatto prestare il cellulare dalla dipendente per effettuare una telefonata al suo procuratore.

 

Scala avrebbe, dunque, spiegato di avere agito con l'obiettivo di una ricomposizione del "fattaccio" nell'ottica di un suo superamento e di non essere stato a conoscenza degli ulteriori sviluppi, ossia della decisione della società di licenziare i due dipendenti a novembre.

(...)

 

CACCIA ALLE STREGHE Dal canto suo la Roma, già sentita dalla Procura federale per voce dell'avvocato Lorenzo Vitali che ha firmato le lettere di licenziamento, si dice sicura di avere ben operato e che, anzi, sia vittima di un «complotto».

 

Subito dopo il licenziamento, la coppia mandata a casa avrebbe chiesto un risarcimento di oltre 300mila euro, non accettato dal Club.

 

LINA SOULOUKOU 56 LINA SOULOUKOU 56

A Trigoria e in viale Tolstoj, all'Eur, dove la società dei Friedkin ha sede, il clima, intanto, è da caccia alle streghe. In questi giorni diversi dipendenti, tra cui anche alcuni dirigenti, hanno ricevuto la «citazione per un colloquio investigativo» da parte di un importante studio legale romano incaricato dalla società di indagare su presunti "infedeli" che abbiano architettato o contribuito a fare esplodere lo «scandalo».

 

FRIEDKIN FRIEDKIN

Ai destinatari si chiede di essere ascoltati «quali persone in grado di riferire circostanze utili in ordine ai fatti relativi ai recenti articoli di stampa aventi ad oggetto presunti scandali riguardanti ex personale dipendente della AS Roma nonché per vicende a essi connesse da cui potrebbero emergere ipotesi di reato commesse a danno della As Roma». Alcuni dipendenti non si sono tirati indietro e sono già stati ascoltati, altri hanno declinato - come è nelle loro possibilità - l'invito. I difensori, infatti, secondo il codice di procedura penale hanno facoltà di svolgere investigazioni per ricercare ed individuare elementi di prova a favore del proprio assistito.

 

Negli ambienti giallorossi, rincuorati calcisticamente parlando dalle buone performance degli "undici" di mister Daniele De Rossi, c'è chi parla di «inquisizione», temendo che i colloqui siano prodromi per nuovi licenziamenti e ulteriori periodi di ferie-forzate per altri.

DAN FRIEDKIN DAN FRIEDKIN LINA SOULOUKOU 67 LINA SOULOUKOU 67

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…