ANCHE TRITURATA, SEMPRE DI BANKSY È – VA ALL’ASTA “GIRL WITH A BALLOON”, UNA DELLE OPERE PIÙ NOTE DELL’ARTISTA CHE, TRE ANNI FA, VENNE TRITURATA A METÀ PROPRIO MENTRE STAVA PER ESSERE VENDUTA: IL PREZZO ORIGINALE ERA STIMATO FRA 200 E 300MILA STERLINE, MA DOPO L’OPERAZIONE VENNE ACQUISTATA DA UN ANONIMO COLLEZIONISTA EUROPEO PER 1 MILIONE DI STERLINE. ORA PER LUI E' TEMPO FAR FRUTTARE L’INVESTIMENTO: SI PARLA DELLA STRATOSFERICA CIFRA DI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Enrico Franceschini per “la Repubblica”

 

banksy banksy

«Anche il desiderio di distruggere è un desiderio creativo ». Citando Pablo Picasso, l'artista concettuale più misterioso del nostro tempo spiegava così tre anni or sono la decisione di ridurre in poltiglia una delle sue opere più note, Girl with a balloon, facendola finire dentro un tritacarta nascosto nella cornice proprio nel momento in cui veniva messa all'asta.

 

Ma il progetto, come è noto, fallì parzialmente, non si è mai del tutto capito se per una furbizia del suo autore o per un errore meccanico: e adesso il quadro torna all'asta, a un prezzo come minimo quintuplicato. Qualcuno dirà che non è arte. Di sicuro è un business redditizio per il proprietario e per Sotheby' s, che il 14 ottobre vende, anzi rivende, il quadro di Banksy, brillantemente ribattezzato dalla casa d'aste, subito dopo il singolare incidente, Love is in the bin ovvero "L'amore è nel cestino": dove il prezioso foglio di carta doveva finire interamente stritolato, se il meccanismo avesse funzionato come doveva.

banksy 4 banksy 4

 

 Poiché la distruzione si è fermata più o meno a metà, invece che in un cestino ora finisce di nuovo sotto il martello del banditore. Il prezzo originale, quando venne messo all'asta nella sua interezza nell'ottobre 2018, era stimato fra 200 e 300 mila sterline. Passato in parte attraverso il tritacarta, e così diventato, come spiegò Sotheby' s con notevole senso del marketing, «la prima opera d'arte della storia creata in diretta durante un'asta», è stato acquistato lo stesso da un anonimo collezionista europeo per 1 milione di sterline.

 

Adesso il collezionista in questione ha pensato che sia venuto il momento di fare fruttare lo scaltro investimento e lo rimette in vendita, sempre da Sotheby' s, a un prezzo stimato fra 4 e 6 milioni di sterline: cinque o sei volte tanto, non male nel giro di trentasei mesi. L'immagine della bambina (ridotta in striscioline e fuori dalla cornice tranne la punta dei capelli) e del palloncino rosso (che rimane solitario e intatto dentro il quadro) è stata mostrata ieri ai giornalisti nella sede londinese di Sotheby' s a Bond Street. Dove, questo fine settimana, verrà allestita una speciale esibizione dell'opera al pubblico.

 

banksy banksy

Quindi, a metà ottobre, sapremo chi se l'è aggiudicata, o più probabilmente per quanti soldi, poiché spesso in questi casi l'acquirente preferisce mantenere l'anonimato. Il graffitaro senza volto, come Banksy è stato chiamato per il suo rifiuto di farsi identificare, pubblicò un video su Instagram, qualche giorno dopo la parziale distruzione della "Ragazza col palloncino", lasciando intendere che il tritacarta, da lui inserito segretamente nella cornice e a quanto pare azionato in sala con un telecomando da un suo emissario, si era inspiegabilmente inceppato: «Nelle prove che abbiamo fatto in precedenza aveva sempre funzionato».

 

banksy banksy

Vero? Falso? Alex Branczik, responsabile dell'arte contemporanea a Sotheby' s, escluse che si trattasse di una cospirazione, magari in combutta con la sua casa d'aste, ideata apposta per fare sensazione e veder lievitare il prezzo: «Eravamo coinvolti direttamente in questa cosa? Assolutamente no. Pensate davvero che Banksy, che ha iniziato con i graffiti a Bristol evitando in ogni modo le autorità locali, volesse collaborare con l'establishment dell'arte?». Come che sia, la satirica street art di cui oggi Banksy è considerato il maestro assoluto continua ad attirare l'attenzione dei critici, del pubblico e dei collezionisti.

 

banksy congegno banksy congegno

Sarà pure vero che anche il desiderio di distruggere nasconde una pulsione creativa, come sosteneva Picasso e magari potrebbe confermare Freud, ma la morale di questa incredibile storia è che alla fine c'è sempre un Paperone che passa a pagare alla cassa: più che nel cestino, Love is in the bin (allusione a Love is in the air, canzone cult del 1977 di John Paul Young) finisce nel portafoglio di Sotheby' s e dei suoi danarosi clienti. Love is in the bin L'opera che Banksy ha tentato di distruggere durante un'asta, riuscendoci a metà.

banksy 3 banksy 3 banksy 2 banksy 2 banksy banksy banksy banksy banksy banksy banksy banksy banksy 1 banksy 1 banksy 5 banksy 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…