L’IMPERO DI GAGOSIAN IN VENDITA AD ARNAULT? - IL SECONDO UOMO PIÙ RICCO AL MONDO, GRAZIE A LVMH, SAREBBE IN TRATTATIVA CON IL MERCANTE STATUNITENSE CHE HA IL CONTROLLO DI 100 TRA GLI ARTISTI PIÙ QUOTATI AL MONDO. L’INDISCREZIONE LANCIATA DA DAGOSPIA – PARIGI VS LONDRA: LA BREXIT PONENDO FINE AL LIBERO PASSAGGIO DELLE MERCI HA DANNEGGIATO IL MERCATO DELL'ARTE DI LONDRA - MACRON MIRA A FAR DIVENTARE PARIGI IL “CENTRO NEVRALGICO DEL MONDO DELL'ARTE” – VIDEO 

-

Condividi questo articolo


1. L’IMPERO DI GAGOSIAN IN VENDITA AD ARNAULT?

Giorgio Guglielminohttps://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/l-impero-di-gagosian-in-vendita-ad-arnault-/140592.html

 

Larry Gagosian Bernard Arnault Larry Gagosian Bernard Arnault

L’imprenditore francese Bernard Arnault (Roubaix, 1949), seconda persona più ricca al mondo dopo Elon Musk in base ai dati di Forbes del luglio 2022 (grazie al controllo di circa i due terzi della moda e dei prodotti di lusso a livello globale attraverso il gruppo Lvmh) nonché grande collezionista, sarebbe in trattative con Larry Gagosian per l’acquisto dell'impero del gallerista americano composto da 17 gallerie sparse in tutto il mondo.

 

stefano tonchi delphine arnault alminerech-Larry Gagosian stefano tonchi delphine arnault alminerech-Larry Gagosian

La notizia bomba è stata lanciata dal sito italiano Dagospia solitamente molto ben informato e, se confermata, rappresenterebbe un riequilibrio tra i due re francesi del mondo dell’arte: Bernard Arnault, mecenate e collezionista che nel 2006 ha creato a Parigi la Fondazione Louis Vuitton per l’arte contemporanea, e François Pinault, proprietario di Palazzo Grassi e di Punta della Dogana a Venezia e della più recentemente inaugurata Bourse de Commerce a Parigi che ospita parte della sua collezione; il figlio di Pinault, François-Henri controlla, attraverso il Gruppo Artemis, la casa d’aste Christie’s.

bernard arnault xavier niel delphine arnault bernard arnault xavier niel delphine arnault

 

Avere il controllo del ramificato impero di Gagosian vorrebbe dire avere il controllo di 100 tra gli artisti più quotati al mondo nonché la possibilità di lanciare ai massimi livelli giovani artisti come il gallerista ha fatto di recente con Jadé Fadojutimi (29 anni) e Anne Weyant (27 anni), che di Gagosian è anche la compagna.

 

Molti si chiedevano che cosa sarebbe accaduto all’intera struttura di Larry Gagosian che ha 77 anni e non ha eredi. Forse la mossa di Arnault potrebbe essere la risposta.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da @dagocafonal

PARIGI VS LONDRA: QUALE CAPITALE CONQUISTERÀ IL CUORE DEI COLLEZIONISTI D'ARTE?

Scott Reyburnhttps://www.theartnewspaper.com/2022/10/14/paris-vs-london-which-capital-will-win-the-hearts-of-art-collectors- Estratto

Emmanuel Macron Bernard Arnault Emmanuel Macron Bernard Arnault

 

Londra contro Parigi: una storia di due centri d'arte. Sappiamo come sarebbe andata a finire questa storica rivalità. Londra ha i miliardari offshore e le aste di grandi dimensioni, Parigi il pedigree artistico. Londra è la città per l'ultima arte contemporanea all'avanguardia, Parigi per il classico contemporaneo. Londra è cool, Parigi chic. E così via.

 

Ma negli ultimi sei anni sono successe molte cose per scuotere queste supposizioni. Il voto della Gran Bretagna del 2016 per lasciare l'Unione Europea, ponendo fine al libero passaggio delle merci tra il Regno Unito e il blocco commerciale più grande del mondo, ha danneggiato il mercato dell'arte di Londra. 

BERNARD ARNAULT CON LA MOGLIE E LA FIGLIA BERNARD ARNAULT CON LA MOGLIE E LA FIGLIA

 

L'anno scorso, secondo l'ultimo rapporto Art Basel/UBS Art Market, la quota del Regno Unito sulle vendite all'asta globale è scesa al 13%, in calo rispetto al 18% del 2019. Le vendite all'asta equivalenti in Francia nel 2021 sono balzate dal 6% al 9%.

 

Una volta che i rivenditori con sede a Londra sono stati gravati dalle nuove tariffe, burocrazia e costi di spedizione legati alla Brexit, Parigi è diventata l'alternativa logica per le gallerie internazionali. David Zwirner, Skarstedt, Mariane Ibrahim, Galleria Continua, White Cube e Gagosian hanno aperto nuove filiali nella capitale francese, dove Hauser & Wirth aprirà il prossimo anno.

Larry Gagosian Bernard Arnault Larry Gagosian Bernard Arnault

 

Almeno nella stagione delle fiere di ottobre, Londra ospita ancora Frieze, il centro commerciale di arte contemporanea più cool d'Europa in una tenda. Ma ora la venerabile, anche se meno commerciale, Foire Internationale d'Art Contemporain (Fiac) di Parigi è stata sostituita (per il momento, anche in tenda) dall'attesissima Paris+, organizzata da Art Basel, il franchising di fiere d'arte più grande e elegante del mondo .

 

Gagosian delphine arnault Gagosian delphine arnault

Negli anni 2010 c'è stata una pausa di una settimana tra queste prestigiose fiere di Londra e Parigi, rendendo scomodo per i visitatori a lungo raggio partecipare a entrambi gli eventi. Frieze London e Paris+ si tengono consecutivamente. Altrettanto importante, il dollaro USA ha raggiunto il suo valore più alto da decenni sia nei confronti della sterlina che dell'euro.

 

"Frieze ha un marchio forte, ma già l'anno scorso era chiaro che l'energia si era spostata dalla loro sede originale nel Regno Unito a Los Angeles e ora a Seoul", afferma Cromwell. “Paris+ non sarà una grande fiera, ma è [Art] Basel, quindi la qualità ci sarà, inoltre è la città della luce, che di questi tempi è ancora più brillante. Dopo la Brexit, Parigi è la città".

 

"Parigi è un marchio"

bernard arnault frank gehry fondazione luis vuitton bernard arnault frank gehry fondazione luis vuitton

L'apertura della Fondation Louis Vuitton e della Bourse de Commerce, due eccezionali musei privati fondati rispettivamente dai mega collezionisti Bernard Arnault e Francois Pinault, ha aggiunto una dimensione in più alla scena artistica parigina. Così anche l'arrivo di tante prestigiose concessionarie internazionali in città, secondo Cécile Verdier, presidente di Christie's France.

 

bernard arnault fondazione luis vuitton bernard arnault fondazione luis vuitton

"Ha incoraggiato i collezionisti a trascorrere più tempo a Parigi", afferma, il che a sua volta ha aumentato la domanda alle aste della città. A giugno, la vendita dal vivo di Christie's dell'opulenta collezione Hubert de Givenchy di arte del 20° secolo e arredi del 18° secolo ha raccolto 114,4 milioni di euro, più che raddoppiando la stima bassa della pre-vendita. Venti lotti venduti per più di 1 milione di euro, molti acquistati da clienti asiatici. "Agli asiatici piace comprare a Parigi", dice Verdier. “Parigi è di per sé un marchio di fabbrica per loro”.

 

Emmanuel Macron Bernard Arnault Emmanuel Macron Bernard Arnault

Sotheby's si trasferirà il prossimo anno in una sede parigina ampliata di 3.500 mq in rue du Faubourg Saint-Honoré 83. L'azienda prevede che la vendita questo mese degli opulenti contenuti dell'Hotel Lambert, la casa dello sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, raccolga almeno 50 milioni di euro. Bonhams si è espansa anche a Parigi, avendo recentemente acquisito la casa d'aste francese Cornette de Saint-Cyr.

arnault e delphine arnault e delphine

 

"C'è un ecosistema speciale qui", dice Verdier. "Ci sono molte case d'aste più piccole che danno vitalità alla scena artistica parigina". Lo specialista di informazioni sul mercato dell'arte Artprice riferisce che le case d'asta di Parigi hanno registrato "performance eccezionalmente forti" nella prima metà del 2022, con vendite di Artcurial in aumento del 42% e Aguttes in aumento del 154%.

 

Ma nonostante tutta questa rinascita culturale e commerciale, Parigi, almeno per il momento, manca ancora della forza londinese di concessionarie contemporanee altamente apprezzate che riconoscono e nutrono un talento artistico serio. Un ramo di Gagosian o David Zwirner è una cosa, ma trovare equivalenti parigini di Sadie Coles, Thomas Dane, Josh Lilley, Stuart Shave e Carlos Ishikawa è un'altra.

 

Macron e Lorenzo Fiaschi di Galleria Continua) Macron e Lorenzo Fiaschi di Galleria Continua)

Il governo francese, al contrario, vede nelle arti creative un valore sociale ed economico. Lo scorso ottobre, durante la settimana di quella che si è rivelata la fiera d'arte Fiac d'addio, il presidente Emmanuel Macron ha invitato 200 mercanti e artisti a un ricevimento all'Eliseo per ringraziarli di aver reso Parigi il “centro nevralgico del mondo dell'arte”.

 

Oggi, quando i veri conservatori britannici pensano alla cultura, pensano alle guerre culturali.

 

Londra e Parigi sono entrambe grandi città con scene d'arte straordinariamente ricche. Ma la Gran Bretagna post-Brexit, con la sua economia in declino guidata da una forma di capitalismo neoliberista spietatamente estrattivo, che disprezza i valori liberali e la creatività che incoraggiano, è il tipo di luogo che le persone che si preoccupano dell'arte vogliono visitare?

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ENTRO FINE ANNO AVREMO 10 MILIONI DI ITALIANI A LETTO CON L'INFLUENZA” - IL VIROLOGO FABRIZIO PREGLIASCO: “NEGLI ULTIMI ANNI DI VIRUS NE È CIRCOLATO POCO PER VIA DI MASCHERINE E DISTANZIAMENTO E PER QUESTO ABBIAMO UNA QUOTA MAGGIORE DI POPOLAZIONE PREDISPOSTA AL CONTAGIO - GLI ANTIBIOTICI NON VANNO MAI PRESI, NEMMENO A SCOPO PROTETTIVO PER I PIÙ ANZIANI, COME QUALCHE VOLTA ERRONEAMENTE SENTO DIRE. UNICA ECCEZIONE LA FANNO LE PERSONE CHE SOFFRONO DI BRONCHITE CRONICA O NEL CASO CI SIA UNA CONTEMPORANEA INFEZIONE BATTERICA. È SCONSIGLIATO FARE DA SÉ..."