VIDEO! A TIRANA FANNO LA PIPI’ SUL BUS DELLA ROMA: PER DISTENDERE GLI ANIMI CI MANCAVA IL GESTO DI DUE GIOVANI, FORSE TIFOSI DEL FEYENOORD, AVVERSARIO DEI GIALLOROSSI NELLA FINALE DI CONFERENCE - L'AMBASCIATORE ITALIANO IN ALBANIA, FABRIZIO BUCCI, ROMANO E ROMANISTA, MANDA UN AVVISO AI TIFOSI CHE PENSANO DI PARTIRE SENZA BIGLIETTO – “LA POLIZIA ANDRÀ PER LE SPICCE: L'IDEA È TOLLERANZA MINIMA CONTRO LA VIOLENZA”

-

Condividi questo articolo


VIDEO

https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/conference-league/2022/05/24-93172006/incredibile_a_tirana_fanno_pipi_sul_bus_della_roma_video

 

 

 

 

 

Matteo Pinci per “la Repubblica”

 

TIRANA DUE GIOVANI FANNO PIPI' SUL BUS DELLA ROMA TIRANA DUE GIOVANI FANNO PIPI' SUL BUS DELLA ROMA

Trent' anni dopo, il sogno viaggia sulla rotta opposta. C'era un tempo in cui dall'Albania si partiva per l'Italia cercando una vita nuova. Da ieri, migliaia di romanisti sono in partenza per Tirana con in tasca un sogno europeo. Basta atterrare al "Nene Tereza", l'aeroporto dedicato a Madre Teresa, l'albanese più famosa del mondo, per capire che questa finale di Conference League, l'ultima nata della Uefa, da queste parti, è la cometa di Halley: è l'evento che passa una volta nella vita, che elettrizza una città, che fa rifare in fretta la strada che porta all'aeroporto e dipingere il gate con una porta da calcio, per far partecipare al gioco anche chi torna a trovare gli amici o la famiglia o vuole fare un bagno a Durazzo. E non solo perché per la prima volta una finale europea si celebra in Albania. Ma perché arriva la Roma, e Roma è l'Italia, e per milioni di albanesi l'Italia è, da sempre, l'orizzonte a cui tendere.

 

PARTENZA DELLA ROMA PER TIRANA ABRAHAM PARTENZA DELLA ROMA PER TIRANA ABRAHAM

Il Festival di Sanremo proiettava l'Europa nelle case oscurate dal regime chiuso nel Blloku, il quartiere che l'establishment comunista aveva tolto alla gente per farne il proprio enclave di potere e che oggi rifiorisce di locali alla moda e musica lounge . Come in una sorta di contrappasso. Identico a quello degli italiani, che viaggiano controcorrente, trentuno anni dopo i primi sbarchi clandestini a Brindisi: ieri all'aeroporto di Fiumicino era impossibile cambiare gli euro in lek, la moneta locale: "Sono arrivati stamattina e sono già finiti".

 

Tra qualche ora ogni tavolino sarà invaso dalle migliaia di tifosi che arriveranno da Roma e da Rotterdam. Proprio ai margini del Blloku sorge il gioiello architettonico in cui la Uefa ha disposto con un certo coraggio - e strizzando l'occhio all'influente presidente federale Armand Duka - di giocare la finale di una coppa che avrebbe dovuto regalare un sogno alla periferia del pallone, e invece mette di fronte il Feyenoord, Campione d'Europa nel '70, e la Roma, semifinalista solo 4 anni fa in Champions. Una partita di livello persino superiore alla finale di Europa League.

 

tirana stadio tirana stadio

S' erano illusi, a Nyon, che bastassero i 20 mila spettatori dell'Arena Kombetare. Uno stadio nato nel 2019 in un'area che oggi si chiama proprio Piazza Italia, e figlio del progetto di un architetto italiano, Marco Casamonti, che ha lavorato anche alla Dacia Arena di Udine e sta realizzando il nuovo centro sportivo della Fiorentina.

 

Ma certo non s' aspettava di disegnare lo stadio di una finale europea: «E non se lo aspettava nemmeno il primo ministro Rama, e nemmeno il presidente della federcalcio albanese. Ma se forse può sembrare piccolo per un evento così, è perfetto per l'Albania ».

 

edi rama edi rama

Uno stadio che fa invidia alla Roma, per dieci anni impigliata nella burocrazia per costruire un impianto che non si farà mai. Questo, invece, è sorto in tre anni: «Il progetto esecutivo lo abbiamo fatto mentre si costruiva, ha 3200 colonne rosse e nere, i colori della bandiera albanese, e su ognuna un pattern che richiama i tessuti albanesi. È costato in tutto 150 milioni, di cui 140 messi da un privato, la federazione ha contribuito con dieci milioni e con il terreno, ossia il vecchio impianto». Impossibile replicare il modello in Italia: «Siamo capaci di rifare un ponte in un anno, ma abbiamo perso smalto per l'ordinarietà. Da noi l'età media per realizzare un'opera pubblica è di 15 anni».

 

rama rama

Avvicinandosi, la prima cosa che si nota è la torre, «alta 100 metri, sarà un hotel della catena Marriott», le tribune invece occupano solo tre lati, «come la Bombonera, il 4° lato è un edificio. Ma questo è un impianto che vive 365 giorni all'anno, tutto il perimetro ospita negozi, bar, ristoranti, è una grande piazza urbana».

 

Il vero problema però per Tirana è farsi trovare pronta. Anche perché qui di eventi simili non ne hanno mai avuti: c'era stato il Papa, nel 2014, ma un conto sono un milione di pellegrini, un conto un migliaio di ultrà, di cui almeno 500 da Roma, con 14 uomini della polizia italiana a sorvegliarli. Molti sono pronti a sbarcare senza biglietto, nella speranza di trovarlo qui. «Io sto provando a scoraggiarli», ammette l'ambasciatore italiano in Albania, Fabrizio Bucci, romano e tifoso della Roma, «anche perché qui la polizia andrà per le spicce: l'idea è tolleranza minima contro la violenza».

 

FABRIZIO BUCCI AMBASCIATORE ITALIANO IN ALBANIA FABRIZIO BUCCI AMBASCIATORE ITALIANO IN ALBANIA

Impossibile fare una stima dei flussi, «ma per il governo è un evento storico, il centro sarà chiuso, chiuderanno gli uffici tanti tifosi verranno in nave e dormiranno a Durazzo». In traghetto è partito anche il pullman della Roma, che ai tifosi vip ha venduto pacchetti da 1400 euro viaggio più stadio, e che qui aveva prenotato il ristorante Amazonic per un'eventuale festa post partita. Ma s' è dovuta arrendere: è nel perimetro dello stadio, dovrà restare chiuso. Sono quasi trent' anni che Gianni Amelio scelse Tirana per farne Lamerica di un gruppo di mafiosi italiani. Ora per migliaia di italiani, torna a essere l'America, con la A maiuscola. O almeno lo spera Mourinho.

PARTENZA DELLA ROMA PER TIRANA PARTENZA DELLA ROMA PER TIRANA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT! DOMANI  SALTA IL GOVERNO DRAGHI? PROBABILE, PROBABILISSIMO, ANZI NO - L’INCONTRO A CORTONA TRA LETTA E CONTE È STATO “TRANCHANT”, VALE A DIRE DURISSIMO.  NON SOLO, COME RIPORTANO I GIORNALI DI OGGI, "SE M5S ROMPE CON IL GOVERNO, STOP ALL'ALLEANZA CON IL PD NEL 2023". AL CONTE FURIOSO, ENRICHETTO HA FATTO PRESENTE CHE LA SUA IDEA, IN CASO DI STRAPPO E DIMISSIONI DI DRAGHI, DI PROSEGUIRE CON UN GOVERNO TECNICO A GUIDA DANIELE FRANCO - COSA CHE PERMETTEREBBE AI PENTASTELLATI DI SCAVALCARE SETTEMBRE E INTASCARE L’AGOGNATO VITALIZIO – È SOLO UN SUO PIO DESIDERIO - ANCHE SE MATTARELLA NON HA ALCUNA INTENZIONE DI SCIOGLIERE IL PARLAMENTO, SARÀ IL PD A NON ACCETTARE UN GOVERNO CON APPOGGIO ESTERNO DEI GRILLINI NÉ UN ESECUTIVO TECNICO. A QUEL PUNTO, IL PD CHIEDERÀ SUBITO IL VOTO POLITICO ANTICIPATO

business

cronache

sport

cafonal

SKATE YOUR LIFE! ''CHI FA SKATE NON MANIFESTA, MA SI MANIFESTA'' - DAGO IRROMPE AL “WORLD STREET SKATEBOARDING” DI ROMA CON LA SUA LECTIOSULLA CULTURA SKATE: "RAGAZZI CHE HANNO TROVATO IN UN MOVIMENTO CHE TI STACCA DALLA TERRA IL LORO LEGAME. UN "PARADISO PEDESTRE" DI COLPI D'ANCA, GINOCCHIA ROTTE, TESTE SPACCATE, FUORI DAL QUALE IL TEMPO, LA SOCIETÀ, IL DESTINO, POSSONO TENDERE I LORO LEGITTIMI AGGUATI E LA VITA RITIRARE LE SUE PROMESSE" – DOMENICA GRAN SBALLO FINALE CON DAGO DJ - FOTO + VIDEO

viaggi

salute