ZHANG ALL’ANGOLO - OAKTREE CONTINUA LA SUA RICERCA DI UN ACQUIRENTE INTERESSATO A RILEVARE LE QUOTE DELL'INTER DOPO LA SCADENZA DEL PRESTITO DA CIRCA 275 MILIONI (PIU' 100 MILIONI DI INTERESSI) CONCESSO A SUNING, CHE SCADE A MAGGIO  - IL FONDO SAREBBE DISPOSTO A CONCEDERE LA PROROGA A ZHANG SOLO SE DIMOSTRERÀ DI AVERE UNA TRATTATIVA CON UN NUOVO INVESTITORE, MA PER IL MOMENTO NESSUNO HA ACCETTATO LE CONDIZIONI DEL PRESIDENTE NERAZZURRO - GLI AMERICANI POTREBBERO AVER TROVATO UN COMPRATORE...

-

Condividi questo articolo


steven zhang steven zhang

Estratto dell'articolo di Pietro Guadagno  per il Corriere dello Sport

 

C’è movimento intorno all’Inter. E sarebbe, dalle indiscrezioni che filtrano, tutto dalla parte di Oaktree: i timidi sondaggi di possibili acquirenti interessati a rilevare il club nerazzurro dalle mani del fondo si sarebbero, con discrezione, trasformati in qualcosa di più di una manifestazione d’interesse. È la conferma di quanto sia sempre più complicata la partita tra Steven Zhang e Oaktree. Come rivelato nei giorni scorsi dal Corriere dello Sport-Stadio, il fondo americano non è disposto a concedere altro tempo al presidente nerazzurro.

 

steven zhang steven zhang

La scadenza per restituire i 275 milioni ottenuti in prestito, più altri 100 di interesse (375 in totale), resta il 20 maggio. E oltre non si va. In questo senso è arrivata anche la conferma del Sole 24 Ore. Ma il quotidiano economico ha aggiunto un ulteriore risvolto alla vicenda. Oaktree, infatti, nelle ultime ore, avrebbe concesso un’apertura a Suning. Una mossa che, tuttavia, ha tutta l’aria di un ultimatum che mette il presidente in un angolo.

 

La disponibilità a dare una proroga, infatti, avrebbe come unico possibile scopo la finalizzazione delle trattative del gruppo Suning con un nuovo investitore. Per il fondo americano si tratterebbe della garanzia di capitali freschi. […]

 

NESSUNA TRATTATIVA

Il problema, però, è che, attualmente, non risultano trattative in corso tra Suning e altri soggetti. […]

 

TENTATIVI

steven zhang steven zhang

 Non è casuale, quindi, il fatto che Steven, appoggiandosi sempre a Goldman Sachs, sia tornato a “bussare” alle porte di una serie di fondi, soprattutto Usa, per strappare un nuovo finanziamento. Aveva proposto a Oaktree di restituire subito i 100 milioni di interesse, pur di ottenere altri due o tre anni di tempo, alzando il tasso dal 12 al 16%. Davanti al primo no, aveva rilanciato fino al 20%, chiedendo che la proroga fosse solo di un anno. Le resistenze del fondo americano, però, non si sono abbassate, obbligandolo a tornare anche sull’altra strada. Tanto più che gli ultimi segnali non possono essere considerati così incoraggianti per un cambio di rotta di Oaktree, anche al fotofinish.  […]

steven zhang 1 steven zhang 1 steven zhang steven zhang steven zhang steven zhang

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…